Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-03-2017

Ultimi giorni per il regime opzionale di comunicazione di fatture e corrispettivi

Scade il 31 marzo 2017 il termine per esercitare le opzioni per la trasmissione telematica dei dati delle fatture e dei corrispettivi di cui al…
23-03-2017

I prelievi bancari sono giustificabili dalle esigenze personali

La Cassazione, con la sentenza n. 7259 depositata ieri, è tornata ad occuparsi di accertamento fondato sulle indagini finanziarie ed, in particolare,…
23-03-2017

Compilazione “rafforzata” del quadro RV per l’adozione dei nuovi OIC

Le istruzioni al quadro RV, sezione I, del modello REDDITI 2017 SC contengono importanti novità per la gestione delle differenze tra valori civili e…
23-03-2017

Soppressa la causale contributo per il lavoro accessorio

Con la risoluzione n. 37 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha soppresso la causale contributo “LACC – Lavoro occasionale accessorio”.Il DL 17 marzo…
23-03-2017

Nel collegio di esperti per assistere il debitore da valorizzare i commercialisti

Con un comunicato stampa diffuso ieri, l’Associazione Nazionale Commercialisti (ANC) ha espresso alcune criticità sul disegno di legge recante “Delega…
23-03-2017

Curatore con pieni poteri anche nelle srl

È la responsabilità di amministratori e sindaci di srl il tema sviscerato dalla sentenza n. 3398 del Tribunale di Roma, depositata il 21 febbraio…
23-03-2017

Scadenza a fine mese per la comunicazione di lavori usuranti

Salvo proroghe dell’ultima ora, il prossimo 31 marzo 2017 scadrà il termine entro il quale numerosi datori di lavoro dovranno trasmettere…
23-03-2017

Per l’equipollenza programmi formativi da vagliare con attenzione

In attesa che il Ministero dell’Economia e delle finanze renda note le indicazioni per l’assolvimento degli obblighi formativi da parte dei soggetti…
22-03-2017

Costi per pubblicità non inerenti se l’ASD non è iscritta al Registro CONI

Con la sentenza n. 7202 depositata ieri, la Suprema Corte affronta il tema della deducibilità dei costi di pubblicità in favore delle associazioni e…
22-03-2017

C’è la bozza del modello per comunicare le liquidazioni IVA

L’Agenzia delle Entrate, nella giornata di ieri, ha pubblicato in bozza il modello per effettuare la comunicazione dei dati delle liquidazioni IVA…
22-03-2017

Retroattiva l’esenzione IMU per gli immobili merce

In base a un’interpretazione costituzionalmente orientata deve ritenersi che la norma che ha introdotto, a partire dal 2014, l’esenzione IMU per gli…
22-03-2017

Il mancato accesso alla rottamazione complica la dilazione

È stata di recente pubblicata sul sito di Eutekne la scheda di aggiornamento riguardante la rottamazione dei ruoli, aggiornata con i numerosi…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it