Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
12 luglio 2012

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative

Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini

Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

L’art. 17, co. 1, del D.P.R. n. 633/72, dispone che “l’imposta è dovuta dai soggetti che effettuano le cessioni di beni e le prestazioni di servizi imponibili (….)”. Tuttavia, in deroga a tale principio generale, i successivi co. 2, 3, 5, 6 e 7, del medesimo art. 17 prevedono l’inversione contabile (o reverse charge), obbligando il cessionario, o il committente, al pagamento dell’imposta, mediante l’emissione di un’autofattura. Le motivazioni alla base di tale inversione sono fondamentalmente rinvenibili in alcuni casi alla volontà di contrastare fenomeni di frodi Iva, ed in altre ipotesi all’impossibilità per il cedente di applicare l’imposta in quanto soggetto non identificato ai fini Iva in Italia (generalmente soggetti non residenti privi di stabile organizzazione in Italia e non identificati direttamente, ovvero senza rappresentante fiscale nel nostro territorio). L’art. 17, co. 5, 6 e 7, del D.P.R. n. 633/72, contengono tutta una serie di disposizioni speciali riferite ad operazioni interne, ossia eseguite tra soggetti residenti in Italia, per le quali l’imposta non è dovuta dai cedenti o dai prestatori, bensì dai cessionari o dai committenti. Per tali operazioni, pertanto, sussiste una deroga all’ordinario regime che si basa sul metodo della rivalsa e della detrazione dell’imposta. Denominatore comune di tutte le fattispecie di inversione contabile interna consiste nella volontà di porre un freno alle frodi Iva che avvengono in particolari settori, evitando che il cessionario si porti in detrazione un’imposta che non viene versata all’Erario da parte del cedente o del prestatore. In tale contesto, il recente D.L. 22.6.2012, n. 83, in vigore dal 26 giugno 2012, ha modificato le regole di applicazione dell’Iva per le cessioni e locazioni di immobili abitativi e strumentali, ampliando notevolmente l’ambito di applicazione dell’Iva sulle predette operazioni (anche se, in molte fattispecie, a seguito dell’esercizio di un’opzione). A seguito di tali modifiche, il legislatore ha riscritto la lett. a-bis) del co. 6 dell’art. 17 del DPR 633/72, riformulando l’ambito applicativo del regime di reverse charge per le cessioni di immobili, ampliandolo anche agli immobili abitativi e nel contempo prevedendo che tale inversione contabili si applichi solamente in presenza di una specifica opzione.
Categorie:Immobili  –  Iva
Reverse charge nelle cessioni di immobili strumentali: ultime modifiche normative - Daily news N. 210 del 12.07.2012 a cura di Edoardo Martini€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
26-05-2016

Il fondo patrimoniale non ferma l’ipoteca, che non è atto espropriativo

La Cassazione, con la sentenza n. 10794, depositata ieri, torna sul tema dell’iscrizione ipotecaria per debiti tributari su beni oggetto di fondo…
26-05-2016

Anche gli enti pubblici possono pagare l’imposta immobiliare trentina

Con la risoluzione n. 42 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha “esteso” agli enti pubblici che utilizzano il modello F24 EP i codici tributo definiti…
26-05-2016

Tablet e laptop, reverse charge “limitato”

Per le cessioni di console da gioco, tablet PC e laptop, il meccanismo del reverse charge (introdotto con il DLgs. 24/2016, a decorrere dal 2 maggio…
26-05-2016

Sopravvenienza attiva in caso di mancata cessione d’azienda

La C.T. Prov. di Firenze, con la sentenza n. 757/5/16 del 17 maggio 2016, ha raggiunto conclusioni particolarmente interessanti in riferimento agli…
26-05-2016

Contrabbando depenalizzato “vicino” ad altre violazioni amministrative

Dopo le note nn. 10021/2016 e 32651/2016, con le quali sono state fornite le prime indicazioni operative in ordine agli effetti della depenalizzazione…
26-05-2016

Il CNDCEC contro le modifiche al Codice antimafia

Il disegno di legge di modifica del Codice antimafia “penalizza fortemente l’amministratore giudiziario, figura fondamentale per garantire un’efficace…
26-05-2016

I sindaci verso una responsabilità “per quote”

Ai sensi dell’art. 2407 comma 2 c.c., i membri del collegio sindacale sono civilmente “responsabili solidalmente con gli amministratori per i fatti o…
26-05-2016

Contributi di malattia nello spettacolo dovuti anche senza indennizzo

Nel corso del 2016, numerosi datori di lavoro del settore dello spettacolo si sono visti recapitare dall’INPS note di rettifica relative al mancato…
25-05-2016

Scade il 31 maggio 2016 il termine per l’estromissione agevolata

Scade il prossimo 31 maggio 2016 il termine per esercitare l’opzione per l’estromissione dell’immobile strumentale dell’imprenditore individuale con i…
25-05-2016

Entro fine mese la ripresa dei pagamenti da adesione

Vista l’imminente scadenza del 31 maggio per la ripresa dei pagamenti utili per fruire della riammissione alla dilazione per i contribuenti decaduti…
25-05-2016

Percorso tortuoso per la successione del bonus per il recupero edilizio

Le quote di detrazione residue per il recupero del patrimonio edilizio non più fruibili dal padre defunto (comodatario) che ha sostenuto le spese…
25-05-2016

La perizia del contribuente ha lo stesso valore di quella del Territorio

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 10222 del 18 maggio 2016, è intervenuta su un tema di grande attualità: il valore probatorio delle stime…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it