Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
03-08-2015

Fino al 2000, ICI dovuta dalle Regioni per le aree demaniali

Anche le Regioni, fino all’annualità 2000 compresa, erano tenute a pagare l’ICI per gli immobili demaniali finalizzati all’uso di acque pubbliche,…
03-08-2015

Quadri RM, RL e RT di UNICO per i redditi finanziari di fonte estera

L’emersione delle attività detenute all’estero per effetto dell’adesione alla voluntary disclosure comporta, come logica conseguenza, la necessità di…
03-08-2015

Deduzione IRPEF del 20% solo quando il canone di locazione è confrontabile

Con il DL n. 133/2014 (conv. L. n. 164/2014), sono state introdotte disposizioni volte ad incentivare l’investimento dei privati in abitazioni di…
03-08-2015

Utilizzo irregolare del deposito senza raddoppio dell’IVA

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16109 del 29 luglio 2015, si pronuncia, per la prima volta dopo la sentenza Equoland della Corte di…
03-08-2015

Una “lieve” contabilità in nero non consente l’induttivo puro

Una lieve discrepanza tra la contabilità ufficiale e quella “in nero”, rinvenuta in sede di verifica, non consente all’Ufficio di espletare un…
03-08-2015

Nuovo arbitrato societario senza limiti

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 15841/2015, ribadita la nullità, rilevabile d’ufficio, delle clausole compromissorie non conformi all’art.…
03-08-2015

Il datore può anche “demansionare” il lavoratore

Nel riordinare i contratti di lavoro in attuazione del “Jobs Act”, perseguendo l’obiettivo primario della promozione del lavoro subordinato a tempo…
01-08-2015

Il valore per il Registro “blinda” la plusvalenza IRPEF

Il valore del terreno edificabile definito ai fini dell’imposta di registro costituisce un valido elemento sulla base del quale l’Ufficio può…
01-08-2015

C’è peculato se il notaio non autoliquida integralmente l’imposta di registro

Commette il reato di peculato il notaio che, dopo essersi fatto consegnare dai propri clienti le somme necessarie al pagamento delle imposte di…
01-08-2015

Trust non commerciali con esenzione al 22,26% sugli utili

Con la risoluzione n. 70, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul regime dei dividendi percepiti dagli enti non commerciali,…
01-08-2015

CNDCEC soddisfatto sul rinvio a settembre per rispondere al Fisco

Un “primo importante segnale di attenzione” nei confronti delle richieste avanzate dai commercialisti, in ultimo, nel corso del tavolo tecnico sulle…
01-08-2015

Con la sostanza economica niente abuso del diritto

Con un anno di ritardo rispetto alla tabella di marcia originariamente prospettata, il Consiglio dei ministri di ieri ha approvato in via definitiva…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it