Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-05-2015

Entro il 1° giugno il versamento della tassa annuale sulle imbarcazioni

Il 1° giugno 2015 (in quanto il 31 maggio è domenica) scade il termine per il versamento della tassa annuale per le unità da diporto (imbarcazioni e…
25-05-2015

Novità per le agevolazioni sulle start up innovative in UNICO 2015 SC

Con riferimento alle agevolazioni fiscali per i conferimenti in start up innovative di cui all’art. 29 del DL 179/2012, il modello UNICO 2015 SC…
25-05-2015

Non sempre il mancato pagamento da parte della P.A. evita lo split payment

La circ. Agenzia delle Entrate 13 aprile 2015 n. 15 (§ 2), commentando l’ambito oggettivo della disciplina dello split payment, ha osservato che tale…
25-05-2015

Previsionale con meno appeal per chi fruisce dell’ACE

L’art. 1 comma 137 della L. 147/2013 (legge di stabilità 2014), modificando l’art. 1 comma 3 del DL 201/2011, ha previsto il potenziamento dell’ACE…
25-05-2015

Interessi passivi dei contratti di leasing con variazioni multiple

In un precedente intervento (“Leasing differenziati in UNICO a seconda della data di stipulazione” del 14 maggio 2015) è stato ricordato come, per i…
25-05-2015

Particolare tenuità del fatto come vaglio “preventivo” della punibilità

Nell’attesa che le Sezioni Unite chiariscano alcune tematiche legate alla causa di non punibilità per particolare tenuità del fatto, è interessante…
25-05-2015

Riscatto di polizze pegno a rischio riciclaggio per gli operatori auriferi

Tra i casi di particolare interesse contemplati dalla UIF e riscontrati nel corso della propria attività di analisi finanziaria ricade la presenza di…
25-05-2015

La confisca per equivalente non si applica al reato complesso

Se la confisca per equivalente è prevista dalla legge penale per un certo reato, essa non si applica al “reato complesso” nel quale il primo resti…
25-05-2015

Il fiduciario escluso resta iscritto al Registro Imprese

A fronte di uno statuto di srl che consente l’esclusione del socio al quale la partecipazione sia fiduciariamente intestata e la retrocessione della…
23-05-2015

Pronti i modelli per gli studi, attesa per la versione definitiva di GE.RI.CO.

Gradualmente, anche se in ritardo rispetto all’anno scorso – quando da più parti si sono comunque sollevate lamentele sulla tempistica – si completa…
23-05-2015

Prima casa, i vizi di costruzione sui solai non configurano forza maggiore

I vizi di costruzione, consistenti nel sottodimensionamento dei solai intermedi rispetto agli effettivi carichi previsti dalla normativa edilizia, non…
23-05-2015

Dal Parlamento i primi rilievi sul “nuovo” raddoppio dei termini

La nuova versione normativa in tema di raddoppio dei termini, all’esame delle Camere per i prescritti pareri, dispone espressamente, a tutela del…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it