Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
06-03-2015

Il modello IPEC “dimentica” gli anni d’imposta ante 2011

Il nuovo modello per lo scomputo delle perdite del consolidato dai maggiori imponibili rettificati alle singole consolidate (modello IPEC) non riporta…
06-03-2015

Strada “in salita” per l’IVA ridotta per gli e-book

Con le due sentenze “gemelle” di ieri, 5 marzo 2015, relative alle cause C-479/13 (Commissione vs. Francia) e C-502/13 (Commissione vs. Lussemburgo),…
06-03-2015

La Cassazione apre al riconoscimento dei costi nelle indagini finanziarie

Una delle problematiche ricorrenti in materia di accertamento fondato sulle indagini finanziarie consiste nell’eventuale riconoscimento della…
06-03-2015

Credito per le imposte pagate all’estero più facile con le Convenzioni

L’Agenzia delle Entrate ha diramato ieri, 5 marzo 2015, la corposa circolare n. 9, con la quale è stata esaminata per la prima volta in modo organico…
06-03-2015

Per la dichiarazione fraudolenta la nozione di “documenti” è ampia

L’art. 2 del DLgs. n. 74/2000 punisce l’indicazione nelle dichiarazione annuali d’imposta di elementi passivi fittizi quando ciò avvenga avvalendosi…
06-03-2015

L’ottimismo della Bce convince i mercati

La Banca centrale europea ha lasciato il tasso principale di rifinanziamento al minimo storico dello 0,05%. Il tasso sui prestiti marginali e quello…
06-03-2015

Marcello: “Il sindaco unico non è più economico”

Come anticipato ieri da Eutekne.info (si veda “Nuove Norme di comportamento del collegio sindacale al via” del 5 marzo), il Consiglio nazionale dei…
05-03-2015

Imposta ipotecaria sulle annotazioni da calcolare sul prezzo di aggiudicazione

La base imponibile dell’imposta ipotecaria da applicare per le annotazioni da eseguire in forza di decreto di trasferimento del bene espropriato è…
05-03-2015

Classificazione doganale dei prodotti sanitari legata agli “elementi pertinenti”

Con la sentenza 4 marzo 2015, relativa alla causa C-547/13, la Corte di Giustizia ha stabilito che la nomenclatura combinata di cui all’allegato I del…
05-03-2015

Pronta la causale contributo per il recupero dell’addizionale CIG

Con la risoluzione n. 24, pubblicata ieri, 4 marzo 2015, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo “RCAD” per il versamento, mediante…
05-03-2015

Percentuali di ricarico da applicare su un paniere “ragionato” di beni

Sovente l’Agenzia delle Entrate procede alla determinazione di ricavi presunti applicando le c.d. “percentuali di ricarico”, e ciò trova fondamento…
05-03-2015

Sequestro preventivo per dichiarazione infedele solo nei limiti di quanto evaso

Il reato di dichiarazione infedele di cui all’art. 4 del DLgs. 74/2000 può integrare il reato presupposto sia di riciclaggio (art. 648-bis c.p.) che…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it