Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
03-12-2016

Cambia il modello per le dichiarazioni d’intento

Da ieri è disponibile una nuova versione del modello di dichiarazione d’intento per acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell’IVA,…
03-12-2016

Dal 9 gennaio fatture al Sistema di Interscambio solo con nuovo formato

Dal 9 gennaio 2017 il servizio gratuito di generazione e trasmissione delle fatture elettroniche, messo a disposizione a partire dallo scorso 1°…
03-12-2016

Linea dura del MEF per il saldo IMU e TASI 2016

Il MEF, con una serie di FAQ pubblicate nella giornata di ieri, ha fornito importanti chiarimenti in tema di aliquote da applicare per il calcolo del…
03-12-2016

Casero: “Pronti a modificare il sistema fiscale”

Molti degli elementi che hanno suscitato polemiche e perplessità, al punto da indurre i commercialisti a organizzare una manifestazione di protesta il…
03-12-2016

Pubblicata la riedizione del modello per la rottamazione dei ruoli

Nel Supplemento Ordinario n. 53 della Gazzetta Ufficiale n. 282 di ieri, è stata pubblicatala L. 1° dicembre 2016 n. 225, che ha convertito il decreto…
03-12-2016

Dagli accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari vincoli per tutti

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nel documento “Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari e…
03-12-2016

Assegni del Fondo di integrazione salariale solo con pagamento diretto

Con il messaggio n. 4885 di ieri, 2 dicembre 2016, l’INPS ha fornito alcune istruzioni operative in merito alle modalità di pagamento dell’assegno…
03-12-2016

Abuso di mezzi di correzione contestabile anche in ambito lavorativo

La giurisprudenza si è trovata più volte ad interrogarsi sulla possibile qualificazione penale di comportamenti vessatori e offensivi sul luogo di…
02-12-2016

Tax credit alberghi al 65% per il 2017 e 2018

Nell’ambito degli interventi per la crescita, il Ddl. di bilancio 2017 proroga, apportando alcune modifiche, il credito d’imposta per la…
02-12-2016

Interessi infragruppo intra-Ue senza ritenuta anche se manca la data certa

Non viene meno il regime di esenzione dalle imposte sugli interessi infragruppo intracomunitari qualora la presentazione della documentazione…
02-12-2016

Ritenute operate entro la presentazione di UNICO scomputabili per cassa

Tra le novità introdotte in sede di conversione del c.d. decreto fiscale (DL 193/2016) va segnalata la modifica al criterio di scomputo delle ritenute…
02-12-2016

Il codice fiscale dei non residenti può essere chiesto dagli operatori finanziari

L’Agenzia delle Entrate, attraverso una delle apposite FAQ pubblicate sulla pagina web dedicata alla comunicazione dei rapporti finanziari, il 29…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it