Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
26-07-2016

Scambio automatico in vista per Hong Kong, Panama ed Emirati Arabi

L’OCSE ha reso pubblico il Rapporto indirizzato ai Ministri delle Finanze dei Paesi del G20, riunitisi a Chengdu il week end del 23 e 24 luglio…
26-07-2016

Esente da imposte indirette anche il mutuo con il beneficiario finale

Il regime di esenzione dalle imposte di registro, di bollo, ipotecaria e catastale e da ogni altro tributo indiretto, previsto per l’erogazione di…
26-07-2016

Registro imprese, restyling dei modelli di certificato

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 luglio 2016 n. 171, il DM 24 giugno 2016, recante “Modifica dei modelli di certificato tipo…
26-07-2016

Società di fatto holding occulta senza “spendita del nome”

In tutti i casi in cui la società di fatto (holding) risponda ai canoni della società occulta (come accadeva nel caso di specie) non ha senso porsi il…
26-07-2016

Dal CNDCEC le Linee guida aggiornate per i sindaci-revisori

Il CNDCEC ha reso disponibile il documento “Linee Guida per il Sindaco-Revisore alla luce degli ISA Italia”, dove vengono fornite indicazioni di…
26-07-2016

Maggiori tutele e certezze nel “nuovo” distacco transnazionale

Con l’entrata in vigore, il 22 luglio scorso, del DLgs. 136/2016, anche nel nostro Paese sono in vigore i principi contenuti nella direttiva…
26-07-2016

Imprenditori tedeschi positivi sul futuro

L’indice Ifo (indice di fiducia che viene elaborato intervistando gli imprenditori tedeschi) è risultato migliore delle attese e in crescita rispetto…
26-07-2016

In arrivo gli OIC su rendiconto finanziario e ratei e risconti

L’OIC ha pubblicato ieri due nuovi principi contabili nazionali in bozza per la consultazione: l’atteso OIC 10 sul Rendiconto finanziario e l’OIC 18…
25-07-2016

Interessi passivi inerenti per le LBO immobiliari

La circolare Assonime n. 17/2016 commenta quanto chiarito dall’Amministrazione finanziaria, in merito al regime fiscale delle operazioni di…
25-07-2016

Sospensione feriale dubbia per la domanda di adesione

Dal 1° al 31 agosto, anche nel processo tributario rimangono sospesi i termini processuali (si veda “Sospensione feriale in arrivo anche per i ricorsi…
25-07-2016

Per il bonus ristrutturazione conta la qualificazione del tecnico

La detrazione delle spese per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio spetta, in riferimento alle singole unità immobiliari residenziali,…
25-07-2016

Per i contributi di bonifica onere della prova non sempre in capo al consorzio

La sentenza della Cassazione n. 14508/2016, in materia di contributi di bonifica, dà la possibilità di fare un breve punto dell’annosa questione, ove…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it