Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-08-2016

Studi di settore, cause di esclusione a rischio disconoscimento

La compilazione dei modelli di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore richiede particolare attenzione per quel che riguarda…
25-08-2016

La decadenza dalla dilazione fa rivivere le sanzioni civili INPS

Abbiamo già commentato su Eutekne.info la circolare n. 140 dell’INPS, ove è stato fatto il punto della situazione in merito agli effetti previdenziali…
25-08-2016

Importazione anticipata anche per il perfezionamento passivo

Con il nuovo Codice doganale dell’Unione (CDU), le cui disposizioni sono applicate a partire dal 1° maggio 2016, anche in caso di perfezionamento…
25-08-2016

Vantaggi compensativi più ampi nel penale

Capita di frequente che amministratori accusati di bancarotta fraudolenta per distrazione provino a difendersi invocando il fatto che le condotte…
25-08-2016

Diritto di prelazione anche per l’imprenditore agricolo professionale

Entra in vigore oggi, 25 agosto 2016, la L. n. 154/2016, più nota come “collegato agricoltura”. Come già ricordato su Eutekne.info (si veda “Ridotti…
24-08-2016

Nella spesa patrimoniale, giudicato di rigetto a volte estendibile

Tempo fa abbiamo commentato su Eutekne.info la sentenza n. 14509 dello scorso 15 luglio 2016, ove la Cassazione, confermando il principio delle…
24-08-2016

La Cassazione ribadisce la natura di tributo interno dell’IVA all’importazione

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16509 del 5 agosto 2016, ha chiarito i presupposti di utilizzo del deposito IVA e la natura dell’IVA…
24-08-2016

Concessionarie, costo dei dipendenti a tempo indeterminato in deduzione

Le imprese operanti in concessione e a tariffa nei settori delle c.d. “public utilities” (es. energia, acqua, trasporti, poste, raccolta e smaltimento…
24-08-2016

Adempimenti pubblicitari e controlli per il pre-commissario giudiziale

Il professionista nominato commissario giudiziale dal tribunale competente, anche in pendenza della domanda di concordato preventivo “in bianco” (art.…
24-08-2016

Commercialista a rischio falso in atto pubblico per sgravi tributari illeciti

Severa ma pienamente condivisibile presa di posizione della Cassazione con riferimento alle frodi in tema di sgravi tributari. La vicenda presa in…
24-08-2016

Licenziamento disciplinare inefficace senza l’audizione del dipendente

Il lavoratore soggetto a procedimento disciplinare ai sensi dell’art. 7 della L. 300/1970 (c.d. Statuto dei lavoratori) ha diritto di essere ascoltato…
23-08-2016

Congruità influenzata dai compensi per gli amministratori

La C.T. Prov. di Firenze, con la sentenza n. 866/5/16 del 9 giugno 2016, ha espresso alcune interessanti considerazioni in tema di accertamenti da…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it