Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
30-10-2014

Per il CNDCEC, da eliminare l’obbligo di F24 on line per chi non ha la partita IVA

L’eccessivo “ingabbiamento” delle regole per l’obbligo di trasmissione telematica delle deleghe di pagamento F24, in vigore dal 1° ottobre scorso,…
30-10-2014

Regime transitorio del capital gain con versamento al 17 novembre

Il prossimo 17 novembre 2014 scade il termine per l’affrancamento dei plusvalori maturati sino al 30 giugno 2014 sulle partecipazioni non qualificate…
30-10-2014

Sull’impugnabilità della risposta all’interpello tesi ancora discordanti

Con la sentenza n. 2355 del 14 ottobre scorso, la C.T. Prov. di Bari ha ribadito che il diniego opposto dalla Direzione regionale delle Entrate…
30-10-2014

Scudo fiscale anche per gli utili della società

Ai contribuenti che hanno beneficiato dello scudo fiscale-ter introdotto dal DL 78/2009 è stato consentito di far emergere, entro il 30 aprile 2010,…
30-10-2014

Nuovo ravvedimento senza IMU, ma con contorni poco definiti

Abbiamo diverse volte illustrato, per sommi capi, quali sono le caratteristiche principali del “nuovo” ravvedimento operoso: se entreranno in vigore…
30-10-2014

Disponibile in fase di test il nuovo registro telematico per gli oli d’oliva

Il nuovo registro telematico per gli oli d’oliva e gli oli di sansa d’oliva, previsto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali…
30-10-2014

Responsabilità penale dell’Organismo di vigilanza da valutare caso per caso

Gli artt. 2381 e 2403 c.c., prevedendo specifici obblighi di organizzazione e di vigilanza, hanno creato una saldatura tra il sistema della…
30-10-2014

Cambia di nuovo la sospensione feriale termini: dal 1° al 31 agosto

Il Ddl. C. 2681, di conversione del DL n. 132/2014 in materia di giustizia civile, trasmesso alla Commissione Giustizia della Camera dopo il via…
30-10-2014

Longobardi: “Il CNDCEC a difesa della categoria”

ROMA – “Franchezza e lealtà”. Sono questi, secondo Gerardo Longobardi, Presidente del CNDCEC, i principi cardine su cui si dovranno fondare i rapporti…
30-10-2014

Crescono le iscrizioni all’Albo, ma i redditi continuano a scendere

Il reddito medio dei commercialisti continua scendere. Rispetto al 2007, infatti, la media IRPEF reale dei rappresentanti della categoria è diminuita…
30-10-2014

Fisco e contabilità rimangono gli ambiti più battuti dalla professione

Oltre al rapporto annuale 2014, nel corso dell’Assemblea degli Ordini territoriali, è stato presentato anche il volume “Organizzazione dello studio e…
29-10-2014

Bonus 36-41% “salvo” anche senza invio della comunicazione a Pescara

Il contribuente non perde il diritto alla detrazione IRPEF del 36-41% per i lavori di ristrutturazione di un immobile, se ha inviato la comunicazione…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it