Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
30-10-2014

Per il CNDCEC, da eliminare l’obbligo di F24 on line per chi non ha la partita IVA

L’eccessivo “ingabbiamento” delle regole per l’obbligo di trasmissione telematica delle deleghe di pagamento F24, in vigore dal 1° ottobre scorso,…
30-10-2014

Regime transitorio del capital gain con versamento al 17 novembre

Il prossimo 17 novembre 2014 scade il termine per l’affrancamento dei plusvalori maturati sino al 30 giugno 2014 sulle partecipazioni non qualificate…
30-10-2014

Sull’impugnabilità della risposta all’interpello tesi ancora discordanti

Con la sentenza n. 2355 del 14 ottobre scorso, la C.T. Prov. di Bari ha ribadito che il diniego opposto dalla Direzione regionale delle Entrate…
30-10-2014

Scudo fiscale anche per gli utili della società

Ai contribuenti che hanno beneficiato dello scudo fiscale-ter introdotto dal DL 78/2009 è stato consentito di far emergere, entro il 30 aprile 2010,…
30-10-2014

Nuovo ravvedimento senza IMU, ma con contorni poco definiti

Abbiamo diverse volte illustrato, per sommi capi, quali sono le caratteristiche principali del “nuovo” ravvedimento operoso: se entreranno in vigore…
30-10-2014

Disponibile in fase di test il nuovo registro telematico per gli oli d’oliva

Il nuovo registro telematico per gli oli d’oliva e gli oli di sansa d’oliva, previsto dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali…
30-10-2014

Responsabilità penale dell’Organismo di vigilanza da valutare caso per caso

Gli artt. 2381 e 2403 c.c., prevedendo specifici obblighi di organizzazione e di vigilanza, hanno creato una saldatura tra il sistema della…
30-10-2014

Cambia di nuovo la sospensione feriale termini: dal 1° al 31 agosto

Il Ddl. C. 2681, di conversione del DL n. 132/2014 in materia di giustizia civile, trasmesso alla Commissione Giustizia della Camera dopo il via…
30-10-2014

Longobardi: “Il CNDCEC a difesa della categoria”

ROMA – “Franchezza e lealtà”. Sono questi, secondo Gerardo Longobardi, Presidente del CNDCEC, i principi cardine su cui si dovranno fondare i rapporti…
30-10-2014

Crescono le iscrizioni all’Albo, ma i redditi continuano a scendere

Il reddito medio dei commercialisti continua scendere. Rispetto al 2007, infatti, la media IRPEF reale dei rappresentanti della categoria è diminuita…
30-10-2014

Fisco e contabilità rimangono gli ambiti più battuti dalla professione

Oltre al rapporto annuale 2014, nel corso dell’Assemblea degli Ordini territoriali, è stato presentato anche il volume “Organizzazione dello studio e…
29-10-2014

Bonus 36-41% “salvo” anche senza invio della comunicazione a Pescara

Il contribuente non perde il diritto alla detrazione IRPEF del 36-41% per i lavori di ristrutturazione di un immobile, se ha inviato la comunicazione…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it