Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-02-2017

Estese alle società agricole le agevolazioni ICI

La Cassazione, con due recenti pronunce, ha illuminato due particolari aspetti della disciplina dell’ICI concernenti rispettivamente l’applicazione…
25-02-2017

Decreti su spettanze agli ausiliari del magistrato da non registrare

Il decreto di pagamento delle spettanze agli ausiliari del magistratoex art. 168 del DPR n. 115/2002 non può essere annoverato tra gli atti…
25-02-2017

Per il canone RAI conta la decorrenza dei presupposti in dichiarazione

Con il provvedimento del 24 febbraio 2017 n. 39345, l’Agenzia delle Entrate ha sostituito il modello di dichiarazione che i titolari di utenza…
25-02-2017

Riaperto il termine per l’invio delle spese veterinarie al Sistema TS

Fino al prossimo 28 febbraio sarà possibile inviare al Sistema tessera sanitaria (c.d. Sistema TS) i dati relativi alle spese veterinarie, sostenute…
25-02-2017

Con la conciliazione giudiziale si estingue la pretesa fiscale originaria

Con una interessante decisione, la n. 4807 depositata ieri, la Suprema Corte stabilisce i limiti di applicazione delle misure cautelari, adottate ex…
25-02-2017

Anche le società di persone ammesse alla liquidazione dell’IVA di gruppo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 46 di ieri, 24 febbraio 2017, l’atteso decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che adegua…
25-02-2017

Per i “compro oro” in arrivo il Registro degli operatori

Il 23 febbraio scorso, su approvazione preliminare del Consiglio dei Ministri è stato licenziato lo schema di DLgs. che regolamenterà, con una…
25-02-2017

L’Ordine di Bolzano vara la “Banca del tempo”

Tra le principali critiche che i commercialisti muovono alle norme che regolamentano l’esercizio della professione, e ai rappresentanti…
25-02-2017

Divieto di cumulo di contributi volontari e Gestione separata legittimo

Con la sentenza n. 44/2017 depositata ieri, la Corte Costituzionale ha nuovamente ribadito la legittimità dell’art. 6 comma 2 del DLgs. 184/97,…
24-02-2017

Aumentano le classi di rischio sismico per gli edifici

Il 20 febbraio 2017 l’Assemblea del Consiglio superiore dei lavori pubblici (CSLLPP) ha dato il via libera alle nuove “Linee Guida per la…
24-02-2017

Raddoppio dei termini per il quadro RW all’esame della Corte di Giustizia

La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito, con la sentenza del 15 febbraio 2017 relativa alla causa C-317/15, che rientrano tra le…
24-02-2017

Compensi per i 730/2016 ridotti di quasi un quarto

I compensi per l’attività di assistenza fiscale svolta dai professionisti e dai CAF-dipendenti in relazione ai modelli 730/2016 subiscono una…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it