Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
20-08-2014

Costituzione di servitù su terreni agricoli con registro più basso

Una recente decisione pronunciata dai giudici tributari di merito in materia di imposta di registro ha fatto riemergere i dubbi interpretativi sulla…
20-08-2014

Immobili posti a comparazione nella motivazione del riclassamento catastale

La giurisprudenza di legittimità, in questi ultimi anni, ha chiarito in molte pronunce che anche gli atti relativi al riclassamento catastale devono…
20-08-2014

IVA, l’inidoneità a svolgere l’attività economica prova le operazioni inesistenti

Nell’ambito della disciplina dell’IVA, in caso di contestazione di operazioni inesistenti o fraudolente, sull’Amministrazione incombe l’onere della…
20-08-2014

“Salto” della mediazione difficilmente censurabile in appello

In un recente intervento su Eutekne.info (si veda “In assenza di reclamo, non sempre è opportuno rilevare l’improcedibilità” di ieri) abbiamo…
20-08-2014

Evasione fiscale “al nodo” della confisca di prevenzione

La confisca di beni a fini di prevenzione – prevista dall’art. 2-ter della L. n. 575 del 1965, oggi artt. 16 e ss. del DLgs. n. 159 del 2011 – va…
20-08-2014

Adeguata verifica semplificata per le società di factoring

La Banca d’Italia sta valutando l’adozione di una semplificazione degli obblighi antiriciclaggio da applicare in relazione ad operazioni di factoring,…
19-08-2014

Equitalia, dal 2015 piani di rateizzazione precompilati in cartella

Nel 2015 cominceranno a essere notificate le cartelle con allegati i piani di rateizzazione precompilati del debito che possono essere concessi in…
19-08-2014

Nuove delineazioni dell’ambito oggettivo dei servizi di telecomunicazione

Lo scorso 30 luglio sono state messe a disposizione on line, in 23 lingue dell’Unione europea, le note esplicative (dei veri e propri “lavori in…
19-08-2014

Studi di settore, durata delle scorte a prova di normalità

Uno degli indicatori di normalità economica operativi in seno agli studi di settore è quello relativo alla “Durata delle scorte” il quale misura i…
19-08-2014

In assenza di reclamo, non sempre è opportuno rilevare l’improcedibilità

La L. 147/2013 ha apportato rilevanti modifiche all’istituto del reclamo, la più importante delle quali è senza dubbio la “sostituzione”…
19-08-2014

Fondi patrimoniali, cedolare secca preclusa al coniuge non proprietario

Una recente sentenza della Cassazione dà l’opportunità di riprendere la questione dell’applicazione della cedolare secca a fabbricati abitativi…
19-08-2014

Intestazione fiduciaria di quota di srl a prova di testimoni

Con l’ordinanza n. 12138/2014, la Cassazione è tornata ad occuparsi di intestazione fiduciaria di quote di partecipazione in una srl, con fiduciante e…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it