Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
30-03-2015

Soggetti interposti al test della voluntary disclosure

Per espressa previsione normativa, può avvalersi della procedura di collaborazione volontaria anche il contribuente che detiene attività all’estero…
30-03-2015

Essenziale la motivazione che rettifica le rendite catastali

La sentenza n. 185/15/15, con la quale la C.T. Prov. di Brescia ha accolto il ricorso proposto da una società contro un avviso di accertamento…
30-03-2015

La rateazione supera il blocco delle compensazioni con debiti oltre 1.500 euro

L’art. 31, comma 1 del DL 78/2010 ha introdotto, a decorrere dal 1° gennaio 2011, il divieto della compensazione orizzontale, ex art. 17 del DLgs.…
30-03-2015

Sempre valido il comunicato stampa che “sposta” il termine per la dichiarazione

L’art. 10 comma 2 della L. 212/2000 prevede l’esclusione sia delle sanzioni che degli interessi moratori qualora il contribuente si sia uniformato ad…
30-03-2015

Deducibilità piena dei costi se la società svizzera paga le imposte

Inapplicabile la presunzione di indeducibilità dei costi “black list” di cui all’art. 110 commi 10 e 11 del TUIR agli acquisti di beni e servizi da…
30-03-2015

Linee guida per i sindaci in caso di concordato preventivo “in bianco”

Una delle principali novità contenute nella bozza dei “Principi di comportamento del collegio sindacale delle società non quotate” è rappresentata…
30-03-2015

Dettate le regole sul finanziamento agevolato per il TFR in busta paga

Con l’accordo quadro stipulato lo scorso 20 marzo 2015 tra i Ministeri del Lavoro e delle Finanze e l’ABI, si completa l’iter di attuazione delle…
30-03-2015

Da contare i flussi successivi se il periodo di ammortamento “supera” il piano

Nell’effettuare il test al fine di verificare l’eventuale presenza di perdite durevoli di valore si possono distinguere due situazioni:- il valore…
28-03-2015

Approvato il decreto per l’IVA sui servizi di telecomunicazione e di e-commerce

A distanza di quasi tre mesi dall’entrata in vigore delle nuove regole di territorialità ai fini IVA per le prestazioni di servizi di…
28-03-2015

I codici ATECO guidano anche il nuovo reverse charge in edilizia

L’Agenzia delle Entrate ha emanato ieri, 27 marzo 2015, la circ. n. 14 con cui fornisce chiarimenti in merito alle disposizioni, introdotte dalla…
28-03-2015

Rimborso IVA per le spese di ristrutturazione dell’immobile altrui

Prosegue il braccio di ferro tra Amministrazione finanziaria e Cassazione sul diritto al rimborso del credito IVA derivante da spese effettuate su…
28-03-2015

Anche l’assoggettamento a IRAP degli studi associati alle Sezioni Unite

Con l’ordinanza interlocutoria n. 6330, depositata ieri, 27 marzo 2015, la Corte di Cassazione ha sottoposto al Primo Presidente l’opportunità di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it