Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
20-09-2014

Prende il via il progetto per pagare le marche da bollo on line

Nei prossimi mesi – considerati i tempi tecnici necessari allo sviluppo delle procedure, da parte delle pubbliche amministrazioni e degli intermediari…
20-09-2014

F24 on line a maglie strette

L’Agenzia delle Entrate è intervenuta, con la circolare n. 27 di ieri, per fornire chiarimenti sull’estensione dell’obbligo di utilizzo di canali…
20-09-2014

Società di comodo solo se in rosso per cinque anni consecutivi

Nel testo del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, che ha ricevuto la seconda approvazione preliminare da parte del Consiglio dei…
20-09-2014

Tempo fino al 23 settembre per i dati sui terreni agro-silvo-pastorali ai fini IMU

Il termine, originariamente stabilito al 15 settembre, per inserire nel Portale del federalismo fiscale i dati relativi ai terreni a immutabile…
20-09-2014

I sindacati denunciano i “nuovi” ritardi del Fisco

Dopo GE.RI.CO., il “triste copione dei ritardi nel rilasciodei software da parte dell’Amministrazione finanziaria si ripete”. La denuncia arriva dal…
20-09-2014

Valenza “immanente” del contraddittorio confermata dalle Sezioni Unite

Le Sezioni Unite, con la sentenza n. 19667 depositata il 18 settembre, hanno affermato che l’ipoteca esattoriale non ha natura di atto preordinato…
20-09-2014

La caparra confirmatoria non preclude la deducibilità della svalutazione crediti

La caparra confirmatoria non ha una funzione di tutela del credito, alla stessa stregua di una garanzia assicurativa, ma esclusivamente di…
20-09-2014

Il Governo approva la seconda versione del decreto “semplificazioni”

Il Consiglio dei Ministri di ieri, su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze, Pietro Carlo Padoan, ha effettuato il secondo esame…
19-09-2014

Al 30 novembre la dichiarazione IMU/TASI degli enti non commerciali

Ci saranno due mesi di tempo in più per presentare la dichiarazione IMU/TASI degli enti non commerciali per gli anni 2012 e 2013. Manca infatti solo…
19-09-2014

Per le Sezioni Unite l’ipoteca non è un mezzo preordinato all’espropriazione

Come annunciato su Eutekne.info (si veda “Alle Sezioni Unite i nessi tra intimazione ad adempiere e ipoteca” del 25 luglio 2013), era stata demandata…
19-09-2014

Secondo la Cassazione deducibilità dell’accantonamento per il TFM solo con data certa

Una recente sentenza della Cassazione segna un altro punto a favore dell’Agenzia delle Entrate in materia di deducibilità dell’accantonamento relativo…
19-09-2014

Visto di conformità infedele con ricadute sull’indebita compensazione

Le compensazioni dei crediti fiscali (sia relativi a determinate imposte sia a crediti d’imposta da indicare nel quadro RU, istituiti dalla…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it