Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
22-04-2017

Nel perfezionamento attivo il valore imponibile include le merci unionali

L’Agenzia delle Dogane, con la nota n. 34667/2017 pubblicata ieri, analizza il trattamento ai fini IVA delle merci unionali all’interno del regime di…
22-04-2017

Alle Sezioni Unite l’appello sottoscritto dal solo contribuente

Ieri, la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10080, ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la questione…
22-04-2017

Per il valore in dogana forfetizzabile l’intero pagamento al venditore

L’Agenzia delle Dogane, con la circolare n. 5/D di ieri, introduce importanti semplificazioni (e modificazioni) alla determinazione degli importi…
22-04-2017

Coefficienti aggiornati per il valore dei fabbricati “D” delle imprese ai fini IMU e TASI

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato ieri sul proprio sito il decreto del 14 aprile 2017, che riguarda l’aggiornamento dei coefficienti per la…
22-04-2017

Sulla giurisdizione per accesso al 5 per mille negato la Cassazione non decide

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10095 depositata ieri, 21 aprile 2017, rimette al vaglio delle Sezioni Unite una questione di giurisdizione…
22-04-2017

“Maxi” estensione dello split payment IVA dal 1° luglio 2017

Si fa ancora attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo del decreto legge, approvato dal Consiglio dei Ministri dell’11 aprile scorso,…
22-04-2017

Il curatore agisce contro le banche finanziatrici

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 9983/2017, fornisce una precisazione cui devono prestare particolare attenzione i professionisti nominati…
22-04-2017

Il divieto di arbitrato societario per le quotate è un limite

Assonime, nella Note e Studi n. 5/2017, a cura di un gruppo di lavoro coordinato con l’AIA (Associazione italiana per l’arbitrato), analizza…
22-04-2017

Sanzioni più rapide per chi non rispetta gli obblighi formativi

Con l’informativa n. 23/2017, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha inviato a tutti gli Ordini territoriali, e…
22-04-2017

Le ferie “programmate” non bloccano la CIG in deroga 2017

Con riferimento agli interventi di cassa integrazione in deroga per l’anno 2017, la fruizione di ferie programmate non fa venir meno il necessario…
22-04-2017

Per i non vedenti bonus pensionistico con maggiorazione dell’età anagrafica

In considerazione delle novità introdotte dall’art. 1, comma 209 della L. 232/2016 (c.d. legge di bilancio 2017), la circolare INPS n. 73/2017 ha…
22-04-2017

Alla vigilia del voto francese tassi in lieve rialzo

Sono numerose le novità intervenute durante la settimana e la pausa pasquale. Il clima politico ha visto un peggioramento con le tensioni Usa-Nord…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it