Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
27-04-2015

Motivazione imprescindibile anche per gli avvisi di liquidazione

L’art. 7 comma 1 della L. 212/2000 recita testualmente: “gli atti dell’Amministrazione finanziaria sono motivati secondo quanto prescritto…
27-04-2015

I beni delle imprese trasferite in Italia “entrano” al valore normale

Circa un anno fa ci siamo interrogati su Eutekne.info (si veda “Con residenza fiscale trasferita in Italia, valorizzazione dei beni a valori…
27-04-2015

Ultimi giorni per i rimborsi trimestrali da “split payment”

Il 30 aprile 2015 scade il termine per la presentazione telematica del modello TR, adempimento necessario per richiedere a rimborso il credito IVA…
27-04-2015

Con perdita del capitale controlli dei sindaci anche in caso di concordato

La diminuzione del capitale di oltre un terzo a causa di perdite (artt. 2446, comma 1 e 2482-bis, commi 1-3 c.c.) comporta, in capo all’organo…
27-04-2015

Il mero silenzio dell’amministratore non impedisce ai soci un adeguato controllo

Un reato societario che raramente trova applicazione nella aule di giustizia è il delitto di impedito controllo, disciplinato dall’art. 2625 c.c. e…
27-04-2015

Abuso del diritto ed elusione fuori dal penale

Uno dei tre decreti attuativi della delega fiscale di cui alla L. 23/2014 – approvati in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 21…
27-04-2015

Nell’incarico di revisione inclusi i criteri per l’adeguamento del corrispettivo

Assirevi ha pubblicato il Quaderno n. 16 dove vengono esaminati i nuovi principi di revisione ISA Italia. Si ricorda che, a seguito della determina…
27-04-2015

Con la rinuncia del socio il debito della società si trasforma in patrimonio netto

Tra le novità principali del nuovo OIC 28 vi sono le precisazioni in merito ai “versamenti in conto futuro aumento” di capitale e la rinuncia ad un…
25-04-2015

Apertura sull’utilizzo del credito d’imposta “prima casa”

L’Agenzia delle Entrate, con la risposta 4.9 contenuta nella circolare n. 17/2015, offre una visione certamente più elastica in merito all’utilizzo…
25-04-2015

Detrazione del 50% ammessa per nuovi interventi autonomi

Con la circolare n. 17 di ieri, 24 aprile 2015, l’Agenzia delle Entrate ha confermato alcune questioni relative alla detrazione IRPEF del 36-50%…
25-04-2015

La prevalenza qualifica la produzione di energia rinnovabile come reddito agrario

Non è fondata la questione di legittimità costituzionale delle Finanziarie 2006 e 2007, nelle parti in cui non stabiliscono alcun limite di natura…
25-04-2015

Interessi detraibili anche in caso di trasferimento all’estero per lavoro

Detraibili gli interessi sul mutuo per l’acquisto dell’abitazione principale se la residenza si è trasferita all’estero per motivi di lavoro, le spese…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it