Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 maggio 2011

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali

Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli

La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Con la nostra Memory n.181 del 29 aprile 2011 abbiamo inteso riassumere le varie tipologie di riserve del patrimonio netto e la loro specifica origine in relazione all’operazione o alla disposizione di legge che le ha generate. Non tutte le riserve sono utilizzabili o disponibili e, pertanto, è necessario effettuare, caso per caso, un esame delle disposizioni del Codice civile che consentono di distinguere le riserve secondo le diverse ripartizioni. Nella predisposizione del bilancio di esercizio relativo all’anno 2010, particolare attenzione deve essere posta alla riserva di rivalutazione eventualmente presente nel patrimonio netto. Tale posta, come noto, può essersi generata per effetto della rivalutazione dei beni d’impresa, a seguito delle numerose leggi di rivalutazione che si sono susseguite nel corso degli ultimi anni. In considerazione dell’attuale scenario economico, certamente caratterizzato dalla crisi economica ancora in essere, alcune imprese potrebbero avere necessità di utilizzare la riserva di rivalutazione creatasi per effetto della rivalutazione degli immobili, di cui al D.L. n. 185/2008, al fine di coprire le perdite dell’esercizio, ovvero quelle maturate negli esercizi precedenti. A tal fine, peraltro, la riserva di rivalutazione comporta un effettivo incremento del patrimonio netto della società, e, come tale, costituisce una riserva disponibile per l’utilizzo a copertura delle perdite. Tale utilizzabilità, pertanto, rileva anche ai fini della verifica delle condizioni di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (ovvero artt. 2482-bis e 2482-ter c.c. per le srl). Tali disposizioni contengono precise indicazioni in merito agli obblighi di copertura delle perdite, laddove le stesse siano superiori al terzo del capitale sociale, ovvero lo riducano al di sotto del limite legale. In ogni caso, tale verifica deve essere eseguita dopo aver utilizzato le riserve disponibili, tra cui la riserva di rivalutazione. Relativamente alla natura della riserva, per espressa previsione dell’art. 13, co. 2, della Legge 342/2000, abbiamo appena accennato che la riserva di rivalutazione fa parte della famiglia delle riserve cd. “disponibili” all’interno del patrimonio netto, e quindi sia per la copertura delle perdite, sia per l’aumento del capitale sociale. Premesso che dal punto di vista delle conseguenze fiscali, derivanti dall’utilizzo di tale riserva a copertura perdite, non si pongono particolari questioni critiche, è necessario, invece, verificare con attenzione gli aspetti civilistici connessi a tale utilizzo.
Categorie:Bilancio
La riserva di rivalutazione ed il suo utilizzo: effetti civilistici e fiscali - Daily news N. 134 del 05.05.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
10-02-2016

Il giudice tributario non risponde per danni se nega la detrazione dell’IVA

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 2505 depositata ieri, ha affermato che non è fondata la domanda di risarcimento danni, intentata nei confronti…
10-02-2016

Con il tracciato unico, tre tipi di invio all’Archivio dei rapporti finanziari

L’attività della nuova Direzione Centrale Tecnologie e Innovazione dell’Agenzia delle Entrate, diretta da Giuseppe Buono e istituita il 1° dicembre…
10-02-2016

Da eliminare l’uso degli studi di settore come strumento di accertamento

Facendo seguito all’avvio del processo di semplificazione degli studi di settore “dettato” dall’Atto d’indirizzo per il conseguimento degli obiettivi…
10-02-2016

Sanzioni con cumulo per il professionista che “dimentica” le dichiarazioni

Alle sanzioni per l’omesso/tardivo invio telematico delle dichiarazioni dei contribuenti, da parte del professionista incaricato, è applicabile…
10-02-2016

Equitalia, sospensione del fermo amministrativo per chi paga a rate

L’accesso alla rateizzazione del proprio debito con Equitalia potrebbe portare a una sospensione del fermo amministrativo. L’ha detto ieri, nel corso…
10-02-2016

Il sindaco dimissionario sollecita l’iscrizione della cessazione

Decorsi 30 giorni dalla cessazione del sindaco dimissionario, ove l’organo amministrativo non provveda alla relativa iscrizione nel Registro delle…
10-02-2016

Norme sulla revocatoria fallimentare per tutti i leasing immobiliari

Con la legge di stabilità 2016 (art. 1 commi da 76 a 81) è stata introdotta la disciplina civilistica del contratto di locazione finanziaria di…
10-02-2016

Retribuzioni convenzionali, possibile regolarizzare senza oneri fino a maggio

Facendo seguito a quanto disposto dal DM del 25 gennaio scorso (si veda “Fissate le retribuzioni convenzionali per il 2016” del 6 febbraio 2016), con…
10-02-2016

Al via l’autoliquidazione INAIL 2016

Nel mese di febbraio, attraverso l’istituto dell’autoliquidazione INAIL, le aziende provvedono annualmente al calcolo e al versamento del premio per…
10-02-2016

Per il distacco nei gruppi d’impresa l’interesse non va provato

Per il Ministero del Lavoro, in caso di distacco di personale infragruppo l’interesse della società distaccante non deve essere provato, sorgendo…
09-02-2016

Tax credit digitalizzazione alberghi 2015, click day il 25 febbraio

“Nuovo” click day per la presentazione delle istanze relative al tax credit digitalizzazione alberghi 2015 fissato alle ore 10:00 del 25 febbraio. La…
09-02-2016

Troppi dubbi nell’individuazione dei “nuovi” paradisi fiscali

L’applicazione della disciplina CFC, nella sua declinazione “black”, ha fatto affidamento sino all’esercizio in corso al 31 dicembre 2015 su una…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it