Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
29-07-2014

Società che promuovono il turismo tra le start up innovative

Con 159 voti favorevoli e 90 contrari, il Senato ha dato ieri il via libera definitivo al Ddl. di conversione del DL 83/2014 (decreto “cultura”). Il…
29-07-2014

Utilizzo “anticipato” del bonus ricerca e sviluppo con sanzioni “miti”

A poco più di un mese dall’uscita della circolare 20 di Assonime (si veda “Assonime critica la prassi sanzionatoria degli uffici sui crediti…
29-07-2014

Codice di autodisciplina delle quotate con “principi” derogabili

La derogabilità dei principi del codice di autodisciplina dellesocietà quotate non contrasta con la Raccomandazione europea 2014/208/UE. A precisarlo…
29-07-2014

Il POS comporta un onere medio annuo tra 25 e 180 euro

L’onere medio che un esercizio commerciale o un professionista sostiene per dotarsi di un POS varia da un minimo di 25-60 euro l’anno a un massimo di…
29-07-2014

I tassi sui minimi storici offrono opportunità interessanti

I titoli governativi “risk free” Bond Usa e Bund, dopo il calo dell’ultimo periodo a seguito di alcuni deludenti dati congiunturali che li hanno…
29-07-2014

Per la transazione, informativa di bilancio sulle difficoltà del debitore

L’accordo transattivo di riduzione del debito, perfezionato dal debitore con uno o più creditori, rientra nella fattispecie che l’OIC 6 qualifica come…
28-07-2014

Il registro all’1% torna al vaglio della Corte Costituzionale

La Commissione Tributaria di Trapani non si arrende e ripropone alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell’aliquota dell’imposta di…
28-07-2014

La cessione d’azienda preclude la deduzione degli ammortamenti

Una società non può dedurre le quote di ammortamento relative ai beni strumentali di un’azienda ceduta ad un soggetto terzo. È quanto si desume dalla…
28-07-2014

Comunicazione delle minusvalenze alla prova del “favor rei”

Le leggi tributarie sono sovente oggetto di modifiche ad opera del legislatore, ragion per cui, sul versante sanzionatorio, acquista un gran rilievo…
28-07-2014

Agevolati i rimborsi IVA per i costruttori di aeromobili

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2014 il decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che concede il beneficio…
28-07-2014

Più fatti di bancarotta “aggravano” il reato

La sentenza del 22 luglio 2014 n. 32352 della Cassazione, relativa al caso Parmalat (si veda “I «segnali d’allarme» condannano amministratori non…
28-07-2014

Contenuti della lettera d’incarico determinanti in caso di controversie

La lettera d’incarico definisce e circoscrive il perimetro delle prestazioni rientranti nel compenso concordato tra professionista e cliente. È questo…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it