Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
03-05-2016

Da ieri e fino al 7 luglio si può accettare o modificare il 730 precompilato

Dal ieri pomeriggio, i contribuenti possono accettare o modificare, anche con integrazione, i dati contenuti nel proprio 730 precompilato. Con un…
03-05-2016

Conservazione degli atti di aggiornamento catastale solo in digitale

L’Agenzia delle Entrate ha interrotto ieri l’archiviazione cartacea degli atti di aggiornamento catastale a favore di quella informatica nell’ambito…
03-05-2016

Indagini fiscali mirate nei confronti del non profit

Come accade ormai da diversi anni, anche nell’ultima circolare n. 16, appena emanata dall’Agenzia delle Entrate e contenente gli indirizzi operativi…
03-05-2016

Decadenza dalla dilazione degli avvisi bonari meno cara

Abbiamo già commentato, nelle sue linee essenziali, la circolare n. 17 dell’Agenzia delle Entrate, che ha illustrato le novità del DLgs. 159/2015 in…
03-05-2016

I garage scontano la tassa sui rifiuti se sono utilizzabili

Con le recenti ordinanze gemelle nn. 7616/2016 e 7617/2016, la Corte di Cassazione è tornata sul trattamento del garage ai fini della TARSU,…
03-05-2016

Per l’interpello CFC semplificazioni a metà

L’analisi delle fattispecie oggetto del nuovo interpello “probatorio”, disciplinato dall’art. 11 comma 1 lettera b) della L. 212/2000, ha in questa…
03-05-2016

Denuncia ai sindaci centrale nelle spa

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti, nel documento del 30 aprile 2016, esamina la disciplina della denuncia di fatti “censurabili” al Collegio…
03-05-2016

Procedura di immigrazione “completa” per i lavoratori autonomi extra-Ue

Lo straniero di un Paese terzo, che intenda svolgere in Italia un’attività industriale, professionale artigianale o commerciale, ovvero costituire una…
30-04-2016

Al via il reverse charge per tablet e laptop

Dal prossimo lunedì 2 maggio, per le cessioni di tablet PC, laptop e console da gioco l’IVA si applica con il meccanismo del reverse charge.La…
30-04-2016

Inverter e pannelli fotovoltaici esclusi dalla stima della rendita catastale

L’Agenzia delle Entrate, in occasione del 130° anniversario della nascita del catasto, ha fornito alcuni chiarimenti interpretativi sugli impianti di…
30-04-2016

Pronti i codici per pagare le somme dovute alle Dogane a seguito di reclamo

Con la risoluzione n. 33 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha indicato i codici tributo per versare, tramite il modello F24 Accise, le somme dovute a…
30-04-2016

Pesca e costruzioni trovano le causali contributo

Con due risoluzioni pubblicate ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito le causali contributo “EBLC” ed “ENBP” che potranno essere utilizzate per…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it