Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
27-08-2016

Giudicato riflesso precluso dall’inammissibilità del ricorso

In tema di solidarietà tributaria, un coobbligato non può avvalersi della sentenza favorevole ottenuta da altro coobbligato contro il Fisco, qualora…
27-08-2016

Il bonus investimenti nel Mezzogiorno è un contributo tassabile

Le imprese che intendono beneficiare del credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno devono presentare, a partire dal 30 giugno 2016 e fino al…
27-08-2016

CFC al test dei regimi fiscali speciali

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 35 del 4 agosto 2016 commenta il disposto dell’art. 167, comma 4, del TUIR che individua i regimi fiscali…
27-08-2016

Verso la trasmissione telematica dei dati delle fatture alle Entrate

A distanza di un anno dall’entrata in vigore del DLgs. 127/2015 (2 settembre 2015), che ha previsto l’introduzione di nuovi strumenti e regimi di…
27-08-2016

Controllo contrattuale “ristretto” nei gruppi

Il Tribunale di Roma, nella sentenza n. 11925/2016, analizza il c.d. controllo societario esterno (o contrattuale) in funzione di eventuali…
26-08-2016

Niente 770 se le ritenute non devono essere operate

La proroga al prossimo 15 settembre del termine per la presentazione in via telematica dei modelli 770 rende attuale una riflessione sui dati da…
26-08-2016

Il riordino delle Camere di Commercio torna sul diritto annuale

Durante il Consiglio dei Ministri di ieri sono stati approvati in via preliminare quattro decreti di riforma della P.A., tra i quali il riordino della…
26-08-2016

Bonus Mezzogiorno calcolato sugli investimenti “netti”

Con riferimento alla determinazione dell’agevolazione per gli investimenti nel Mezzogiorno, il comma 101 dell’art. 1 della L. 208/2015 stabilisce che…
26-08-2016

Legittimo affidamento anche sulle informazioni provenienti dall’INPDAP

Ai sensi dell’art. 10 comma 2 della L. 212/2000, “non sono irrogate sanzioni né richiesti interessi moratori al contribuente, qualora egli si sia…
26-08-2016

Interessi di mora e rivalutazione sulle somme oggetto di rimborso

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16797/2016, ha chiarito un aspetto molto rilevante, in tema di danno da rivalutazione.Nel caso di specie,…
26-08-2016

Approvato il nuovo regolamento per le elezioni dei Consigli degli ODCEC

Il CNDCEC, nella nota informativa n. 95 pubblicata ieri, ha reso noto che con il DM del Ministero della Giustizia 17 agosto 2016 è stato approvato il…
25-08-2016

Studi di settore, cause di esclusione a rischio disconoscimento

La compilazione dei modelli di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore richiede particolare attenzione per quel che riguarda…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it