Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
6 febbraio 2012

I beni usati: il regime Iva del margine

Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli

I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Nell’ambito della disciplina IVA alle operazioni aventi ad oggetto beni usati, nonché oggetti d’arte, d’antiquariato, da collezione e per le vendite all’asta, è riservato un particolare regime di applicazione dell’imposta, che si prefigge di evitare la doppia o reiterata imposizione per i beni che, dopo la prima uscita dal circuito commerciale, vengono ceduti ad un soggetto passivo d'imposta per la successiva rivendita. Tale regime, che si distacca dall’ordinario metodo di determinazione dell’IVA “imposta da imposta”, prevede l’assoggettamento a imposizione, cosiddetto sistema “base da base”, della sola differenza (margine) tra il corrispettivo di vendita e il prezzo d'acquisto del bene, eventualmente maggiorato delle spese accessorie o di riparazione e contempla tre metodi diversi di determinazione di detto margine: analitico, forfetario, globale. Metodi che, peraltro, per quel che concerne le transazioni con soggetti extraUe (importazioni o esportazioni) o con soggetti Ue (acquisti e cessioni intracomunitarie), trovano particolari o nulle applicazioni. L’utilizzo del “regime del margine” non è però obbligatorio, ben potendo gli operatori non applicarlo, continuando ad utilizzare, ad esempio, come facevano prima dell’emanazione del precitato DL n. 41/95, l’istituto del “mandato a vendere”, di cui all’art. 1703 del codice civile. Ai sensi del co 4 del DL n. 41/95, i soggetti che applicano l'imposta secondo il regime del margine non possono detrarre l'imposta afferente all'acquisto, anche intracomunitario, o l'importazione dei beni usati, degli oggetti d'arte e di quelli d'antiquariato o da collezione, compresa quella relativa alle prestazioni di riparazione o accessorie e, se hanno esercitato l'opzione per l’applicazione dell’imposta secondo il metodo ordinario (imposta da imposta), la detrazione spetta, ma con riferimento al momento di effettuazione dell'operazione assoggettata a regime ordinario, previa annotazione, nel registro di cui all'art. 25, del DPR n. 633/72, della fattura o della bolletta doganale relativa al bene acquistato o importato, ed è esercitata nella liquidazione in cui tale operazione è computata.
Categorie:Iva
I beni usati: il regime Iva del margine - Daily news N. 33 del 06.02.2012 a cura di Giovanni Zangrilli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
31-10-2014

Entro il 15 aprile 2015 sarà disponibile il 730 precompilato

A partire dal 2015, in via sperimentale, l’Agenzia delle Entrate, utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, i dati trasmessi da…
31-10-2014

Alla Corte Costituzionale gli effetti della sentenza sul “VIES”

Con l’ordinanza n. 185 del 19 giugno 2014, pubblicata nella Gazzetta ufficiale serie Corte Costituzionale n. 45 del 29 ottobre 2014, la C.T. Prov.…
31-10-2014

Alluvione tra 10 e 14 ottobre, sospensione anche per le rate da piani di dilazione

Equitalia ha inviato al Dipartimento delle Finanze una richiesta di chiarimenti (prot. n. 2014/41296) con riferimento alla sospensione di versamenti e…
31-10-2014

Presunzione della cessione del contratto di locazione in caso di affitto d’azienda

Se viene affittata un’azienda la cui attività è esercitata in un immobile locato e l’affittuario corrisponde i canoni di locazione direttamente al…
31-10-2014

Ritenute certificate, soglia dell’omesso versamento con dubbi di costituzionalità

È rilevante e non manifestamente infondata la seguente questione: se violi il principio di uguaglianza l’art. 10-bis del DLgs. 74/2000, nella parte in…
31-10-2014

Conferme positive dall’economia Usa

Gli Usa crescono più del previsto nel terzo trimestre (3,5% annualizzato contro previsione del 3%); la crescita appare sana ed equilibrata…
31-10-2014

La duplice posizione di socio e creditore non supera l’efficacia della delibera

Nella sentenza n. 23089 depositata ieri, 30 ottobre 2014, la Cassazione ha affermato che, in tema di opposizione alla sentenza di fallimento su…
31-10-2014

Dal 2015 l’intero bilancio va in formato XBRL

Entrerà in vigore nel 2015, dopo due anni di sperimentazione, la tassonomia XBRL che consente di codificare in formato elettronico elaborabile…
30-10-2014

Per il CNDCEC, da eliminare l’obbligo di F24 on line per chi non ha la partita IVA

L’eccessivo “ingabbiamento” delle regole per l’obbligo di trasmissione telematica delle deleghe di pagamento F24, in vigore dal 1° ottobre scorso,…
30-10-2014

Regime transitorio del capital gain con versamento al 17 novembre

Il prossimo 17 novembre 2014 scade il termine per l’affrancamento dei plusvalori maturati sino al 30 giugno 2014 sulle partecipazioni non qualificate…
30-10-2014

Sull’impugnabilità della risposta all’interpello tesi ancora discordanti

Con la sentenza n. 2355 del 14 ottobre scorso, la C.T. Prov. di Bari ha ribadito che il diniego opposto dalla Direzione regionale delle Entrate…
30-10-2014

Scudo fiscale anche per gli utili della società

Ai contribuenti che hanno beneficiato dello scudo fiscale-ter introdotto dal DL 78/2009 è stato consentito di far emergere, entro il 30 aprile 2010,…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it