Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-07-2014

Minimi, “cedolini” emessi dagli enti mutualistici trattati come fatture

L’art. 2 comma 1 del DM 31 ottobre 74 dispone che, nei rapporti tra gli esercenti la professione sanitaria e gli enti mutualistici per prestazioni…
23-07-2014

L’OCSE approva la versione definitiva del Common Reporting Standard

L’OCSE ha rilasciato la versione completa e definitiva del c.d. “Common Reporting Standard” per lo scambio di informazioni tra gli Stati. Il documento…
23-07-2014

Conto alla rovescia per la sospensione feriale dei termini

L’art. 1 della L. 742/1969 dispone che, salvo le esclusioni indicate, i termini processuali relativi alle giurisdizioni ordinarie e a quelle…
23-07-2014

I “segnali d’allarme” condannano amministratori non esecutivi e sindaci

La Cassazione, nella sentenza n. 32352 di ieri, relativa al caso Parmalat, si sofferma, tra l’altro, sui principi che governano la responsabilità…
23-07-2014

Invio dati reddituali alla CNPR senza sanzioni fino al 30 settembre

Scadrà il 30 settembre il termine per l’invio alla Cassa Ragionieri, senza sanzioni, dei dati relativi al reddito professionale ed al volume d’affari…
23-07-2014

Sanzioni penali per il professionista che nega la documentazione al cliente

La sentenza n. 31192 della Cassazione depositata il 16 luglio riguarda specificamente un amministratore di condominio, ma la fattispecie è estensibile…
23-07-2014

Il diritto alle riduzioni contributive va “provato” dal datore di lavoro

Il datore di lavoro che accede ai benefici contributivi previsti in caso di trasferta dei dipendenti o di rimborso per spese di viaggio, ha l’onere di…
22-07-2014

Taglio del diritto camerale in due tranche

La riduzione del diritto annuale delle Camere di Commercio ci sarà, ma non si tratterà di un dimezzamento a partire dall’anno prossimo e dovrebbe…
22-07-2014

Semplificazioni fiscali “nel mirino” del Servizio Bilancio

Sullo schema di DLgs. sulle semplificazioni fiscali, inviato dal Governo alle Camere per il parere che dovrà essere reso entro il 1° agosto prima del…
22-07-2014

Anche il CNDCEC firma il protocollo sui debiti della P.A.

C’è anche il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili tra i firmatari del protocollo d’intesa relativo al pagamento dei…
22-07-2014

Società tra professionisti al nodo decorrenza

Come più volte riportato su questo quotidiano, lo schema di decreto legislativo in materia di semplificazioni fiscali all’esame ora delle Commissioni…
22-07-2014

Impugnabilità dell’estratto di ruolo alle Sezioni Unite

Mediante l’ordinanza n. 16055 depositata lo scorso 11 luglio, la sesta sezione della Corte di Cassazione ha rimesso al Primo Presidente la scelta…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it