Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
01-07-2015

Fattura “scomposta” per la fornitura e posa in opera di beni significativi

Il meccanismo del reverse charge in ambito edile, di cui all’art. 17 comma 6 lett. a-ter) del DPR 633/72, si applica alle sole prestazioni di servizi…
01-07-2015

Nel “nuovo” contenzioso reclamo per tutti e sentenze subito esecutive

Lo schema di DLgs. di revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario (Atto n. 184), attuativo dell’art. 10 della L. 23/2014,…
01-07-2015

Responsabilità solidale “limitata” nella cessione di ramo d’azienda

L’acquirente del ramo d’azienda deve rispondere dei debiti pregressi risultanti dai libri contabili obbligatori, a condizione che tali debiti siano…
01-07-2015

Il dolo di evasione non deve essere esclusivo

Numerose fattispecie penali tributarie sono caratterizzate, dal punto di vista psicologico, da quel particolare elemento definito “dolo specifico”, in…
01-07-2015

Con l’irrilevanza delle valutazioni nel falso in bilancio, condanne a rischio

Dopo le polemiche seguite alla riforma del 2002, allorquando si parlò di sostanziale depenalizzazione del reato di false comunicazioni sociali, in…
01-07-2015

Lavoro subordinato, commercialisti fuori dalla certificazione dei requisiti

Dopo l’esclusione dal novero dei soggetti abilitati alla certificazione dei contratti e alla difesa delle parti nelle procedure di conciliazione…
01-07-2015

Niente sgravi contributivi sui premi 2014 per le aziende prive di DURC

Con il DM 8 aprile 2015, il Ministero del Lavoro ha fissato le regole per accedere allo sgravio contributivo sui premi di produttività previsti dai…
30-06-2015

Svalutazioni e perdite su crediti, nuove modifiche per banche e assicurazioni

Il DL 83/2015, in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento dell’amministrazione giudiziaria (pubblicato…
30-06-2015

Sospensione da adesione, revirement alla prova del legittimo affidamento

Come rammentato in un recente articolo (si veda “La sospensione da adesione non si cumula con quella feriale” del 26 giugno 2015), la Corte di…
30-06-2015

Dal 1° luglio, buoni pasto elettronici non imponibili fino a 7 euro

Dal 1° luglio 2015, per i buoni pasto elettronici aumenta da 5,29 a 7 euro il tetto di esclusione previsto dall’art. 51 comma 2 lett. c) del TUIR.La…
30-06-2015

Modificate le rate da istituti deflativi, avvisi bonari e dilazioni dei ruoli

Approda sul tavolo delle Commissioni compententi per i pareri lo schema di DLgs. sulla riscossione delle imposte (Atto n. 185), attuativo sempre della…
30-06-2015

Le violazioni in materia di IVIE e IVAFE non impattano sulla voluntary disclosure

La DRE Piemonte ha diffuso il verbale dei lavori sulla voluntary disclosure che sono stati svolti in collaborazione con i membri del gruppo di studio…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it