Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-02-2015

Costi “black list” sempre deducibili anche prima del 2007

La sentenza della Cassazione n. 4030, depositata ieri 27 febbraio 2015, è probabilmente destinata a mettere fine alle problematiche relative ai…
28-02-2015

Deducibili per competenza anche le spese di modesto ammontare

Con la sentenza n. 4041 di ieri, 27 febbraio 2015, la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito all’applicazione del principio di competenza ai…
28-02-2015

Acqua ossigenata al 3% con IVA ridotta

Alle cessioni di acqua ossigenata al 3% (stabilizzata a 10 volumi) si applica l’aliquota IVA del 10% ai sensi del n. 114) della Tabella A, Parte III,…
28-02-2015

Credito R&S sui singoli “gruppi” di spesa

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti, con la circolare datata 28 febbraio 2015 pubblicata ieri, analizza la disciplina del nuovo credito…
28-02-2015

Amministratori di spa responsabili solo con prove certe del debito sociale

L’art. 36 del DPR 602/73 disciplina una particolare responsabilità di liquidatori, soci e amministratori di soggetti IRES, che scatta quando nella…
28-02-2015

Voluntary disclosure senza regime transitorio

Con la firma del protocollo di modifica della Convenzione tra Italia e Svizzera che consentirà lo scambio di informazioni di carattere fiscale tra i…
28-02-2015

L’imminente avvio del QE spinge i Btp ai minimi storici di rendimento

La settimana appena trascorsa è stata contraddistinta dall’ottima performance dei titoli periferici europei.L’imminente inizio del quantitative…
27-02-2015

“Ufficiali” la proroga del vecchio regime dei minimi e il blocco dei contributi

Con 156 voti favorevoli, 78 contrari e un’astensione, il Senato ha approvato in via definitiva il Ddl. n. 1779 di conversione del DL n. 192/2014…
27-02-2015

Ultimi giorni per la comunicazione dati IVA

Scade lunedì 2 marzo 2015 il termine per la presentazione della comunicazione dati IVA, ovvero, in alternativa, il termine per la presentazione della…
27-02-2015

Alle Sezioni Unite l’assoggettamento ad IRAP delle società semplici

Con l’ordinanza interlocutoria n. 3870, depositata il 25 febbraio 2015, la sesta sezione della Cassazione ha sottoposto al Primo Presidente…
27-02-2015

Esenzioni IVA “intracomunitarie” in base allo Stato di destinazione dei beni

Al fine di stabilire se un acquisto intracomunitario di beni sia esente da IVA, occorre verificare se la cessione di tali beni sia esente nel…
27-02-2015

Italia e Liechtenstein hanno firmato l’accordo fiscale

Dopo la firma del Protocollo aggiuntivo del 23 febbraio 2015 con la Svizzera, il Governo italiano ha concesso il bis nel pomeriggio di ieri, 26…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it