Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
30 marzo 2012

Nuova disciplina del riporto delle perdite fiscali nella trasparenza, nel consolidato fiscali e nelle società di comodo

Memory n. 136 del 30.03.2012 a cura di Alessandro Borghese

L’art. 23, co. 9, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato il regime di riportabilità delle perdite Ires – riservato a società di capitali ed enti commerciali nazionali, nonché stabili organizzazioni di soggetti non residenti – contenuto nell’art. 84 del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, abrogando il vincolo quinquennale al riporto delle perdite prodotte successivamente al primo triennio della costituzione, ed introducendo un limite quantitativo, pari all’80,00% del reddito imponibile dal quale scomputare le perdite riportabile. È stata, pertanto, confermata l’originaria facoltà di utilizzare illimitatamente le perdite conseguite nei primi tre esercizi dell’impresa, purchè effettivamente riferite ad una nuova attività produttiva, e non alla prosecuzione di un’altra, come per effetto di un’operazione straordinaria. In altri termini, ad eccezione del primo triennio di attività, il legislatore ha sostanzialmente garantito all’Erario – in assenza di ritenute e crediti tributari da scomputare, ai sensi dell’art. 79 del Tuir – materia imponibile per almeno il 20,00% del reddito prodotto in ogni periodo fiscale: le perdite eccedenti tale soglia sono comunque utilizzabili in un successivo periodo d’imposta, senza limiti di tempo. Rimane, invece, immutato l’originario principio di cui all’art. 84, co. 1, del Tuir, secondo cui le perdite possono essere utilizzate “in diminuzione del reddito complessivo in misura tale che l’importo corrispondente al reddito imponibile risulti compensato da eventuali crediti d’imposta, ritenute alla fonte a titolo di acconto, versamenti in acconto, e dalle eccedenze di cui all’articolo 80. La modifica dell’art. 84 del Tuir ha formato oggetto di alcune recenti precisazioni dell’Agenzia delle Entrate, prima con la C.M. 6 dicembre 2011, n. 53/E e, poi, nel corso del Telefisco del 25 gennaio 2012,. Nel presente lavoro, si analizzano i riflessi che la nuova disciplina del riporto delle perdite manifesta in presenza dell’opzione per la trasparenza e per il consolidato fiscale, nonché nell’ambito della disciplina delle società non operative.
Categorie:Ires
 

ABC News

 
16-04-2014

Fisco ed edilizia ai primi due posti degli adempimenti più complicati

Fisco ed edilizia occupano i primi due gradini del podio nella “top ten” degli adempimenti e delle procedure più complicati secondo cittadini e…
16-04-2014

Il taglio dell’IRAP del 10% riguarderà 620 mila imprese

L’impatto di una riduzione del 10% dell’IRAP interesserà 620 mila imprese, cioè il 72,2% delle società considerate. La platea degli interessati al…
16-04-2014

Pronti i codici tributo per l’imposta unica sulle scommesse a distanza

Con la risoluzione 39 di ieri, 15 aprile 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, con modello F24 Accise,…
16-04-2014

Bolla di accompagnamento per il trasporto della birra a utilizzo “ristretto”

La circ. n. 4/2014 dell’Agenzia delle Dogane, pubblicata ieri, ha chiarito l’ambito di applicazione dell’art. 1, comma 1-bis del DPR 472/96. Tale…
16-04-2014

Con l’aumento della tassazione sulle rendite rivalutazione ancora più conveniente

Dovrebbe arrivare a breve il provvedimento, più volte annunciato dal Governo nelle ultime settimane, di modifica della tassazione delle rendite degli…
16-04-2014

Gli ammortamenti “bloccano” il redditometro

Che la presunzione integrata nello strumento redditometro old style potesse qualificarsi alla stregua di una presunzione semplice, anziché legale…
16-04-2014

Dilazione degli avvisi bonari valida con prima rata pagata in lieve ritardo

Diverse volte abbiamo messo in evidenza come il tardivo pagamento (pure di un solo giorno) delle rate relative a debiti fiscali non debba provocare il…
16-04-2014

La società “paga” l’incremento fittizio di capitale

Le nozioni di “interesse” e “vantaggio” enunciate dal DLgs. 231/2001 sono, ancora una volta, oggetto di attenzione da parte della giurisprudenza di…
16-04-2014

Ufficiale, commercialisti al voto il 16 luglio

Ora è ufficiale: le nuove elezioni per il rinnovo dei vertici del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili si terranno il…
15-04-2014

Necessario l’accertamento per “attaccare” il socio di srl

La Corte di Cassazione, con la sentenza 8701 depositata ieri, è tornata ad occuparsi di una questione che spesso “terrorizza” gli amministratori e i…
15-04-2014

Comunicazione dei beni ai soci ad ottobre

Appare ormai certa la proroga della scadenza della comunicazione relativa ai beni in godimento ai soci e dei finanziamenti relativa al 2013 e prevista…
15-04-2014

Interdizione dai pubblici uffici, sulla durata incidono anche i reati prescritti

Nella determinazione della durata della pena accessoria dei reati tributari dell’interdizione dai pubblici uffici occorre prendere in considerazione…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it