Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
18-04-2014

Al Centro operativo di Venezia la verifica dei rimborsi da deducibilità IRAP

Il Centro operativo di Venezia dell’Agenzia delle Entrate “allarga” le sue competenze. Con il provvedimento n. 55939 di ieri, avrà la funzione di…
18-04-2014

In arrivo il “nuovo” decreto sull’“exit tax”

Dovrebbe arrivare presto alla firma del Ministro dell’Economia e delle finanze il “nuovo” decreto che disciplina l’opzione per la sospensione o la…
18-04-2014

Incostituzionalità del reclamo “spendibile” per i rapporti non esauriti

Come messo in evidenza su Eutekne.info (si veda “Incostituzionale l’inammissibilità del ricorso per «salto» della mediazione” del 17 aprile 2014), la…
18-04-2014

Comunicazione dei beni ai soci problematica per i soggetti “non solari”

In seguito alla proroga disposta dal provv. del 16 aprile 2014 n. 54581, la comunicazione dei beni in godimento ai soci e dei finanziamenti deve…
18-04-2014

Presentazione tardiva dello “spesometro” con sanzione a un ottavo

Ultima chiamata per i contribuenti che non effettuano la liquidazione mensile dell’IVA, per i quali il termine di presentazione dello “spesometro”…
18-04-2014

Per il falso in bilancio contano gli elementi costitutivi del fatto

Anche se i giudici di primo grado e di appello hanno diversamente qualificato il fatto (impedito controllo ex art. 2625 c.c., prima, e false…
18-04-2014

Due liste a confronto per il rinnovo del CdA della Cassa Ragionieri

Manca poco meno di un mese alle elezioni che porteranno al rinnovo del CdA della Cassa Ragionieri. La tornata elettorale, a cui saranno chiamati a…
18-04-2014

Contratti a termine, la causale sostitutiva continua a rilevare per certi fini

Nell’attesa che si concluda l’iter di conversione in legge del DL 34/2014 – che ha ottenuto il via libera dalla Commissione Lavoro della Camera (atto…
17-04-2014

Ricevitorie del lotto, sette codici tributo per la gestione delle concessioni

L’Agenzia delle Entrate ha emanato ieri la ris. 40, con la quale ha istituito sette codici tributo per il versamento, tramite modello F24 Accise,…
17-04-2014

Dal 3 giugno, contributi previdenziali dei consulenti del lavoro con F24

A partire dal 3 giugno, i consulenti del lavoro potranno versare contributi previdenziali e assistenziali mediante F24, o direttamente on line,…
17-04-2014

Agevolazioni “prima casa” anche dopo la dichiarazione di successione

L’art. 69 della legge 342/2000 consente l’applicazione delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa, se l’immobile caduto in successione è…
17-04-2014

Incostituzionale l’inammissibilità del ricorso per “salto” della mediazione

Per effetto della L. 147/2013, che ha modificato l’art. 17-bis del DLgs. 546/92, la mancata presentazione del reclamonon ha più come effetto…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it