Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 settembre 2012

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità

Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani

Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 101, co. 5, del Tuir, recentemente sostituito dall’art. 33, co. 5, del D.L. n. 83/2012, stabilisce che le perdite su crediti costituiscono un componente negative rilevante, in sede di determinazione del reddito d’impresa, se risultano da elementi certi e precisi, salvi alcuni casi specifici, alcuni dei quali recentemente introdotti dal Decreto Crescita. Si tratta delle perdite su crediti di importo modesto e la cui scadenza sia decorsa da sei mesi, oppure per i quali è prescritto il diritto alla riscossione: la medesima deroga è riconosciuta, con riferimento alle imprese che adottano i principi contabili internazionali, nell’ipotesi di cancellazione dei crediti iscritti in bilancio a causa di eventi estintivi. Al di fuori di tali fattispecie, è comunque ammessa la deducibilità immediata, ovvero senza fornire ulteriori prove, se il debitore è assoggettato ad una procedura concorsuale, oppure ha concluso un accordo di ristrutturazione delle passività omologato. Nel caso di crediti commerciali di modesto importo, la deduzione della perdita di competenza del periodo d’imposta può, tuttavia, prescindere dalla ricerca di rigorose prove formali: la lieve entità della pretesa può, infatti, indurre l’impresa a non intraprendere azioni di recupero, obiettivamente antieconomiche, che comporterebbero il sostenimento di ulteriori oneri, come storicamente sostenuto dall’Agenzia delle Entrate (R.M. 6 agosto 1976, n. 9/124), e ribadito nella risposta all’interrogazione parlamentare n. 5-00570 del 5 novembre 2008. Tale orientamento è stato recepito anche dal legislatore, che – con l’art. 33, co. 5, del Decreto Crescita, come anticipato – ha sostituito integralmente l’art. 101, co. 5, del Tuir: in particolare, è stato confermato il principio generale di rilevanza fiscale delle perdite risultanti da “elementi certi e precisi”, stabilendo altresì che questi ultimi sussistono, in ogni caso, “quando il credito sia di modesta entità e sia decorso un periodo di sei mesi dalla scadenza di pagamento del credito”.
Categorie:Bilancio
Deducibilità delle perdite su crediti: le ultime novità - Daily news N. 247 del 12.09.2012 a cura di Fabio Graziani€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
20-08-2014

Costituzione di servitù su terreni agricoli con registro più basso

Una recente decisione pronunciata dai giudici tributari di merito in materia di imposta di registro ha fatto riemergere i dubbi interpretativi sulla…
20-08-2014

Immobili posti a comparazione nella motivazione del riclassamento catastale

La giurisprudenza di legittimità, in questi ultimi anni, ha chiarito in molte pronunce che anche gli atti relativi al riclassamento catastale devono…
20-08-2014

IVA, l’inidoneità a svolgere l’attività economica prova le operazioni inesistenti

Nell’ambito della disciplina dell’IVA, in caso di contestazione di operazioni inesistenti o fraudolente, sull’Amministrazione incombe l’onere della…
20-08-2014

“Salto” della mediazione difficilmente censurabile in appello

In un recente intervento su Eutekne.info (si veda “In assenza di reclamo, non sempre è opportuno rilevare l’improcedibilità” di ieri) abbiamo…
20-08-2014

Evasione fiscale “al nodo” della confisca di prevenzione

La confisca di beni a fini di prevenzione – prevista dall’art. 2-ter della L. n. 575 del 1965, oggi artt. 16 e ss. del DLgs. n. 159 del 2011 – va…
20-08-2014

Adeguata verifica semplificata per le società di factoring

La Banca d’Italia sta valutando l’adozione di una semplificazione degli obblighi antiriciclaggio da applicare in relazione ad operazioni di factoring,…
19-08-2014

Equitalia, dal 2015 piani di rateizzazione precompilati in cartella

Nel 2015 cominceranno a essere notificate le cartelle con allegati i piani di rateizzazione precompilati del debito che possono essere concessi in…
19-08-2014

Nuove delineazioni dell’ambito oggettivo dei servizi di telecomunicazione

Lo scorso 30 luglio sono state messe a disposizione on line, in 23 lingue dell’Unione europea, le note esplicative (dei veri e propri “lavori in…
19-08-2014

Studi di settore, durata delle scorte a prova di normalità

Uno degli indicatori di normalità economica operativi in seno agli studi di settore è quello relativo alla “Durata delle scorte” il quale misura i…
19-08-2014

In assenza di reclamo, non sempre è opportuno rilevare l’improcedibilità

La L. 147/2013 ha apportato rilevanti modifiche all’istituto del reclamo, la più importante delle quali è senza dubbio la “sostituzione”…
19-08-2014

Fondi patrimoniali, cedolare secca preclusa al coniuge non proprietario

Una recente sentenza della Cassazione dà l’opportunità di riprendere la questione dell’applicazione della cedolare secca a fabbricati abitativi…
19-08-2014

Intestazione fiduciaria di quota di srl a prova di testimoni

Con l’ordinanza n. 12138/2014, la Cassazione è tornata ad occuparsi di intestazione fiduciaria di quote di partecipazione in una srl, con fiduciante e…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it