Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
02-07-2016

Accertamento ai tassisti da ponderare con attenzione

La C.T. Reg. della Toscana, con la sentenza n. 1079/29/16 del 10 giugno 2016, ha statuito in tema di ricostruzione induttiva dei redditi di un…
02-07-2016

Bonus del 65% per sistemi di controllo a distanza solo per unità abitative

La L. 208/2015 (legge di stabilità 2016), al comma 88 dell’art. 1, estende l’applicazione delle detrazioni previste per gli interventi volti alla…
02-07-2016

Il commercialista non può dedurre generiche fatture di servizi

Dalla corposa sentenza n. 577/2016 della C.T. Reg. di Torino – emessa in esito all’appello di un commercialista che aveva tentato, con ogni mezzo…
02-07-2016

Fattura elettronica tra privati al debutto

L’Agenzia dell’Entrate, nella giornata di ieri, 1° luglio 2016, ha rilasciato il nuovo servizio web gratuito per la generazione, trasmissione e…
02-07-2016

In vigore le sanzioni per violazioni delle norme europee nel settore oleario

Dal 1° luglio 2016 sono in vigore le disposizioni del DLgs. n. 103/2016, che ha modificato e rafforzato il sistema sanzionatorio per le violazioni…
02-07-2016

Concordato “in bianco”, linee guida del CNDCEC per il commissario giudiziale

Con l’Informativa n. 80/2016, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ha reso nota l’approvazione del Quaderno “Il…
01-07-2016

Bonus prima casa anche se l’attività svolta nel Comune è solo occasionale

Secondo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13416, depositata ieri, l’agevolazione prima casa spetta, in presenza delle altre…
01-07-2016

Raddoppio dei termini insensibile alla soglia di punibilità

Ove siano presenti seri indizi circa la commissione di un reato disciplinato dal DLgs. 74/2000, i termini, in relazione all’anno in cui l’illecito è…
01-07-2016

Fase transitoria per la trasmissione dei corrispettivi da distributori automatici

Sono disponibili da ieri le specifiche tecniche per la trasmissione telematica e la memorizzazione elettronica dei dati dei corrispettivi da parte dei…
01-07-2016

Il diniego tacito sull’agevolazione è impugnabile entro dieci anni

Il silenzio opposto dall’Agenzia delle Entrate ad un’istanza di riconoscimento di un’agevolazione da parte del contribuente deve essere qualificato…
01-07-2016

In sede di ottemperanza non vale la semplice volontà di erogare gli importi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13382 depositata ieri, enuncia principi che, sebbene siano relativi al giudizio di ottemperanza, esplicano…
01-07-2016

Valore in dogana legato alla vendita che precede l’ingresso dei beni nell’Ue

Nell’ambito del nuovo Codice dell’Unione, l’architettura generale dell’istituto del “valore in dogana” è rimasta sostanzialmente inalterata, anche se…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it