Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
26-11-2014

Prelevamenti dei soci fino a mille euro sempre “giustificati”

La C.T. Prov. di Brindisi, con la sentenza n. 1147/2014, si è occupata del caso di un centro di elaborazioni dati contabili e fiscali, costituito…
26-11-2014

Ammissibile il ricorso tributario per “posta privata”

Alcune re-interpretazioni della sentenza n. 2035/2014 della Cassazione da parte dei giudici di merito, nonché alcuni articoli “allarmisti” della…
26-11-2014

Ritenute sulle provvigioni con dichiarazione “sanzionata”

In base all’art. 25-bis del DPR 600/73, la ritenuta d’acconto sulle provvigioni corrisposte, tra gli altri, a mediatori e procacciatori d’affari va…
26-11-2014

Niente esame di Stato se il tirocinio post lauream non è certificato

Non è possibile sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di dottore commercialista e di esperto contabile anche…
26-11-2014

L’astensione collettiva dei lavoratori autonomi è un diritto costituzionale

Le Sezioni Unite della Cassazione, con la sentenza n. 40187/2014, sono intervenute ancora una volta sull’astensione dell’avvocato dall’attività di…
26-11-2014

Sindacato dei consulenti del lavoro all’attacco dei commercialisti

“Cessare tutte le forme di collaborazione con i commercialisti”. La richiesta, tutt’altro che conciliante, arriva dal Presidente dell’Associazione…
26-11-2014

Pronti i primi principi italiani di valutazione

Il prossimo 1° dicembre l’Organismo italiano di valutazione, standard setter nazionale, pubblicherà sul proprio sito (www.fondazioneoiv.it) l’exposure…
25-11-2014

“Operativo” il certificato successorio europeo

Entra in vigore oggi la L. n. 161/2014 (legge europea 2013-bis), che, all’art. 32, prevede il certificato successorio europeo.Lo scopo di tale…
25-11-2014

Nuove dichiarazioni d’intento con favor rei “in salita”

In base all’art. 20 del decreto semplificazioni fiscali (in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale), che ha modificato gli artt. 1 del DL…
25-11-2014

Polizze per visto di conformità con massimale da aggiornare

La nuova disciplina del 730 precompilato, oltre ad introdurre nel nostro ordinamento principi di dubbia legittimità costituzionale con riferimento…
25-11-2014

Per il 2014 IRAP e addizionale IRPEF più care solo in Molise

A meno di una settimana dal termine previsto per il pagamento della seconda o unica rata dell’acconto IRAP 2014, l’Agenzia delle Entrate risulta non…
25-11-2014

Dichiarazione IVA, il modello standard Ue rischia di essere troppo “semplificato”

I temi “caldi” (direttiva madre-figlia, tassa sulle transazioni finanziarie e codice di condotta per i programmi di bilancio) discussi all’ultimo…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it