Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
01-08-2015

Il valore per il Registro “blinda” la plusvalenza IRPEF

Il valore del terreno edificabile definito ai fini dell’imposta di registro costituisce un valido elemento sulla base del quale l’Ufficio può…
01-08-2015

C’è peculato se il notaio non autoliquida integralmente l’imposta di registro

Commette il reato di peculato il notaio che, dopo essersi fatto consegnare dai propri clienti le somme necessarie al pagamento delle imposte di…
01-08-2015

Trust non commerciali con esenzione al 22,26% sugli utili

Con la risoluzione n. 70, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta sul regime dei dividendi percepiti dagli enti non commerciali,…
01-08-2015

CNDCEC soddisfatto sul rinvio a settembre per rispondere al Fisco

Un “primo importante segnale di attenzione” nei confronti delle richieste avanzate dai commercialisti, in ultimo, nel corso del tavolo tecnico sulle…
01-08-2015

Con la sostanza economica niente abuso del diritto

Con un anno di ritardo rispetto alla tabella di marcia originariamente prospettata, il Consiglio dei ministri di ieri ha approvato in via definitiva…
01-08-2015

Dal 1° luglio 2016, servizio gratuito dell’Agenzia per le fatture elettroniche

Il Governo ha dato ieri il via libera definitivo al decreto legislativo in materia di fatturazione elettronica e di trasmissione telematica dei…
01-08-2015

La Fondazione nazionale conferma il calo dei praticanti commercialisti

Al 1° gennaio 2015, il totale dei soggetti iscritti al Registro dei praticanti dottori commercialisti ed esperti contabili era pari a 13.609 unità,…
31-07-2015

Ufficiale la proroga per i modelli 770

In un’ormai collaudata “zona Cesarini”, è ufficiale la proroga al 21 settembre per l’invio dei modelli 770/2015. Dopo le anticipazioni su Eutekne.info…
31-07-2015

Tempo fino a settembre per “rispondere” ai controlli formali sui redditi 2012

Slitta a settembre il termine per rispondere alle richieste di documentazione da controllo formale, ex art. 36-ter del DPR 600/73, sui redditi 2012,…
31-07-2015

Tutto pronto per versare la sanzione ridotta da visto infedele sui modelli 730

Con il codice identificativo “73”, denominato “CONTRIBUENTE”, e con il codice tributo “8925”, istituito con la risoluzione n. 388/2007, i soggetti…
31-07-2015

Utilizzabile in compensazione il credito d’imposta per le imprese di autotrasporto

È pronto il codice tributo per l’utilizzo in compensazione, tramite modello F24, del credito d’imposta a favore delle imprese di autotrasporto per…
31-07-2015

Non serve un intervento normativo sulla tassazione di immobili di enti religiosi

Le “famose” sentenze nn. 14225 e 14226 del 2015, con cui la Cassazione ha accolto i ricorsi del Comune di Livorno, che aveva preteso dagli enti…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it