Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
22-11-2014

Reverse charge esteso alle cessioni nei confronti della grande distribuzione

La legge di stabilità 2015 “apre” all’estensione del meccanismo dell’inversione contabile alle cessioni effettuate nei confronti della grande…
22-11-2014

Fabbricato da demolire riqualificato in terreno edificabile per il Registro

La vendita di un fabbricato obsolescente, poi demolito, può essere riqualificata dall’Agenzia delle Entrate, ai fini dell’imposta di registro, in…
22-11-2014

Al via la Certificazione Unica da trasmettere alle Entrate

Da ieri è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate la bozza della Certificazione Unica che, nel 2015, i sostituti d’imposta dovranno…
22-11-2014

Per gli atti di riclassamento catastale, non basta indicare categoria, classe e rendita

Anche gli atti di riclassamento catastale, al pari di un qualsiasi avviso di accertamento tributario, devono essere adeguatamente motivati, non…
22-11-2014

Enti non commerciali sempre obbligati alla dichiarazione per il 2012 e 2013

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato ieri, sul proprio sito, alcune FAQ in tema di dichiarazione IMU TASI ENC prevista per gli enti non…
22-11-2014

Anche il socio persona fisica può dirigere e coordinare il gruppo

La responsabilità da attività di direzione e coordinamento svolta in violazione dei principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale, ex…
22-11-2014

“Effetto Draghi” sui rendimenti Btp, ai nuovi minimi storici

Doppio intervento di Draghi ad inizio e fine settimana per sottolineare che la Bce è pronta ad aumentare gli importi e la gamma di titoli…
21-11-2014

Omaggi dei professionisti nel plafond delle spese di rappresentanza

Al pari di quanto avviene nel reddito d’impresa, anche nel reddito di lavoro autonomo (capo V del TUIR) il trattamento fiscale degli omaggi segue il…
21-11-2014

Incerto il calcolo preventivo del “costo” della regolarizzazione

Ieri, nel corso di un’audizione all’Ufficio di presidenza delle Commissioni riunite Giustizia e Finanze del Senato, il Consiglio Nazionale dei dottori…
21-11-2014

Esclusioni dalla disciplina delle manifestazioni a premio ad ampio raggio

Con una nota pubblicata ieri, la n. 0205930, il Ministero dello Sviluppo economico è intervenuto a definire gli ambiti applicativi di alcune…
21-11-2014

Conti svizzeri in chiaro dal 2018

La Svizzera ha formalizzato l’adesione al c.d. “Multilateral Competent Authority Agreement on Automatic Exchange of Financial Account Information”,…
21-11-2014

Intermediari alla “prova” del rinnovo dell’ambiente di sicurezza Entratel

Con cadenza triennale, gli intermediari abilitati ad Entratel (es. dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti del lavoro, ecc.) devono…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it