Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
22-09-2014

Norma sulle stp stralciata dal decreto semplificazioni

Conformandosi ai pareri parlamentari, in questo specifico caso uniformi, di Camera e Senato, il Consiglio dei Ministri di venerdì scorso ha stralciato…
22-09-2014

Maggiore responsabilità per i liquidatori di soggetti IRES

Come già anticipato (vedasi “Il Governo approva la seconda versione del decreto «semplificazioni»“ del 20 settembre 2014), il Consiglio dei Ministri…
22-09-2014

Salta l'inammissibilità dell'appello per omesso deposito in C.T. Prov.

L’art. 36 della bozza di “nuovo” decreto semplificazioni fiscali propone di abrogare il secondo periodo dell’art. 53 del DLgs. 546/92, che, come noto,…
22-09-2014

Registro e ipocatastali fisse per i conferimenti in SIIQ

Tra le misure approntate per il rilancio del settore immobiliare, il DL n. 133/2014 (decreto “Sblocca Italia”) contiene anche una serie di…
22-09-2014

Studi di settore, comunicazioni dei dati rilevanti strategiche

A ridosso del termine ultimo per la presentazione delle dichiarazioni, non è da trascurare il tema della compilazione delle comunicazioni dei dati…
22-09-2014

Nelle società di persone, la compagine può modificarsi anche con atti unilaterali

Nell’ambito dell’appendice di aggiornamento recante gli “Orientamenti in materia di atti societari” approvati dalla Commissione Società del Comitato…
22-09-2014

Focus delle Sezioni Unite sulla “231”

Il sistema disegnato dal DLgs. 231/2001 prevede una responsabilità peculiare ovvero un “tertium genus” rispetto a quelle tradizionali, penale ed…
22-09-2014

Il dolo eventuale è volontà indiretta o per analogia

La sentenza n. 38343/2014 delle Sezioni Unite della Cassazione si sofferma anche su una tra le questioni maggiormente discusse nel diritto penale: la…
22-09-2014

Per i tirocinanti revisori comunicazioni telematiche ancora limitate

La nuova applicazione informatica resa disponibile sul portale della revisione legale e dedicata ai tirocinanti (si veda “Revisione legale, Registro…
20-09-2014

Prende il via il progetto per pagare le marche da bollo on line

Nei prossimi mesi – considerati i tempi tecnici necessari allo sviluppo delle procedure, da parte delle pubbliche amministrazioni e degli intermediari…
20-09-2014

F24 on line a maglie strette

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta, con la circolare n. 27 di ieri, per fornire chiarimenti sull’estensione dell’obbligo di utilizzo di canali…
20-09-2014

Società di comodo solo se in rosso per cinque anni consecutivi

Nel testo del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, che ha ricevuto la seconda approvazione preliminare da parte del Consiglio dei…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it