Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
22-11-2014

Reverse charge esteso alle cessioni nei confronti della grande distribuzione

La legge di stabilità 2015 “apre” all’estensione del meccanismo dell’inversione contabile alle cessioni effettuate nei confronti della grande…
22-11-2014

Fabbricato da demolire riqualificato in terreno edificabile per il Registro

La vendita di un fabbricato obsolescente, poi demolito, può essere riqualificata dall’Agenzia delle Entrate, ai fini dell’imposta di registro, in…
22-11-2014

Al via la Certificazione Unica da trasmettere alle Entrate

Da ieri è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate la bozza della Certificazione Unica che, nel 2015, i sostituti d’imposta dovranno…
22-11-2014

Per gli atti di riclassamento catastale, non basta indicare categoria, classe e rendita

Anche gli atti di riclassamento catastale, al pari di un qualsiasi avviso di accertamento tributario, devono essere adeguatamente motivati, non…
22-11-2014

Enti non commerciali sempre obbligati alla dichiarazione per il 2012 e 2013

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato ieri, sul proprio sito, alcune FAQ in tema di dichiarazione IMU TASI ENC prevista per gli enti non…
22-11-2014

Anche il socio persona fisica può dirigere e coordinare il gruppo

La responsabilità da attività di direzione e coordinamento svolta in violazione dei principi di corretta gestione societaria e imprenditoriale, ex…
22-11-2014

“Effetto Draghi” sui rendimenti Btp, ai nuovi minimi storici

Doppio intervento di Draghi ad inizio e fine settimana per sottolineare che la Bce è pronta ad aumentare gli importi e la gamma di titoli…
21-11-2014

Omaggi dei professionisti nel plafond delle spese di rappresentanza

Al pari di quanto avviene nel reddito d’impresa, anche nel reddito di lavoro autonomo (capo V del TUIR) il trattamento fiscale degli omaggi segue il…
21-11-2014

Incerto il calcolo preventivo del “costo” della regolarizzazione

Ieri, nel corso di un’audizione all’Ufficio di presidenza delle Commissioni riunite Giustizia e Finanze del Senato, il Consiglio Nazionale dei dottori…
21-11-2014

Esclusioni dalla disciplina delle manifestazioni a premio ad ampio raggio

Con una nota pubblicata ieri, la n. 0205930, il Ministero dello Sviluppo economico è intervenuto a definire gli ambiti applicativi di alcune…
21-11-2014

Conti svizzeri in chiaro dal 2018

La Svizzera ha formalizzato l’adesione al c.d. “Multilateral Competent Authority Agreement on Automatic Exchange of Financial Account Information”,…
21-11-2014

Intermediari alla “prova” del rinnovo dell’ambiente di sicurezza Entratel

Con cadenza triennale, gli intermediari abilitati ad Entratel (es. dottori commercialisti, esperti contabili, consulenti del lavoro, ecc.) devono…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it