Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-07-2016

In Gazzetta il decreto per gli avvocati che vogliono compensare i debiti fiscali

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri il decreto 15 luglio 2016 del Ministero dell’Economia, di concerto col Ministero della Giustizia,…
28-07-2016

Il termine per il rimborso IRAP non si allunga con l’overrulling

Il termine di decadenza per la presentazione dell’istanza di rimborso dell’IRAP erroneamente versata, in assenza dei presupposti, è quello di 48 mesi…
28-07-2016

Aliquota IVA al 10% per i preparati a base di mascarpone

La cessione di preparati a base di mascarpone è soggetta ad aliquota IVA ridotta del 10%. È quanto affermato dall’Agenzia delle Entrate nella…
28-07-2016

Per la sharing economy, da sciogliere il nodo dell’occasionalità delle operazioni

La proposta di legge AC 3564 in materia di economia collaborativa (sharing economy), presentata il 27 gennaio 2016, è stata oggetto dell’audizione…
28-07-2016

Dichiarazione IMU “economica” fino al 22 agosto 2016

Recentemente (si veda “Ravvedimento per l’omessa dichiarazione IMU/TASI” del 18 luglio 2016) abbiamo rammentato come, ai sensi del combinato disposto…
28-07-2016

Possibile la CIGS per le imprese in concordato con continuità aziendale

Con la circolare n. 24/2016, il Ministero del Lavoro è nuovamente intervenuto sulla fruizione del trattamento di integrazione salariale straordinaria…
28-07-2016

Esonero dall’assunzione di disabili solo utilizzando la specifica procedura

Si avvicina il termine, fissato al 31 luglio 2016 con la proroga dell’originario termine del 1° luglio dal Ministero del Lavoro (nota n. 3879/2016),…
27-07-2016

Rimborsi IVA, “riabilitato” il soggetto passivo che soddisfa la pretesa erariale

L’Agenzia delle Entrate ha emanato il 22 luglio 2016 l’attesa circolare n. 33 in tema di rimborsi IVA. Il documento intende fornire agli Uffici locali…
27-07-2016

Causale contributo per sanzioni da omesse ritenute solo in F24 ELIDE

La causale contributo “SAMM” per il versamento delle sanzioni amministrative per il mancato versamento delle ritenute previdenziali e assistenziali,…
27-07-2016

Pronte le regole per correggere gli errori sui dati relativi all’accordo FATCA

L’Agenzia delle Entrate ha fissato le modalità e i termini per la correzione, da parte degli istituti finanziari tenuti alla comunicazione (RIFI) di…
27-07-2016

La competenza sul MOSS passa al Centro operativo di Pescara

Dal prossimo 1° ottobre l’ufficio competente a svolgere le attività connesse ai regimi speciali IVA “Mini One Stop Shop” (MOSS) sarà il Centro…
27-07-2016

Ultimi giorni per l’invio o la correzione delle comunicazioni integrative

Scade il prossimo venerdì, 29 luglio, il termine ultimo per comunicare attraverso un invio ordinario i saldi annuali relativi alle operazioni…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it