Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
21-10-2014

Adempimenti a Genova e in tutte le zone alluvionate verso la sospensione

Scatterà a breve la sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari a favore dei contribuenti colpiti dagli eventi meteorologici…
21-10-2014

Consolidato nazionale, nuovo modello per l’istanza di scomputo delle perdite

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 133104 di ieri, ha approvato il modello e le relative istruzioni per l’istanza di computo in…
21-10-2014

Dividendi percepiti da enti non commerciali tassati per il 77,74%

Il Ddl. di stabilità 2015 modifica la tassazione dei dividendi percepiti da enti non commerciali, incrementandola sensibilmente. La quota esclusa da…
21-10-2014

Da oggi è possibile trasmettere i dati delle dichiarazioni IMU TASI ENC

Sono aperti a partire da oggi, 21 ottobre, i canali Entratel e Fisconline per la trasmissione dei dati della dichiarazione IMU TASI ENC. L’ha reso…
21-10-2014

La liquidazione volontaria complica la trasformazione delle DTA

L’Agenzia delle Entrate ha fornito, mediante, la risoluzione n. 92 di ieri, 20 ottobre 2014, ulteriori chiarimenti in merito al regime di…
21-10-2014

Veicoli storici ultraventennali non più esenti dal bollo

La tassa automobilistica (più comunemente denominata “bollo auto”) è dovuta periodicamente, di anno in anno, dal proprietario del veicolo in ragione…
21-10-2014

“Nuovo” ravvedimento operoso alla prova della decorrenza

Abbiamo già illustrato quali sono gli aspetti fondamentali della riforma degli istituti deflativi del contenzioso (si vedano “Nella legge di stabilità…
21-10-2014

Commercialisti contro l’aumento della tassazione sulle rendite delle Casse

Nonostante le rassicurazioni della vigilia, la temuta stangata sui conti delle Casse di previdenza sembrerebbe essere arrivata. Stando, infatti, alle…
21-10-2014

Per il CNDCEC gli studi associati non devono comunicare la PEC all’Agenzia

La comunicazione dell’indirizzo PEC all’Agenzia delle Entrate è da riferire ai soli professionisti persone fisiche, destinatari degli obblighi…
20-10-2014

Accertamento analitico-induttivo anche se la simulazione non è provata

La recente sentenza n. 21158/2014 della Cassazione fornisce alcuni interessanti spunti di riflessione sulla relazione intercorrente tra l’accertamento…
20-10-2014

Dal 2015 senza IRAP i costi per dipendenti a tempo indeterminato

Confermando quanto annunciato dal premier Renzi, la bozza del Ddl. di stabilità 2015 prevede che, dal periodo d’imposta successivo a quello in corso…
20-10-2014

Nel regime forfetario, contributi dovuti solo sul reddito dichiarato

I soggetti che potranno accedere al regime forfetario previsto dall’art. 9 del Ddl. di stabilità 2015 avranno anche la possibilità di beneficiare di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it