Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
27-11-2014

Incertezza fiscale nemica delle imprese

MILANO – Se il sistema fiscale italiano fosse efficiente e semplice come in altri Paesi, le imprese non solo investirebbero di più, ma avrebbero anche…
27-11-2014

Accertamento sulla base del ricarico medio solo con scostamento rilevante

Tra le metodologie accertative da sempre più utilizzate dall’Amministrazione finanziaria vi è quella della ricostruzione indiretta della posizione…
27-11-2014

L’Ente Bilaterale Italia trova la sua causale contributo

Con la risoluzione n. 104 di ieri, 26 novembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo per la riscossione, tramite modello…
27-11-2014

Previsionale con appeal per soggetti IRAP e società in perdita sistematica

In prossimità del termine di versamento della seconda o unica rata degli acconti IRES e IRAP (che, per i soggetti solari, coincide con il 1° dicembre…
27-11-2014

Comunicazione black list di ottobre al buio

Trascorso ormai un mese dall’approvazione definitiva del decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali, non vi è tuttora traccia del provvedimento…
27-11-2014

Chiarimenti sulla qualifica di holding industriale ai fini IRAP

Nella circolare n. 32/2014, Assonime si sofferma, tra gli altri argomenti, sulla questione della qualifica di holding industriale ai fini IRAP, già…
27-11-2014

Accertamento negato con studi di settore sperimentali

In tema di studi di settore, la sentenza della Cassazione n. 25099, depositata ieri, merita di essere segnalata per aver accolto il ricorso presentato…
27-11-2014

Tracciabilità “assoluta” nell’autotrasporto con dubbio sanzioni

In questi giorni sta suscitando una certa preoccupazione tra imprese e professionisti una disposizione inserita in sede di conversione nella L.…
27-11-2014

Nuova proroga per il DURC interno

Ennesimi chiarimenti dell’INPS sul DURC “interno”, ossia il DURC necessario per la fruizione dei benefici normativi e contributivi in materia di…
26-11-2014

Prelevamenti dei soci fino a mille euro sempre “giustificati”

La C.T. Prov. di Brindisi, con la sentenza n. 1147/2014, si è occupata del caso di un centro di elaborazioni dati contabili e fiscali, costituito…
26-11-2014

Ammissibile il ricorso tributario per “posta privata”

Alcune re-interpretazioni della sentenza n. 2035/2014 della Cassazione da parte dei giudici di merito, nonché alcuni articoli “allarmisti” della…
26-11-2014

Ritenute sulle provvigioni con dichiarazione “sanzionata”

In base all’art. 25-bis del DPR 600/73, la ritenuta d’acconto sulle provvigioni corrisposte, tra gli altri, a mediatori e procacciatori d’affari va…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it