Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
12-02-2016

Redditi da locazione dell’immobile in comunione legale sempre al 50%

I redditi derivanti da un contratto di locazione stipulato da un solo coniuge devono comunque essere imputati al 50% a ciascun coniuge se tra di essi…
12-02-2016

Non è un’“autodenuncia” per gli anni precedenti pagare il canone in bolletta

Con riferimento al canone RAI, la nuova presunzione di detenzione e utilizzo di apparecchi televisivi, legata all’utenza elettrica e introdotta dalla…
12-02-2016

Trasmissione dei rimborsi spese sanitarie secondo il principio di cassa

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato sul proprio sito le risposte alle domande più frequenti (FAQ) in relazione al nuovo obbligo di comunicazione dei…
12-02-2016

Novità su variazione IVA e procedure concorsuali con decorrenza dubbia

La circolare Assonime n. 5/2016 esamina le novità normative introdotte dall’art. 1, commi 126 e 127 della L. n. 208/2015, in materia di note di…
12-02-2016

Semplificazioni, Casero incontra il CNDCEC

Continua l’interlocuzione tra Governo e Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili in materia di semplificazione e riduzione…
12-02-2016

Il pagamento rateale del debito tributario non esclude il sequestro

Complesso è il rapporto tra confisca e pagamento del debito nel caso di illeciti tributari. La Corte di Cassazione è intervenuta su questo tema – con…
12-02-2016

Illegittima l’aliquota IVA del 10% per i “marina resort”

La Corte Costituzionale, con sentenza n. 21/2016, depositata ieri, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 32 comma 1 del DL 133/2014,…
12-02-2016

In arrivo il nuovo reverse charge per tablet e PC portatili

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 10 febbraio in via definitiva il nuovo decreto in materia di contrasto alle frodi IVA, prevedendo…
12-02-2016

Procedura più rapida e meno costosa per la crisi da sovraindebitamento

Lo schema di disegno di legge recante delega al Governo per la riforma organica delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza (Commissione…
12-02-2016

Le liti sui compensi agli amministratori possono essere decise dagli arbitri

Le questioni relative ai compensi degli amministratori possono essere decise dagli arbitri quando lo statuto contiene una clausola compromissoria che…
12-02-2016

Domande per gli incentivi INAIL agli investimenti in sicurezza dal 1° marzo

È stato pubblicato il Bando ISI 2015, con cui l’INAIL conferma, anche per quest’anno, il suo impegno ad incentivare le imprese che realizzano progetti…
12-02-2016

Niente maxisanzione se il lavoratore viene “formato” prima dell’assunzione

Con la nota n. 135/2016, la Direzione Generale per l’Attività ispettiva del Ministero del lavoro interviene in materia di maxisanzione per lavoro…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it