Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
24-05-2017

La tassazione sostitutiva di 100.000 euro assorbe tutti i redditi esteri

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato ieri la circolare n. 17, che fornisce chiarimenti sui regimi agevolativi previsti per le persone fisiche che…
24-05-2017

Anticipati i nuovi indici di affidabilità al posto degli studi di settore

La disciplina degli indici sintetici di affidabilità fiscale, sostitutivi degli studi di settore, potrebbe essere introdotta in via anticipata…
24-05-2017

Aggiunti dati sugli studi di settore nel cassetto fiscale

Da ieri, il prospetto riepilogativo del cassetto fiscale, contenente le informazioni più significative dichiarate per l’applicazione degli studi di…
24-05-2017

Incentivi per i lavoratori “contro-esodati” fino al 2017

Nell’ambito della circ. 17 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha fornito rilevanti chiarimenti in merito alle misure volte ad agevolare le persone…
24-05-2017

Il pagamento del debito tributario non vale per tutti i concorrenti nel reato

Il pagamento del debito tributario da parte di un concorrente (o di un terzo) di per sé non produce alcun effetto sugli altri concorrenti (o…
24-05-2017

Commercialisti: “Bene i decreti attuativi sul terzo settore”

Gli schemi di decreto sul non profit rappresentano un “passaggio cruciale per il completamento del progetto di riforma” del terzo settore.I…
24-05-2017

Notifica della cartella non necessaria per l’insinuazione dei crediti previdenziali

La notifica della cartella non è necessaria, ad alcun fine, qualora la pretesa iscritta a ruolo, insinuata al passivo fallimentare, non abbia natura…
24-05-2017

Procedura per la domanda del contributo asili nido operativa dal 17 luglio

L’INPS, con la circolare n. 88/2017, ha fornito le prime istruzioni operative per accedere all’agevolazione prevista per il pagamento delle rette…
24-05-2017

Licenziamento per malattia senza tempi “prefissati”

In caso di licenziamento per superamento del periodo di comporto, la tempestività del recesso non può essere rigidamente determinata sulla base dei…
24-05-2017

Per la DIS-COLL serve l’iscrizione in via esclusiva alla Gestione separata

Con la circolare n. 89 di ieri, l’INPS è intervenuto con riferimento alla DIS-COLL, ovvero l’indennità di disoccupazione per i collaboratori…
23-05-2017

Primo via libera alla web tax, rimborsi IVA più veloci

La platea dei destinatari dello split payment resta invariata, ma è in arrivo la velocizzazione dei rimborsi IVA, oltre alla “web tax”.Ieri la…
23-05-2017

Spese per asilo nido e scuola materna con i codici “33” o “12” in REDDITI PF

Per le spese documentate sostenute dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido da parte dei figli spetta la…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it