Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
21-10-2014

Adempimenti a Genova e in tutte le zone alluvionate verso la sospensione

Scatterà a breve la sospensione dei termini dei versamenti e degli adempimenti tributari a favore dei contribuenti colpiti dagli eventi meteorologici…
21-10-2014

Consolidato nazionale, nuovo modello per l’istanza di scomputo delle perdite

L’Agenzia delle Entrate, con il provvedimento n. 133104 di ieri, ha approvato il modello e le relative istruzioni per l’istanza di computo in…
21-10-2014

Dividendi percepiti da enti non commerciali tassati per il 77,74%

Il Ddl. di stabilità 2015 modifica la tassazione dei dividendi percepiti da enti non commerciali, incrementandola sensibilmente. La quota esclusa da…
21-10-2014

Da oggi è possibile trasmettere i dati delle dichiarazioni IMU TASI ENC

Sono aperti a partire da oggi, 21 ottobre, i canali Entratel e Fisconline per la trasmissione dei dati della dichiarazione IMU TASI ENC. L’ha reso…
21-10-2014

La liquidazione volontaria complica la trasformazione delle DTA

L’Agenzia delle Entrate ha fornito, mediante, la risoluzione n. 92 di ieri, 20 ottobre 2014, ulteriori chiarimenti in merito al regime di…
21-10-2014

Veicoli storici ultraventennali non più esenti dal bollo

La tassa automobilistica (più comunemente denominata “bollo auto”) è dovuta periodicamente, di anno in anno, dal proprietario del veicolo in ragione…
21-10-2014

“Nuovo” ravvedimento operoso alla prova della decorrenza

Abbiamo già illustrato quali sono gli aspetti fondamentali della riforma degli istituti deflativi del contenzioso (si vedano “Nella legge di stabilità…
21-10-2014

Commercialisti contro l’aumento della tassazione sulle rendite delle Casse

Nonostante le rassicurazioni della vigilia, la temuta stangata sui conti delle Casse di previdenza sembrerebbe essere arrivata. Stando, infatti, alle…
21-10-2014

Per il CNDCEC gli studi associati non devono comunicare la PEC all’Agenzia

La comunicazione dell’indirizzo PEC all’Agenzia delle Entrate è da riferire ai soli professionisti persone fisiche, destinatari degli obblighi…
20-10-2014

Accertamento analitico-induttivo anche se la simulazione non è provata

La recente sentenza n. 21158/2014 della Cassazione fornisce alcuni interessanti spunti di riflessione sulla relazione intercorrente tra l’accertamento…
20-10-2014

Dal 2015 senza IRAP i costi per dipendenti a tempo indeterminato

Confermando quanto annunciato dal premier Renzi, la bozza del Ddl. di stabilità 2015 prevede che, dal periodo d’imposta successivo a quello in corso…
20-10-2014

Nel regime forfetario, contributi dovuti solo sul reddito dichiarato

I soggetti che potranno accedere al regime forfetario previsto dall’art. 9 del Ddl. di stabilità 2015 avranno anche la possibilità di beneficiare di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it