Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
17-09-2014

Al PM la determinazione dei beni da vincolare “per equivalente”

Il tema della sproporzione tra il valore dei beni vincolati “per equivalente” rispetto a quanto indicato nel decreto di sequestro preventivo è stato…
17-09-2014

Il rent to buy si trascrive come un contratto preliminare

Con l’entrata in vigore, il 13 settembre 2014, del decreto “Sblocca Italia”, i contratti di “rent to buy” hanno trovato una disciplina…
17-09-2014

Servizio di tesoreria degli enti pubblici senza bollo

Gli estratti conto relativi alle liquidazioni periodiche dei conti correnti accesi per conto di Enti pubblici locali al fine dello svolgimento del…
17-09-2014

Bonus investimenti cumulabile con la “Nuova Sabatini”

Il bonus investimenti di cui al DL 91/2014 è, in linea generale, cumulabile con la “Nuova Sabatini”, ancorché nel rispetto dei limiti previsti…
17-09-2014

La bontà delle proprie ragioni non salva dalla sottrazione fraudolenta

La sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte (art. 11 del DLgs. 74/2000) è reato di pericolo che non presuppone una procedura di riscossione…
17-09-2014

Fisco e Giustizia, i commercialisti riaprono il dialogo con il Governo

La riforma della giustizia varata dall’Esecutivo, che mira a ridurre il contenzioso civile attraverso l’introduzione di nuovi istituti deflattivi…
17-09-2014

Processo civile, meno deroghe alla regola della soccombenza

Il DL 132/2014 contiene alcune misure per accrescere la funzionalità del processo civile di cognizione, raggruppate nel capo IV del testo, tra cui la…
17-09-2014

Revisione legale, Registro on line anche per i tirocinanti

Da ieri, 16 settembre 2014, sul portale della revisione legale (www.revisionelegale.mef.gov.it) è disponibile un’apposita Area riservata ai soggetti…
16-09-2014

Bonus assunzioni altamente qualificate, problemi per il “click day”

La presentazione delle istanze per il credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato incontra fin dall’avvio ostacoli.Con un…
16-09-2014

La riduzione del canone di locazione va esente da registro e bollo

Rispetto alla prima bozza di decreto “Sblocca Italia”, commentata su Eutekne.info (si veda “«Sblocca Italia», esente da registro la riduzione del…
16-09-2014

L’Ente bilaterale piccole imprese e cooperative trova la causale contributo

Con la risoluzione n. 83 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi a…
16-09-2014

Per le sanzioni interdittive “231”, conta il comportamento concreto dell’ente

L’art. 9 del DLgs. 231/2001 contempla, al secondo comma, una serie di sanzioni interdittive per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato:…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it