Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
19-09-2014

Al 30 novembre la dichiarazione IMU/TASI degli enti non commerciali

Ci saranno due mesi di tempo in più per presentare la dichiarazione IMU/TASI degli enti non commerciali per gli anni 2012 e 2013. Manca infatti solo…
19-09-2014

Per le Sezioni Unite l’ipoteca non è un mezzo preordinato all’espropriazione

Come annunciato su Eutekne.info (si veda “Alle Sezioni Unite i nessi tra intimazione ad adempiere e ipoteca” del 25 luglio 2013), era stata demandata…
19-09-2014

Secondo la Cassazione deducibilità dell’accantonamento per il TFM solo con data certa

Una recente sentenza della Cassazione segna un altro punto a favore dell’Agenzia delle Entrate in materia di deducibilità dell’accantonamento relativo…
19-09-2014

Visto di conformità infedele con ricadute sull’indebita compensazione

Le compensazioni dei crediti fiscali (sia relativi a determinate imposte sia a crediti d’imposta da indicare nel quadro RU, istituiti dalla…
19-09-2014

Statuto del Contribuente subito applicabile per la compensazione

Una recente pronuncia della giurisprudenza tributaria che merita di essere segnalata è la sentenza n. 2751/05/14 depositata il 31 luglio 2014, con la…
19-09-2014

Per l’omesso versamento IVA conta solo l’importo in dichiarazione annuale

Ai fini dell’integrazione della fattispecie di omesso versamento IVA (art. 10-ter del DLgs. 74/2000) rileva l’imposta che risulta dovuta sulla base…
19-09-2014

Iscrizione telematica al registro degli organismi di mediazione dal 3 novembre

Dal 3 novembre 2014, le domande di iscrizione degli organismi di mediazione ed enti di formazione costituti da enti pubblici e privati dovranno essere…
19-09-2014

Antiriciclaggio, il CNDCEC: “Inutile l’invio della PEC”

Continua a far discutere il provvedimento congiunto (prot. 2014/105953) con cui, lo scorso 8 agosto, l’Agenzia delle Entrate e il Comando generale…
18-09-2014

Rimborso spettante anche con l’integrativa fuori termine

Con la sentenza n. 19537 di ieri, la Cassazione è tornata a occuparsi dell’emendabilità della dichiarazione e della correlata possibilità di…
18-09-2014

Limiti all’espropriazione della prima casa con effetto retroattivo

L’espropriazione immobiliare, grazie alle modifiche che il DL 69/2013 ha apportato all’art. 76 del DPR 602/73, è inibita, in ogni caso e a prescindere…
18-09-2014

Non inerenti i costi per le consulenze a favore delle controllate

Tra i principi che regolano la deducibilità, dal reddito d’impresa, dei componenti negativi, assume assoluto rilievo il principio di inerenza. A…
18-09-2014

I beni strumentali entrano nel calcolo dello scostamento per il redditometro

L’accertamento sintetico, come altre tipologie di rettifica quali il metodo induttivo-extracontabile, non può essere effettuato in maniera generale,…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it