Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-05-2016

Per le cooperative agricole categoria catastale non rurale da impugnare

La Cassazione, con la sentenza n. 10467 del 20 maggio 2016, ha chiarito il trattamento ICI per i fabbricati delle cooperative agricole.Nel caso di…
28-05-2016

IVA per le imprese di ripristino secondo il tipo di intervento effettuato

Il Consiglio nazionale del notariato, nello studio n. 57-2016/T, ha analizzato la disciplina IVA delle cessioni di fabbricati effettuate dalle imprese…
28-05-2016

Deduzione del costo per la controparte con accertamento del maggior ricavo

Sovente negli accertamenti analitici del reddito d’impresa vengono accertati maggiori ricavi non dichiarati, ad esempio in ragione del carattere…
28-05-2016

Questionario di autovalutazione per il beneficio AEO

Con l’entrata in vigore, a decorrere dal 1° maggio 2016, di tutte le disposizioni del Codice doganale dell’Unione europea (Regolamento Ue n.…
28-05-2016

Ai fini dei super-ammortamenti rileva la consegna

L’Agenzia delle Entrate, nella circ. n. 23/2016, ha fornito indicazioni in merito ai profili temporali dei c.d. “super-ammortamenti”.Il comma 91…
28-05-2016

Il falso in bilancio è anche “valutativo”

Le Sezioni Unite della Corte di Cassazione, nella sentenza n. 22474, depositata ieri, stabiliscono che il falso valutativo in bilancio anche dopo le…
28-05-2016

Part time agevolato soggetto a doppia autorizzazione

Con la circolare n. 90/2016, l’INPS ripercorre i tratti principali del “contratto part time agevolato” (c.d. invecchiamento attivo), fornendo la…
28-05-2016

Senza il rispetto della rotazione in CIGS aumenta il contributo addizionale

Con il DM 10 marzo 2016 n. 94956, pubblicato ieri sul proprio sito, il Ministero del Lavoro, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle…
27-05-2016

Super-ammortamenti per migliorie su beni di terzi

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 23 di ieri, fornisce i chiarimenti in merito ai c.d. “super-ammortamenti” di cui all’art. 1 commi 91-94 e…
27-05-2016

Via libera alle agevolazioni per trust, vincoli e fondi per disabili gravi

Nella seduta di ieri, il Senato ha approvato il Ddl. n. 2232, rubricato “Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilità…
27-05-2016

Individuati i criteri per l’IVA nei servizi elettronici

Con la circolare n. 22 pubblicata ieri, 26 maggio 2016, l’Agenzia delle Entrate ha affrontato la disciplina riguardante la territorialità IVA dei…
27-05-2016

Responsabilità limitata per il liquidatore che omette le ritenute

Il reato di omesso versamento di ritenute previsto dall’art. 10-bis del DLgs. 74/2000 punisce chiunque non versi, entro il termine previsto per la…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it