Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
18-12-2014

Fuori dal nuovo regime forfetario i redditi totali che superano 20.000 euro

Il credito d’imposta IRAP per le imprese senza dipendenti, così come un credito per la Casse previdenziali private e privatizzate e per i fondi…
18-12-2014

ArtBonus in compensazione, tutto pronto per i titolari di reddito d’impresa

Con la risoluzione n. 116 di ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6842” che consentirà l’utilizzo in compensazione, tramite…
18-12-2014

Sull’indennità suppletiva di clientela repetita iuvant

Con la sentenza n. 26534, depositata ieri, 17 dicembre 2014, la Cassazione ha confermato che gli accantonamenti per le indennità di cessazione dei…
18-12-2014

Regolarizzazione di società di fatto a registro fisso

L’atto di regolarizzazione di società di fatto derivante da comunione di azienda può avere molteplici configurazioni, dalle quali scaturiscono…
18-12-2014

Exit tax alla prova delle nuove opzioni

L’Assonime ha fatto il punto della situazione sulla normativa relativa al trasferimento della sede all’estero con la circolare n. 33, diramata ieri 17…
18-12-2014

Notifica dell’impugnazione “salva” se avvenuta al soggetto estinto

Ai sensi dell’art. 2495 del codice civile, la cancellazione di una società, di capitali o di persone, dal Registro Imprese determina la sua…
18-12-2014

Aggiornamento dei modelli 231 con l’autoriciclaggio in Gazzetta

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 292 di ieri la L. 15 dicembre 2014 n. 186, che entrerà in vigore a partire dal 1° gennaio e…
18-12-2014

Nuove prove di razionalizzazione delle partecipate pubbliche

Il legislatore tenta, all’art. 2, commi da 268 a 271 del Ddl. di stabilità (A.S. 1698, che oggi dovrebbe approdare all’esame dell’Aula), salvo…
18-12-2014

Antiriciclaggio, in arrivo misure che “rivoluzionano” il sistema sanzionatorio

Niente più sanzioni penali per violazioni di natura formale, eliminazione dell’obbligo di registro cartaceo o AUI (Archivio Unico Informatico) a…
18-12-2014

Nei trasferimenti di aziende in crisi vince il mantenimento dei livelli occupazionali

Il principio di “insensibilità” dei rapporti di lavoro alle vicende riguardanti l’azienda cui ineriscano, di cui all’art. 2112 c.c., è derogabile, ai…
17-12-2014

I “nuovi” minimi possono versare le somme da controllo formale

L’Agenzia delle Entrate ha “sfornato” ieri nuovi codici tributo, oltre a una serie di causali contributo (si veda “Nuove causali contributo per due…
17-12-2014

Fuori dalla black list le “holding del ’29” lussemburghesi

Il Ministro Pier Carlo Padoan ha firmato ieri il decreto con il quale sono espunte dalla “black list” fiscale italiana le società holding…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it