Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
23-03-2017

Ultimi giorni per il regime opzionale di comunicazione di fatture e corrispettivi

Scade il 31 marzo 2017 il termine per esercitare le opzioni per la trasmissione telematica dei dati delle fatture e dei corrispettivi di cui al…
23-03-2017

I prelievi bancari sono giustificabili dalle esigenze personali

La Cassazione, con la sentenza n. 7259 depositata ieri, è tornata ad occuparsi di accertamento fondato sulle indagini finanziarie ed, in particolare,…
23-03-2017

Compilazione “rafforzata” del quadro RV per l’adozione dei nuovi OIC

Le istruzioni al quadro RV, sezione I, del modello REDDITI 2017 SC contengono importanti novità per la gestione delle differenze tra valori civili e…
23-03-2017

Soppressa la causale contributo per il lavoro accessorio

Con la risoluzione n. 37 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha soppresso la causale contributo “LACC – Lavoro occasionale accessorio”.Il DL 17 marzo…
23-03-2017

Nel collegio di esperti per assistere il debitore da valorizzare i commercialisti

Con un comunicato stampa diffuso ieri, l’Associazione Nazionale Commercialisti (ANC) ha espresso alcune criticità sul disegno di legge recante “Delega…
23-03-2017

Curatore con pieni poteri anche nelle srl

È la responsabilità di amministratori e sindaci di srl il tema sviscerato dalla sentenza n. 3398 del Tribunale di Roma, depositata il 21 febbraio…
23-03-2017

Scadenza a fine mese per la comunicazione di lavori usuranti

Salvo proroghe dell’ultima ora, il prossimo 31 marzo 2017 scadrà il termine entro il quale numerosi datori di lavoro dovranno trasmettere…
23-03-2017

Per l’equipollenza programmi formativi da vagliare con attenzione

In attesa che il Ministero dell’Economia e delle finanze renda note le indicazioni per l’assolvimento degli obblighi formativi da parte dei soggetti…
22-03-2017

Costi per pubblicità non inerenti se l’ASD non è iscritta al Registro CONI

Con la sentenza n. 7202 depositata ieri, la Suprema Corte affronta il tema della deducibilità dei costi di pubblicità in favore delle associazioni e…
22-03-2017

C’è la bozza del modello per comunicare le liquidazioni IVA

L’Agenzia delle Entrate, nella giornata di ieri, ha pubblicato in bozza il modello per effettuare la comunicazione dei dati delle liquidazioni IVA…
22-03-2017

Retroattiva l’esenzione IMU per gli immobili merce

In base a un’interpretazione costituzionalmente orientata deve ritenersi che la norma che ha introdotto, a partire dal 2014, l’esenzione IMU per gli…
22-03-2017

Il mancato accesso alla rottamazione complica la dilazione

È stata di recente pubblicata sul sito di Eutekne la scheda di aggiornamento riguardante la rottamazione dei ruoli, aggiornata con i numerosi…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it