Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-04-2015

Detrazione ad ampio raggio per gli “altri familiari”

Con la circolare n. 17/2015, l’Agenzia delle Entrate ha fornito un importante chiarimento sulle detrazioni per carichi di famiglia. Si tratta, in…
28-04-2015

Non “scontata” la particolare tenuità per i reati tributari

Con il decreto delegato n. 28 del 2015 è stata introdotta, nel nostro sistema penale, una nuova causa di non punibilità giustificata dalla…
28-04-2015

Anche per la responsabilità civile degli amministratori determinanti le anomalie

La sentenza 3 marzo 2015 n. 2826 del Tribunale di Milano si sofferma su taluni profili di responsabilità degli amministratori di spa, sottolineando…
28-04-2015

Servizi di presentazione della domanda di DIS-COLL operativi entro l’11 maggio

Nell’attesa del riordino delle tipologie contrattuali da parte del DLgs. approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri lo scorso 20 febbraio…
28-04-2015

Dichiarazione di conformità differenziata per il bilancio XBRL

Il Manuale operativo per il deposito dei bilanci al Registro delle imprese, recentemente messo a disposizione da Unioncamere sul proprio sito…
28-04-2015

Niente iscrizione di fiscalità differita con rilevazione iniziale dell’avviamento

Uno degli aspetti di maggiore interesse del nuovo OIC 25 è rappresentato dalla disciplina della fiscalità differita sulle operazioni che non…
27-04-2015

Motivazione imprescindibile anche per gli avvisi di liquidazione

L’art. 7 comma 1 della L. 212/2000 recita testualmente: “gli atti dell’Amministrazione finanziaria sono motivati secondo quanto prescritto…
27-04-2015

I beni delle imprese trasferite in Italia “entrano” al valore normale

Circa un anno fa ci siamo interrogati su Eutekne.info (si veda “Con residenza fiscale trasferita in Italia, valorizzazione dei beni a valori…
27-04-2015

Ultimi giorni per i rimborsi trimestrali da “split payment”

Il 30 aprile 2015 scade il termine per la presentazione telematica del modello TR, adempimento necessario per richiedere a rimborso il credito IVA…
27-04-2015

Con perdita del capitale controlli dei sindaci anche in caso di concordato

La diminuzione del capitale di oltre un terzo a causa di perdite (artt. 2446, comma 1 e 2482-bis, commi 1-3 c.c.) comporta, in capo all’organo…
27-04-2015

Il mero silenzio dell’amministratore non impedisce ai soci un adeguato controllo

Un reato societario che raramente trova applicazione nella aule di giustizia è il delitto di impedito controllo, disciplinato dall’art. 2625 c.c. e…
27-04-2015

Abuso del diritto ed elusione fuori dal penale

Uno dei tre decreti attuativi della delega fiscale di cui alla L. 23/2014 – approvati in via preliminare dal Consiglio dei Ministri del 21…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it