Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
24-07-2014

Si apre uno spiraglio sulla proroga per l’invio dei 770

Sulla proroga per l’invio telematico dei modelli 770 i giochi potrebbero riaprirsi. Nel corso del question time di ieri in Commissione Finanze della…
24-07-2014

Omessi versamenti previdenziali ancora al vaglio della Cassazione

La valenza penale del piano di rateizzazione del debito contributivo è la questione affrontata dalla Cassazione con la sentenza n. 32598 depositata…
24-07-2014

Bilancio di previsione degli enti locali 2014, il termine slitta al 30 settembre

Con il DM 18 luglio 2014, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 di ieri, è stato ulteriormente prorogato al 30 settembre il termine della…
24-07-2014

Sospensione feriale anche per il pagamento degli accertamenti esecutivi

In un recente articolo (si veda “Conto alla rovescia per la sospensione feriale dei termini” del 23 luglio) abbiamo evidenziato che, per effetto…
24-07-2014

Società e persone fisiche commettono illeciti diversi per la “231”

La Corte Costituzionale, nella sentenza 18 luglio 2014 n. 218, ha dichiarato inammissibile la questione di legittimità costituzionale dell’art. 83…
24-07-2014

Via libera del Consiglio di Stato al decreto sulla revisione legale

È arrivato nella giornata di ieri il parere favorevole del Consiglio di Stato in merito allo schema di decreto del Ministero della Giustizia recante…
24-07-2014

POS “a canone zero” per i professionisti

ROMA – In attesa delle eventuali decisioni che arriveranno dal tavolo tecnico voluto dalla Ministra dello Sviluppo economico, Federica Guidi,…
24-07-2014

Il diritto di precedenza dei lavoratori a termine va inserito nel contratto

Nell’attuale sistema del collocamento ordinario, basato sulla generalizzazione dell’assunzione diretta come modalità di instaurazione dei rapporti…
23-07-2014

Minimi, “cedolini” emessi dagli enti mutualistici trattati come fatture

L’art. 2 comma 1 del DM 31 ottobre 74 dispone che, nei rapporti tra gli esercenti la professione sanitaria e gli enti mutualistici per prestazioni…
23-07-2014

L’OCSE approva la versione definitiva del Common Reporting Standard

L’OCSE ha rilasciato la versione completa e definitiva del c.d. “Common Reporting Standard” per lo scambio di informazioni tra gli Stati. Il documento…
23-07-2014

Conto alla rovescia per la sospensione feriale dei termini

L’art. 1 della L. 742/1969 dispone che, salvo le esclusioni indicate, i termini processuali relativi alle giurisdizioni ordinarie e a quelle…
23-07-2014

I “segnali d’allarme” condannano amministratori non esecutivi e sindaci

La Cassazione, nella sentenza n. 32352 di ieri, relativa al caso Parmalat, si sofferma, tra l’altro, sui principi che governano la responsabilità…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it