Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
06-02-2016

Credito ricerca e sviluppo per i brevetti ottenuti internamente all’impresa

La circolare di Confindustria del 29 gennaio 2016, relativa al credito di imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, contiene…
06-02-2016

Effetti “a cascata” della riduzione IRES dal 2017

La circolare informativa n. 1/2016 del Consorzio Studi e Ricerche Fiscali del Gruppo Intesa Sanpaolo, diffusa ieri, offre un commento di alcune novità…
06-02-2016

Poste attive e passive non sempre di ostacolo al deposito del bilancio di liquidazione

Il Conservatore del Registro delle imprese di Milano, in un recente documento, si sofferma sul tema dell’iscrizione nel Registro del deposito del…
06-02-2016

I nuovi OIC guidano al rialzo i valori di rivalutazione

Più imprese stanno iniziando a prendere in considerazione l’opportunità di rivalutare i beni d’impresa con le norme contenute nell’art. 1 commi…
06-02-2016

Unica procedura per gli assegni del Fondo di integrazione salariale

Il DLgs. 148/2015, attuativo del Jobs Act per quanto concerne il riordino della disciplina degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di…
06-02-2016

Fissate le retribuzioni convenzionali per il 2016

Come di consueto, con decreto del Ministro del Lavoro, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle finanze, sono state individuate le…
06-02-2016

Potenziali rincari per le imprese dalle tensioni sulle banche

Un’altra settimana in cui ha prevalso l’avversione al rischio. Non pare imputabile a un cambiamento di scenario macro l’attuale fase negativa. Un…
05-02-2016

Rappresentante fiscale “leggero” anche per i soggetti extra-Ue

Secondo quanto disposto dall’art. 44 comma 3 secondo periodo del DL 331/93, per i soggetti non residenti che effettuano in Italia esclusivamente…
05-02-2016

Domanda di adesione convertibile in deduzione difensiva

L’ordinanza della Corte di Cassazione n. 1386/2016, con un’interpretazione estensiva, afferma il principio in base al quale l’elencazione degli atti…
05-02-2016

Nuovi criteri per determinare la rendita degli impianti di risalita

Nei nuovi criteri di stima diretta per le unità immobiliari urbane a destinazione catastale speciale e particolare (gruppi catastali D ed E),…
05-02-2016

Bonus R&S efficace già dal 1° gennaio 2015

Confindustria fornisce, in un’apposita circolare, chiarimenti relativi al credito di imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ex…
05-02-2016

Profitto da reati commessi prima della riforma rilevante per l’autoriciclaggio

Nonostante l’introduzione del reato di autoriciclaggio sia stata sollecitata da più parti, specie dagli appartenenti alla magistratura ed in…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it