Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
24-01-2015

Niente deduzione del 20% sull’acquisto di immobili di categorie A/1, A/8 e A/9

Le novità introdotte dal DL n. 133/2014 (conv. L. 164/2014) e dal DLgs. n. 175/2014 sono confluite nella guida dell’Agenzia delle Entrate “Fisco e…
24-01-2015

Il consultorio resta ONLUS anche con prestazioni a carico dell’utente

Il consultorio mantiene la qualifica di ONLUS anche nel caso in cui effettui ulteriori interventi per completare la terapia con corrispettivo a carico…
24-01-2015

Amministrazione Pubblica condannata alle spese processuali anche se contumace

È tenuto a pagare le spese processuali chiunque dia luogo inutilmente al processo e faccia valere delle pretese prive di fondamento. Questa regola…
24-01-2015

Stabile organizzazione come criterio per l’esterovestizione

Dal combinato disposto dell’art. 5 del DLgs. 74/2000 e dell’art. 73 del TUIR si aprono le porte alla nozione di “esterovestizione” e di “stabile…
24-01-2015

Registro Imprese, domande di cancellazione entro il 30 gennaio

A seguito della circolare MISE del 29 dicembre 2014 n. 227775 che ha definito gli importi dovuti a titolo di diritto annuale alle Camere di Commercio…
24-01-2015

Il versamento dell’IMU sui terreni agricoli slitta al 10 febbraio

Dopo non poche vicissitudini e colpi di scena, ieri pomeriggio il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che dispone la revisione dei…
24-01-2015

Al via i nuovi compensi per l’assistenza fiscale

Nuovi compensi per l’attività di assistenza fiscale svolta dai professionisti e dai CAF, al fine di tenere conto dei diversi adempimenti posti a loro…
24-01-2015

Revisori enti locali, arriva lo schema di parere sul bilancio di previsione 2015

L’Associazione Nazionale Certificatori e Revisori degli Enti Locali (ANCREL) ha elaborato e messo a disposizione del CNDCEC un documento contenente il…
24-01-2015

Voluntary, per consulenze ante incarico esclusi gli obblighi antiriciclaggio

Ieri, nella sezione FAQ del sito del Dipartimento del Tesoro presso il Ministero dell’Economia e delle finanze, è stata pubblicata la risposta ad una…
24-01-2015

L’esigenza di “tagliare” un posto di lavoro va sempre verificata

La soppressione di un reparto o di un posto di lavoro, cui consegue il licenziamento di un lavoratore per giustificato motivo oggettivo, rappresenta…
24-01-2015

Nuovi minimi per l’euro dopo il “quantitative easing” Bce

Un fine settimana movimentato dopo l’annuncio del lancio di un QE Bce decisamente superiore alle attese. Borse positive (ieri qualche presa di…
23-01-2015

Sull’IMU dei terreni agricoli montani il quadro si complica ancora

Nemmeno ieri è giunta dal Governo una qualche indicazione in merito all’IMU sui terreni agricoli ricadenti in zone montane o di collina, malgrado…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it