Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-04-2014

Servizi infragruppo deducibili anche senza importo predeterminato

La C.T. Reg. di Roma, con la sentenza 1767/38/14, è tornata ad occuparsi della deducibilità delle prestazioni infragruppo, ovvero di quelle spese che…
23-04-2014

Agenzia delle Entrate, addio graduale al modulo cartaceo per segnalare i reclami

L’Agenzia delle Entrate ha dato ieri il via al nuovo “Sistema di ascolto”: sarà possibile segnalare agli uffici non solo reclami ma anche eventuali…
23-04-2014

Il diniego espresso di rimborso non soggiace all’obbligo motivazionale

L’obbligo di motivazione degli atti impositivi, che si concretizza nell’indicare i presupposti di fatto e di diritto della pretesa, vale solo per i…
23-04-2014

Salta la ritenuta sui redditi di fonte estera

I tecnici dei vari Ministeri stanno ancora apportando le ultime limature al decreto che ha aumentato al 26% la tassazione sui redditi di natura…
23-04-2014

Aumento di capitale, il CdA riapre i termini per l’esercizio dell’opzione

Il Tribunale di Catania, nel provvedimento del 18 luglio 2013, affronta differenti e rilevanti profili della disciplina dell’aumento di capitale e…
23-04-2014

Il Governo “blinda” il decreto Lavoro, tensione nella maggioranza

Ieri, la Ministra per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, ha posto, a nome del Governo, la questione di…
22-04-2014

Dichiarazione IRAP 2014, acconto 2013 rideterminato nel quadro IS

All’interno del quadro IS, la dichiarazione IRAP 2014 ripropone la sezione VII, che deve essere compilata dai contribuenti che hanno calcolato…
22-04-2014

Invio del MUD entro il 30 aprile

Entro il 30 aprile 2014 deve essere presentato il MUD - Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2014, in relazione all’anno 2013, alla Camera di…
22-04-2014

Anche nel nuovo regime “de minimis”, limite di 200.000 euro

Assonime, con la circ. 13/2014, ha illustrato il nuovo regolamento europeo n. 1407/2013 relativo alla disciplina sugli aiuti di Stato di importanza…
22-04-2014

Immobili riclassificati tra le rimanenze senza ricavi minimi

Nel bilancio 2013 delle società immobiliari che risultano di comodo una problematica che può assumere profili più delicati rispetto al passato è…
22-04-2014

Le Sezioni Unite salvano i creditori delle società cancellate prima del 2004

Sono i termini di prescrizione per far valere diritti nei confronti di soci e liquidatori di società estinte il tema centrale della intricata vicenda…
22-04-2014

Contributo annuo revisori degli enti locali in scadenza a fine mese

Scade il prossimo 30 aprile il termine per il versamento del contributo annuo a carico degli iscritti nell’elenco dei revisori dei conti degli enti…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it