Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
18-09-2014

Rimborso spettante anche con l’integrativa fuori termine

Con la sentenza n. 19537 di ieri, la Cassazione è tornata a occuparsi dell’emendabilità della dichiarazione e della correlata possibilità di…
18-09-2014

Limiti all’espropriazione della prima casa con effetto retroattivo

L’espropriazione immobiliare, grazie alle modifiche che il DL 69/2013 ha apportato all’art. 76 del DPR 602/73, è inibita, in ogni caso e a prescindere…
18-09-2014

Non inerenti i costi per le consulenze a favore delle controllate

Tra i principi che regolano la deducibilità, dal reddito d’impresa, dei componenti negativi, assume assoluto rilievo il principio di inerenza. A…
18-09-2014

I beni strumentali entrano nel calcolo dello scostamento per il redditometro

L’accertamento sintetico, come altre tipologie di rettifica quali il metodo induttivo-extracontabile, non può essere effettuato in maniera generale,…
18-09-2014

La casa madre della stabile non può aderire al gruppo IVA

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea, nella sentenza di ieri, 17 settembre 2014, causa C-7/13, ha affermato che le prestazioni di servizi rese da…
18-09-2014

Incentivi all’esodo, resta la tassazione separata “agevolata”

La tassazione separata “agevolata” degli incentivi all’esodo dei dipendenti, sulla base di accordi anteriori al 4 luglio 2006, permane anche se non…
18-09-2014

No profit, sanatoria per il 5 per mille entro fine mese

Per gli enti che intendono partecipare al riparto del cinque per mille per l’esercizio finanziario 2014 scade a fine mese il termine ultimo per…
18-09-2014

Nella “231”, sui flussi informativi ampio spazio all’autonomia privata dell’ente

L’art. 6, comma 2, lett. d) del DLgs. 231/2001 richiede che il modello organizzativo preveda degli obblighi di informazione nei confronti…
18-09-2014

“Affidavit” anche nell’ordinamento italiano

Nel DL 132/2014, contenente misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo…
17-09-2014

Al PM la determinazione dei beni da vincolare “per equivalente”

Il tema della sproporzione tra il valore dei beni vincolati “per equivalente” rispetto a quanto indicato nel decreto di sequestro preventivo è stato…
17-09-2014

Il rent to buy si trascrive come un contratto preliminare

Con l’entrata in vigore, il 13 settembre 2014, del decreto “Sblocca Italia”, i contratti di “rent to buy” hanno trovato una disciplina…
17-09-2014

Servizio di tesoreria degli enti pubblici senza bollo

Gli estratti conto relativi alle liquidazioni periodiche dei conti correnti accesi per conto di Enti pubblici locali al fine dello svolgimento del…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it