Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
22-07-2014

Taglio del diritto camerale in due tranche

La riduzione del diritto annuale delle Camere di Commercio ci sarà, ma non si tratterà di un dimezzamento a partire dall’anno prossimo e dovrebbe…
22-07-2014

Semplificazioni fiscali “nel mirino” del Servizio Bilancio

Sullo schema di DLgs. sulle semplificazioni fiscali, inviato dal Governo alle Camere per il parere che dovrà essere reso entro il 1° agosto prima del…
22-07-2014

Anche il CNDCEC firma il protocollo sui debiti della P.A.

C’è anche il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili tra i firmatari del protocollo d’intesa relativo al pagamento dei…
22-07-2014

Società tra professionisti al nodo decorrenza

Come più volte riportato su questo quotidiano, lo schema di decreto legislativo in materia di semplificazioni fiscali all’esame ora delle Commissioni…
22-07-2014

Impugnabilità dell’estratto di ruolo alle Sezioni Unite

Mediante l’ordinanza n. 16055 depositata lo scorso 11 luglio, la sesta sezione della Corte di Cassazione ha rimesso al Primo Presidente la scelta…
22-07-2014

Antiriciclaggio, “aggiornata” la gestione delle segnalazioni di operazioni sospette

Con un comunicato stampa di ieri, la Banca d’Italia ha reso noto che l’Unità d’informazione finanziaria (UIF) ha aggiornato alcuni punti della…
22-07-2014

Il fallimento non è l’evento della bancarotta fraudolenta patrimoniale

Il fallimento, pur integrando una condizione necessaria per la configurabilità dei reati di bancarotta, non ne costituisce l’evento,se non per le…
22-07-2014

Il sistema dei controlli come strumento di “correzione permanente”

La riforma del 2003 ha portato il format degli “adeguati assetti organizzativi” (fra gli altri, si vedano gli artt. 2381, 2403 e 2409-terdecies c.c.)…
21-07-2014

Non si ha estinzione del credito con la cessione pro solvendo

La cancellazione dei crediti ceduti nel factoring pro solvendonon origina “perdite su crediti” deducibili. È uno dei chiarimenti più rilevanti della…
21-07-2014

Decorrenza ampia anche per gli avvisi bonari telematici corretti in autotutela

Si applica il termine dei 90 giorni per il pagamento delle somme dovute a seguito di “avviso bonario” telematico delle dichiarazioni ex art. 36-bis…
21-07-2014

Il biennio rilevante per il “redditometro” deve riguardare annualità accertabili

Nella versione vigente, applicabile a decorrere dagli accertamenti sull’anno 2009, l’accertamento sintetico è fattibile solo se, nell’anno sottoposto…
21-07-2014

Per dimostrare fatture false, non bastano indizi su irregolarità fiscali e contabili

La sentenza della Corte di Cassazione n. 16338/2014 ritorna sulla ripartizione dell’onere della prova in ipotesi di operazioni (soggettivamente ed…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it