Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
24-05-2017

La tassazione sostitutiva di 100.000 euro assorbe tutti i redditi esteri

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato ieri la circolare n. 17, che fornisce chiarimenti sui regimi agevolativi previsti per le persone fisiche che…
24-05-2017

Anticipati i nuovi indici di affidabilità al posto degli studi di settore

La disciplina degli indici sintetici di affidabilità fiscale, sostitutivi degli studi di settore, potrebbe essere introdotta in via anticipata…
24-05-2017

Aggiunti dati sugli studi di settore nel cassetto fiscale

Da ieri, il prospetto riepilogativo del cassetto fiscale, contenente le informazioni più significative dichiarate per l’applicazione degli studi di…
24-05-2017

Incentivi per i lavoratori “contro-esodati” fino al 2017

Nell’ambito della circ. 17 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha fornito rilevanti chiarimenti in merito alle misure volte ad agevolare le persone…
24-05-2017

Il pagamento del debito tributario non vale per tutti i concorrenti nel reato

Il pagamento del debito tributario da parte di un concorrente (o di un terzo) di per sé non produce alcun effetto sugli altri concorrenti (o…
24-05-2017

Commercialisti: “Bene i decreti attuativi sul terzo settore”

Gli schemi di decreto sul non profit rappresentano un “passaggio cruciale per il completamento del progetto di riforma” del terzo settore.I…
24-05-2017

Notifica della cartella non necessaria per l’insinuazione dei crediti previdenziali

La notifica della cartella non è necessaria, ad alcun fine, qualora la pretesa iscritta a ruolo, insinuata al passivo fallimentare, non abbia natura…
24-05-2017

Procedura per la domanda del contributo asili nido operativa dal 17 luglio

L’INPS, con la circolare n. 88/2017, ha fornito le prime istruzioni operative per accedere all’agevolazione prevista per il pagamento delle rette…
24-05-2017

Licenziamento per malattia senza tempi “prefissati”

In caso di licenziamento per superamento del periodo di comporto, la tempestività del recesso non può essere rigidamente determinata sulla base dei…
24-05-2017

Per la DIS-COLL serve l’iscrizione in via esclusiva alla Gestione separata

Con la circolare n. 89 di ieri, l’INPS è intervenuto con riferimento alla DIS-COLL, ovvero l’indennità di disoccupazione per i collaboratori…
23-05-2017

Primo via libera alla web tax, rimborsi IVA più veloci

La platea dei destinatari dello split payment resta invariata, ma è in arrivo la velocizzazione dei rimborsi IVA, oltre alla “web tax”.Ieri la…
23-05-2017

Spese per asilo nido e scuola materna con i codici “33” o “12” in REDDITI PF

Per le spese documentate sostenute dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido da parte dei figli spetta la…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it