Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-03-2015

Approvato il decreto per l’IVA sui servizi di telecomunicazione e di e-commerce

A distanza di quasi tre mesi dall’entrata in vigore delle nuove regole di territorialità ai fini IVA per le prestazioni di servizi di…
28-03-2015

I codici ATECO guidano anche il nuovo reverse charge in edilizia

L’Agenzia delle Entrate ha emanato ieri, 27 marzo 2015, la circ. n. 14 con cui fornisce chiarimenti in merito alle disposizioni, introdotte dalla…
28-03-2015

Rimborso IVA per le spese di ristrutturazione dell’immobile altrui

Prosegue il braccio di ferro tra Amministrazione finanziaria e Cassazione sul diritto al rimborso del credito IVA derivante da spese effettuate su…
28-03-2015

Anche l’assoggettamento a IRAP degli studi associati alle Sezioni Unite

Con l’ordinanza interlocutoria n. 6330, depositata ieri, 27 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha sottoposto al Primo Presidente l’opportunità di…
28-03-2015

Sempre deducibili i costi black list non separatamente indicati in UNICO

Con la pronuncia n. 6205 di ieri, 27 marzo 2015, la Corte di Cassazione conferma l’efficacia retroattiva dell’abolizione del regime di indeducibilità…
28-03-2015

La responsabilità dell’illecito penale della persona fisica “si estende” all’ente

Un’articolata vicenda giudiziaria che vede coinvolte persone fisiche e giuridiche fornisce l’occasione alla Cassazione per tornare a pronunciarsi –…
28-03-2015

Fed attenta al ritmo del rialzo dei tassi per non innervosire i mercati

Andamento altalenante in settimana per i tassi Usa, che complessivamente salgono leggermente sul tratto a medio lungo: il Bond 10 Usa, dopo essere…
27-03-2015

In dirittura d’arrivo il decreto con le nuove regole IVA sull’e-commerce

Anche se alla chiusura del quotidiano non risulta ancora formalmente convocato, oggi il Consiglio dei Ministri dovrebbe licenziare lo schema di…
27-03-2015

In un’asta, IVA sul ricavato della vendita in capo all’ufficiale giudiziario

La Corte di Giustizia, con sentenza 26 marzo 2015, relativa alla causa C-499/13, Macikowski, ha chiarito in maniera puntuale il perimetro di…
27-03-2015

Illegittimo il diniego di rateazione per “indice di liquidità” superiore a uno

Ai fini dell’accesso alla dilazione dei ruoli ai sensi dell’art. 19 del DPR 602/73, Equitalia ha diramato varie direttive interne.Da ultimo, con il…
27-03-2015

Aperte le iscrizioni al 5 per mille 2015

Al via da ieri le iscrizioni al 5 per mille 2015. Lo ha reso noto l’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 13 diffusa ieri, che riepiloga gli…
27-03-2015

Con omessa convocazione di un socio, “nulla” la delibera dell’assemblea di srl

Una recente sentenza del Tribunale di Roma (la n. 23510/2014), nell’esaminare il ricorso del socio di una srl avverso una deliberazione assembleare…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it