Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
02-09-2015

Contribuente litisconsorte necessario nelle “liti catastali”

Recentemente, su Eutekne.info (si veda “Classamento di immobili impugnabile dai Comuni dinanzi ai giudici tributari” dell’11 agosto 2015) sono state…
02-09-2015

Le eccedenze ante opzione non passano al gruppo IVA

La società che partecipa, per il primo anno, alla liquidazione dell’IVA di gruppo deve esporre l’eccedenza detraibile relativa all’anno precedente non…
02-09-2015

Bonus concordatario a detassazione parziale dal 2016

La versione definitiva del DLgs. in materia di fiscalità internazionale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 6 agosto 2015 e attualmente in attesa…
02-09-2015

Non operative in liquidazione, serve cancellarsi entro il 30 settembre

Entro il 30 settembre 2015 le società in liquidazione che abbiano assunto l’impegno in UNICO 2014 devono procedere alla cancellazione dal Registro…
02-09-2015

Le minacce dell’usuraio non salvano dalla bancarotta preferenziale

La Cassazione, nella sentenza n. 35707/2015, ha precisato che risponde di bancarotta fraudolenta preferenziale l’amministratore/socio di una srl in…
02-09-2015

Fallimento, insinuazione con la busta paga non firmata

La domanda del dipendente, relativa ad un credito maturato nei confronti dell’impresa fallita, è meritevole di accoglimento, in sede di formazione…
02-09-2015

Possibile registrarsi per richiedere il voucher per l’internazionalizzazione

Si è aperta ieri la finestra temporale entro la quale sarà possibile registrarsi, tramite apposita procedura telematica, alla sezione “Voucher per…
02-09-2015

In agosto tassi europei stabili in un contesto di ampia volatilità sui mercati

Un mese di agosto all’insegna dell’aumento della volatilità: risolta in parte la crisi greca è stata la Cina ad occupare le cronache finanziarie con…
02-09-2015

In Gazzetta Ufficiale il decreto intermediari

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 202 di ieri il DLgs. n. 136 del 18 agosto 2015 recante la disciplina dei conti annuali, conti…
01-09-2015

Arrivano i codici tributo per i produttori indipendenti di audiovisivi

Con la risoluzione n. 77 di ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito i quattro codici tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante il modello…
01-09-2015

Reclamo e mediazione tributaria con un “nuovo volto”

Lo schema di decreto sulla riforma del contenzioso tributario, che attua l’art. 10 della L. 23/2014, contiene importanti novità relative al reclamo e…
01-09-2015

Il credito “dimenticato” non può essere utilizzato nel ricorso contro la cartella

Nel caso di omessa indicazione del credito IRES dell’anno precedente nella dichiarazione annuale ed omessa presentazione della dichiarazione…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it