Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
30-08-2016

Nuova forma all’accertamento doganale

Con l’entrata in vigore del nuovo Codice doganale (CDU), emergono due importanti novità che ineriscono specificamente l’area dell’accertamento…
30-08-2016

Prescrizione sdoppiata per i contributi alla Gestione artigiani e commercianti

Spesso Equitalia notifica cartelle o intimazioni di pagamento portanti a riscossione contributi previdenziali dichiarati nel quadro RR ma poi non…
30-08-2016

I termini per l’accertamento non raddoppiano per l’accomandante

Non opera il raddoppio dei termini di accertamento nei confronti del socio accomandante di una società in accomandita semplice, atteso che a questi…
30-08-2016

Bonus Mezzogiorno per investimenti fino al 2019

Il credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno spetta, ai sensi del comma 98 dell’art. 1 della L. 208/2015, per gli investimenti effettuati a…
30-08-2016

Sanzioni più basse per i sindaci di quotate ma senza favor rei e oblazione

Il collegio sindacale delle società quotate vigila: sull’osservanza della legge e dell’atto costitutivo; sul rispetto dei principi di corretta…
30-08-2016

Domanda per il sussidio alle famiglie in condizioni disagiate dal 2 settembre

Dal prossimo 2 settembre sarà possibile presentare la domanda per accedere al Sostegno per l’inclusione attiva (SIA), ovvero la misura di contrasto…
29-08-2016

Indeducibilità della remunerazione per gli associanti problematica

È stata già affrontata su Eutekne.info la problematica concernente le nuove ipotesi di esclusione dal reddito per fattispecie assimilate agli utili da…
29-08-2016

Giudici dell’ottemperanza in cerca di competenza

Nel processo tributario, il giudizio di ottemperanza è disciplinato nell’art. 70 del DLgs. 546/92, norma che, in punto competenza, stabilisce che il…
29-08-2016

Studi di settore, adeguamento indicato separatamente in dichiarazione

I maggiori ricavi/compensi da adeguamento agli studi di settore devono essere indicati in sede di dichiarazione secondo modalità distinte per…
29-08-2016

Dubbio il compenso del pre-commissario giudiziale cessato

L’interruzione dell’incarico del pre-commissario giudiziale nominato dal tribunale, facoltativamente, a seguito della presentazione di una domanda di…
29-08-2016

Nuovo Registro delle procedure di insolvenza

L’art. 3 del DL 59/2016 (conv. L. 119/2016) ha previsto l’istituzione presso il Ministero della Giustizia di un Registro elettronico delle procedure…
29-08-2016

La procedura di mobilità richiede una comunicazione preventiva “estesa”

Nell’ambito di una procedura di mobilità e in assenza di rappresentanze sindacali aziendali o unitarie costituite a norma dell’art. 19 della L.…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it