Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
24-10-2014

Deduzione del 20% anche sugli interessi passivi del mutuo

Nella seduta di ieri, la Camera ha votato la questione di fiducia sul decreto “Sblocca Italia”. Ora, l’esame del provvedimento riprenderà in Aula a…
24-10-2014

Familiari dei soci fuori dalla comunicazione dei finanziamenti

Scade il prossimo 30 ottobre il termine per effettuare la comunicazione dei dati delle persone fisiche soci o familiari dell’imprenditore che hanno…
24-10-2014

Indipendenza del giudice tributario all’esame della Corte Costituzionale

La Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia, con l’ordinanza n. 280 dello scorso 23 settembre, ha rinviato alla Consulta la questione di…
24-10-2014

Credito d’imposta per la banda ultralarga fino al 31 dicembre 2015

Nell’iter di conversione in legge del c.d. decreto “Sblocca Italia” (DL 133/2014) sono state introdotte alcune modifiche al credito di imposta,…
24-10-2014

Nuovo regime forfetario, spese irrilevanti ai fini reddituali

In base al Ddl. di stabilità, firmato nella serata di ieri dal Presidente della Repubblica per la presentazione alle Camere, dal 2015 saranno…
24-10-2014

Verso l’abrogazione della comunicazione annuale dati IVA

L’art. 44, comma 18 del Ddl. di stabilità riduce gli obblighi dichiarativi annuali ai fini IVA. Il testo prevede l’abrogazione dell’obbligo di…
24-10-2014

Nuova causale contributo per il “FASDA”

Con la risoluzione n. 93 pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo “FASD” per la riscossione, tramite modello F24,…
24-10-2014

Via libera al maxiemendamento al decreto sulla giustizia civile

Ieri il Senato ha approvato il maxiemendamento interamente sostitutivo del Ddl. n. 1612, di conversione del DL n. 132/2014, in materia di processo…
24-10-2014

Solo il danno diretto consente l’azione individuale del socio

Ove l’amministratore di una società, a fronte di preliminari già firmati, ometta di stipulare i contratti definitivi di compravendita di terreni,…
23-10-2014

Ritenuta all’8% sui bonifici agevolati

Oltre alla proroga delle aliquote “potenziate” delle agevolazioni per la riqualificazione energetica, il recupero del patrimonio edilizio e per il…
23-10-2014

Dalle modifiche IRAP effetti sulla deducibilità nel determinare il reddito

La deducibilità integrale, ai fini IRAP, dei costi dei dipendenti a tempo indeterminato, prevista – a decorrere dal 2015 – dal Ddl. di stabilità 2015…
23-10-2014

La Cassazione conferma che per gli eredi non c’è sempre solidarietà tributaria

Su Eutekne.info di ieri, si è affermato che, ai fini TASI e IMU, non può esserci responsabilità solidale per gli eredi del contribuente defunto, in…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it