Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
30-04-2016

Al via il reverse charge per tablet e laptop

Dal prossimo lunedì 2 maggio, per le cessioni di tablet PC, laptop e console da gioco l’IVA si applica con il meccanismo del reverse charge.La…
30-04-2016

Inverter e pannelli fotovoltaici esclusi dalla stima della rendita catastale

L’Agenzia delle Entrate, in occasione del 130° anniversario della nascita del catasto, ha fornito alcuni chiarimenti interpretativi sugli impianti di…
30-04-2016

Pronti i codici per pagare le somme dovute alle Dogane a seguito di reclamo

Con la risoluzione n. 33 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha indicato i codici tributo per versare, tramite il modello F24 Accise, le somme dovute a…
30-04-2016

Pesca e costruzioni trovano le causali contributo

Con due risoluzioni pubblicate ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito le causali contributo “EBLC” ed “ENBP” che potranno essere utilizzate per…
30-04-2016

Agevolazioni alle microimprese della ZFU dell’Emilia Romagna in F24

Con il provvedimento n. 62572 di ieri, 29 aprile 2016, l’Agenzia delle Entrate ha definito le modalità e i termini di fruizione delle agevolazioni…
30-04-2016

Spetta il risarcimento da svalutazione monetaria se il Fisco ritarda il rimborso

In caso di ritardo, da parte dell’Amministrazione finanziaria, nell’esecuzione del rimborso spettante al contribuente, quest’ultimo può avanzare…
30-04-2016

Le Entrate confermano che il lieve inadempimento vale per tutte le rate

Diverse volte abbiamo rilevato come, per effetto del DLgs. 159/2015, il legislatore abbia riformato vari punti della disciplina relativa alla…
30-04-2016

Istruzioni al prospetto crediti di UNICO 2016 PF non allineate alle ultime novità

Con il provvedimento n. 47207 del 31 marzo 2016 (correttivo del modello UNICO 2016 PF e delle relative istruzioni), è stata persa una buona occasione…
30-04-2016

Il nuovo Codice doganale ha ampliato il ruolo della garanzia per l’obbligazione

Tra le novità introdotte dal nuovo Codice doganale dell’Unione (reg. UE 952/2013), in vigore dal 1° maggio e analizzate dalla circolare n. 8/2016…
30-04-2016

Dichiarazione sostitutiva unica per il bonus “quarto figlio” al 31 maggio

Con il DPCM del 24 dicembre 2015, sono state introdotte le disposizioni attuative dell’art. 1 comma 130 della L. 190/2014 (legge di stabilità 2015),…
29-04-2016

Base imponibile IVA “limitata” in assenza del prezzo d’acquisto dei beni

La Corte di Giustizia dell’Unione europea, con sentenza di ieri, 28 aprile 2016, relativa alla causa C-128/14, Het Oudeland Beheer, ha affrontato il…
29-04-2016

Slitta al 15 giugno il termine per inviare i dati relativi all’accordo FATCA

L’Agenzia delle Entrate concede più tempo agli intermediari finanziari italiani per l’invio dei dati previsti dall’accordo FATCA sullo scambio…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it