Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
30-01-2015

Dal 2 febbraio, richieste di brevetti e marchi con invio telematico

Dalla prossima settimana, le domande di brevetto, marchio e disegno industriale si potranno inviare on line direttamente al Ministero dello Sviluppo…
30-01-2015

L’Agenzia vieta il ravvedimento sulle certificazioni uniche

Nel corso di Telefisco 2015 l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti concernenti il “nuovo” ravvedimento operoso.Riassumendo le novità…
30-01-2015

Credito d’imposta IRAP integralmente imponibile ai fini IRES

A partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 (2015, per i soggetti “solari”), l’art. 1 comma 21 della L. 190/2014…
30-01-2015

Stretta sull’accertamento di investimenti black list per la voluntary disclosure

Nel corso di Telefisco 2015, l’Agenzia delle Entrate si è occupata anche di adesione alla voluntary disclosure introdotta dalla L. 186/2014.La…
30-01-2015

Le società devono eleggere domicilio prima di “morire e rinascere”

L’Agenzia delle Entrate, a Telefisco 2015, ha affrontato alcune tematiche relative all’art. 28 comma 4 del DLgs. 175/2014, secondo cui, ai fini…
30-01-2015

Perizie al ribasso dei terreni con appeal ridotto

Il raddoppio dell’imposta sostitutiva per la rideterminazione del costo o valore d’acquisto dei terreni, operato dalla L. 190/2014 (legge di stabilità…
30-01-2015

Per revocare il liquidatore occorre chiamare in causa la società

Per revocare il liquidatore “scorretto” di una società di capitali il socio deve chiamare in causa anche l’ente. È questa l’importante indicazione che…
30-01-2015

Metodo analitico per la valutazione dei crediti

Il fondo svalutazione crediti deve essere stanziato analizzando i singoli crediti e tenendo conto di ogni altro elemento di fatto esistente o…
29-01-2015

Doppi criteri per l’esenzione IMU dei terreni agricoli

Con il DL 24 gennaio 2015 n. 4, recante “Misure urgenti in materia di esenzione IMU”, pubblicato nella G.U. n. 19 del 24 gennaio ed entrato in vigore…
29-01-2015

Prima sentenza sulla “resurrezione” delle spa, cassata la tesi della retroattività

Ai sensi dell’art. 28 comma 4 del DLgs. 175/2014, gli effetti dell’art. 2495 c.c. ai fini degli atti di liquidazione, accertamento, riscossione e del…
29-01-2015

Emissione di fatture false, basta il pericolo

Il delitto di emissione di fatture relative ad operazioni inesistenti è reato di pericolo astratto che si perfeziona nel momento dell’emissione della…
29-01-2015

Compensi differenziati per il professionista delegato alla vendita

In attuazione degli artt. 169-bis e 179-bis disp. att. c.p.c., il Ministro della Giustizia, di concerto con quello dell’Economia e della finanze, ha…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it