Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
02-07-2016

Accertamento ai tassisti da ponderare con attenzione

La C.T. Reg. della Toscana, con la sentenza n. 1079/29/16 del 10 giugno 2016, ha statuito in tema di ricostruzione induttiva dei redditi di un…
02-07-2016

Bonus del 65% per sistemi di controllo a distanza solo per unità abitative

La L. 208/2015 (legge di stabilità 2016), al comma 88 dell’art. 1, estende l’applicazione delle detrazioni previste per gli interventi volti alla…
02-07-2016

Il commercialista non può dedurre generiche fatture di servizi

Dalla corposa sentenza n. 577/2016 della C.T. Reg. di Torino – emessa in esito all’appello di un commercialista che aveva tentato, con ogni mezzo…
02-07-2016

Fattura elettronica tra privati al debutto

L’Agenzia dell’Entrate, nella giornata di ieri, 1° luglio 2016, ha rilasciato il nuovo servizio web gratuito per la generazione, trasmissione e…
02-07-2016

In vigore le sanzioni per violazioni delle norme europee nel settore oleario

Dal 1° luglio 2016 sono in vigore le disposizioni del DLgs. n. 103/2016, che ha modificato e rafforzato il sistema sanzionatorio per le violazioni…
02-07-2016

Concordato “in bianco”, linee guida del CNDCEC per il commissario giudiziale

Con l’Informativa n. 80/2016, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ha reso nota l’approvazione del Quaderno “Il…
01-07-2016

Bonus prima casa anche se l’attività svolta nel Comune è solo occasionale

Secondo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13416, depositata ieri, l’agevolazione prima casa spetta, in presenza delle altre…
01-07-2016

Raddoppio dei termini insensibile alla soglia di punibilità

Ove siano presenti seri indizi circa la commissione di un reato disciplinato dal DLgs. 74/2000, i termini, in relazione all’anno in cui l’illecito è…
01-07-2016

Fase transitoria per la trasmissione dei corrispettivi da distributori automatici

Sono disponibili da ieri le specifiche tecniche per la trasmissione telematica e la memorizzazione elettronica dei dati dei corrispettivi da parte dei…
01-07-2016

Il diniego tacito sull’agevolazione è impugnabile entro dieci anni

Il silenzio opposto dall’Agenzia delle Entrate ad un’istanza di riconoscimento di un’agevolazione da parte del contribuente deve essere qualificato…
01-07-2016

In sede di ottemperanza non vale la semplice volontà di erogare gli importi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13382 depositata ieri, enuncia principi che, sebbene siano relativi al giudizio di ottemperanza, esplicano…
01-07-2016

Valore in dogana legato alla vendita che precede l’ingresso dei beni nell’Ue

Nell’ambito del nuovo Codice dell’Unione, l’architettura generale dell’istituto del “valore in dogana” è rimasta sostanzialmente inalterata, anche se…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it