Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-02-2017

Estese alle società agricole le agevolazioni ICI

La Cassazione, con due recenti pronunce, ha illuminato due particolari aspetti della disciplina dell’ICI concernenti rispettivamente l’applicazione…
25-02-2017

Decreti su spettanze agli ausiliari del magistrato da non registrare

Il decreto di pagamento delle spettanze agli ausiliari del magistratoex art. 168 del DPR n. 115/2002 non può essere annoverato tra gli atti…
25-02-2017

Per il canone RAI conta la decorrenza dei presupposti in dichiarazione

Con il provvedimento del 24 febbraio 2017 n. 39345, l’Agenzia delle Entrate ha sostituito il modello di dichiarazione che i titolari di utenza…
25-02-2017

Riaperto il termine per l’invio delle spese veterinarie al Sistema TS

Fino al prossimo 28 febbraio sarà possibile inviare al Sistema tessera sanitaria (c.d. Sistema TS) i dati relativi alle spese veterinarie, sostenute…
25-02-2017

Con la conciliazione giudiziale si estingue la pretesa fiscale originaria

Con una interessante decisione, la n. 4807 depositata ieri, la Suprema Corte stabilisce i limiti di applicazione delle misure cautelari, adottate ex…
25-02-2017

Anche le società di persone ammesse alla liquidazione dell’IVA di gruppo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 46 di ieri, 24 febbraio 2017, l’atteso decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che adegua…
25-02-2017

Per i “compro oro” in arrivo il Registro degli operatori

Il 23 febbraio scorso, su approvazione preliminare del Consiglio dei Ministri è stato licenziato lo schema di DLgs. che regolamenterà, con una…
25-02-2017

L’Ordine di Bolzano vara la “Banca del tempo”

Tra le principali critiche che i commercialisti muovono alle norme che regolamentano l’esercizio della professione, e ai rappresentanti…
25-02-2017

Divieto di cumulo di contributi volontari e Gestione separata legittimo

Con la sentenza n. 44/2017 depositata ieri, la Corte Costituzionale ha nuovamente ribadito la legittimità dell’art. 6 comma 2 del DLgs. 184/97,…
24-02-2017

Aumentano le classi di rischio sismico per gli edifici

Il 20 febbraio 2017 l’Assemblea del Consiglio superiore dei lavori pubblici (CSLLPP) ha dato il via libera alle nuove “Linee Guida per la…
24-02-2017

Raddoppio dei termini per il quadro RW all’esame della Corte di Giustizia

La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito, con la sentenza del 15 febbraio 2017 relativa alla causa C-317/15, che rientrano tra le…
24-02-2017

Compensi per i 730/2016 ridotti di quasi un quarto

I compensi per l’attività di assistenza fiscale svolta dai professionisti e dai CAF-dipendenti in relazione ai modelli 730/2016 subiscono una…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it