Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
31-01-2015

Modelli dichiarativi 2015 al completo

Ieri l’Agenzia delle Entrate ha ufficialmente completato l’iter di pubblicazione dei modelli dichiarativi da utilizzare quest’anno.Dopo la…
31-01-2015

Voluntary disclosure internazionale anche per le evasioni “interne”

Il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 gennaio 2015 ha approvato il modello che deve essere utilizzato dai contribuenti che intendono…
31-01-2015

Split payment, per i fornitori fattura con l’annotazione “scissione dei pagamenti”

In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il MEF ha reso disponibile ieri, sul proprio sito internet, il testo del decreto del 23…
31-01-2015

Novità IVA 2015 ancora al buio

L’appuntamento con Telefisco 2015 ha lasciato aperti molti dei dubbi degli operatori sulle novità IVA in vigore da quest’anno.Il chiarimento più…
31-01-2015

Attestatore del piano di concordato, credito prededucibile nel fallimento

Il credito maturato dal professionista di cui all’art. 67, comma 3, lett. d) del RD 267/1942, incaricato dal debitore di attestare la veridicità dei…
31-01-2015

Esonero contributivo per nuovi assunti a tempo indeterminato, primi dubbi sciolti

Con la circolare n. 17/2015, l’INPS fornisce i primi attesi chiarimenti sull’esonero contributivo triennale introdotto dall’art. 1, commi 118 e ss.…
31-01-2015

Dopo QE, elezioni in Grecia e riunione Fed, tassi europei “stabili” per il Bund

L’esito delle elezioni in Grecia era ampiamente scontato, non ha prodotto immediati scossoni e, solo nei giorni successivi, quando si è vista la…
31-01-2015

Marcello: “A breve in CNDCEC, due Commissioni sui principi contabili”

Con la pubblicazione del nuovo OIC 24, arrivato lo scorso 28 gennaio (si veda “Via libera all’OIC 24 sulle immobilizzazioni immateriali” del 29…
30-01-2015

Dal 2 febbraio, richieste di brevetti e marchi con invio telematico

Dalla prossima settimana, le domande di brevetto, marchio e disegno industriale si potranno inviare on line direttamente al Ministero dello Sviluppo…
30-01-2015

L’Agenzia vieta il ravvedimento sulle certificazioni uniche

Nel corso di Telefisco 2015 l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti concernenti il “nuovo” ravvedimento operoso.Riassumendo le novità…
30-01-2015

Credito d’imposta IRAP integralmente imponibile ai fini IRES

A partire dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 (2015, per i soggetti “solari”), l’art. 1 comma 21 della L. 190/2014…
30-01-2015

Stretta sull’accertamento di investimenti black list per la voluntary disclosure

Nel corso di Telefisco 2015, l’Agenzia delle Entrate si è occupata anche di adesione alla voluntary disclosure introdotta dalla L. 186/2014.La…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it