Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
29-08-2016

Indeducibilità della remunerazione per gli associanti problematica

È stata già affrontata su Eutekne.info la problematica concernente le nuove ipotesi di esclusione dal reddito per fattispecie assimilate agli utili da…
29-08-2016

Giudici dell’ottemperanza in cerca di competenza

Nel processo tributario, il giudizio di ottemperanza è disciplinato nell’art. 70 del DLgs. 546/92, norma che, in punto competenza, stabilisce che il…
29-08-2016

Studi di settore, adeguamento indicato separatamente in dichiarazione

I maggiori ricavi/compensi da adeguamento agli studi di settore devono essere indicati in sede di dichiarazione secondo modalità distinte per…
29-08-2016

Dubbio il compenso del pre-commissario giudiziale cessato

L’interruzione dell’incarico del pre-commissario giudiziale nominato dal tribunale, facoltativamente, a seguito della presentazione di una domanda di…
29-08-2016

Nuovo Registro delle procedure di insolvenza

L’art. 3 del DL 59/2016 (conv. L. 119/2016) ha previsto l’istituzione presso il Ministero della Giustizia di un Registro elettronico delle procedure…
29-08-2016

La procedura di mobilità richiede una comunicazione preventiva “estesa”

Nell’ambito di una procedura di mobilità e in assenza di rappresentanze sindacali aziendali o unitarie costituite a norma dell’art. 19 della L.…
27-08-2016

Giudicato riflesso precluso dall’inammissibilità del ricorso

In tema di solidarietà tributaria, un coobbligato non può avvalersi della sentenza favorevole ottenuta da altro coobbligato contro il Fisco, qualora…
27-08-2016

Il bonus investimenti nel Mezzogiorno è un contributo tassabile

Le imprese che intendono beneficiare del credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno devono presentare, a partire dal 30 giugno 2016 e fino al…
27-08-2016

CFC al test dei regimi fiscali speciali

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 35 del 4 agosto 2016 commenta il disposto dell’art. 167, comma 4, del TUIR che individua i regimi fiscali…
27-08-2016

Verso la trasmissione telematica dei dati delle fatture alle Entrate

A distanza di un anno dall’entrata in vigore del DLgs. 127/2015 (2 settembre 2015), che ha previsto l’introduzione di nuovi strumenti e regimi di…
27-08-2016

Controllo contrattuale “ristretto” nei gruppi

Il Tribunale di Roma, nella sentenza n. 11925/2016, analizza il c.d. controllo societario esterno (o contrattuale) in funzione di eventuali…
26-08-2016

Niente 770 se le ritenute non devono essere operate

La proroga al prossimo 15 settembre del termine per la presentazione in via telematica dei modelli 770 rende attuale una riflessione sui dati da…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it