Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
28-04-2015

Detrazione ad ampio raggio per gli “altri familiari”

Con la circolare n. 17/2015, l’Agenzia delle Entrate ha fornito un importante chiarimento sulle detrazioni per carichi di famiglia. Si tratta, in…
28-04-2015

Non “scontata” la particolare tenuità per i reati tributari

Con il decreto delegato n. 28 del 2015 è stata introdotta, nel nostro sistema penale, una nuova causa di non punibilità giustificata dalla…
28-04-2015

Anche per la responsabilità civile degli amministratori determinanti le anomalie

La sentenza 3 marzo 2015 n. 2826 del Tribunale di Milano si sofferma su taluni profili di responsabilità degli amministratori di spa, sottolineando…
28-04-2015

Servizi di presentazione della domanda di DIS-COLL operativi entro l’11 maggio

Nell’attesa del riordino delle tipologie contrattuali da parte del DLgs. approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri lo scorso 20 febbraio…
28-04-2015

Dichiarazione di conformità differenziata per il bilancio XBRL

Il Manuale operativo per il deposito dei bilanci al Registro delle imprese, recentemente messo a disposizione da Unioncamere sul proprio sito…
28-04-2015

Niente iscrizione di fiscalità differita con rilevazione iniziale dell’avviamento

Uno degli aspetti di maggiore interesse del nuovo OIC 25 è rappresentato dalla disciplina della fiscalità differita sulle operazioni che non…
27-04-2015

Motivazione imprescindibile anche per gli avvisi di liquidazione

L’art. 7 comma 1 della L. 212/2000 recita testualmente: “gli atti dell’Amministrazione finanziaria sono motivati secondo quanto prescritto…
27-04-2015

I beni delle imprese trasferite in Italia “entrano” al valore normale

Circa un anno fa ci siamo interrogati su Eutekne.info (si veda “Con residenza fiscale trasferita in Italia, valorizzazione dei beni a valori…
27-04-2015

Ultimi giorni per i rimborsi trimestrali da “split payment”

Il 30 aprile 2015 scade il termine per la presentazione telematica del modello TR, adempimento necessario per richiedere a rimborso il credito IVA…
27-04-2015

Con perdita del capitale controlli dei sindaci anche in caso di concordato

La diminuzione del capitale di oltre un terzo a causa di perdite (artt. 2446, comma 1 e 2482-bis, commi 1-3 c.c.) comporta, in capo all’organo…
27-04-2015

Il mero silenzio dell’amministratore non impedisce ai soci un adeguato controllo

Un reato societario che raramente trova applicazione nella aule di giustizia è il delitto di impedito controllo, disciplinato dall’art. 2625 c.c. e…
27-04-2015

Abuso del diritto ed elusione fuori dal penale

Uno dei tre decreti attuativi della delega fiscale di cui alla L. 23/2014 – approvati in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 21…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it