Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-10-2014

Ritenuta all’8% sui bonifici agevolati

Oltre alla proroga delle aliquote “potenziate” delle agevolazioni per la riqualificazione energetica, il recupero del patrimonio edilizio e per il…
23-10-2014

Dalle modifiche IRAP effetti sulla deducibilità nel determinare il reddito

La deducibilità integrale, ai fini IRAP, dei costi dei dipendenti a tempo indeterminato, prevista – a decorrere dal 2015 – dal Ddl. di stabilità 2015…
23-10-2014

La Cassazione conferma che per gli eredi non c’è sempre solidarietà tributaria

Su Eutekne.info di ieri, si è affermato che, ai fini TASI e IMU, non può esserci responsabilità solidale per gli eredi del contribuente defunto, in…
23-10-2014

Da Infocamere un servizio gratuito per la fatturazione elettronica alla P.A.

Da ieri, 22 ottobre 2014, è on line, all’indirizzo https://fattura-pa.infocamere.it, il servizio di fatturazione elettronica dedicato alle piccole e…
23-10-2014

I giudici tutelano il contribuente che non riceve l’accertamento “esecutivo”

L’art. 29 del DL 78/2010 ha disposto che gli avvisi di accertamento, ai fini delle imposte sui redditi, dell’IVA e dell’IRAP, devono contenere…
23-10-2014

Anche in Italia arriva la “Patent box”

Il Ddl. di stabilità 2015 introduce, per i titolari di reddito d’impresa che svolgono attività di ricerca e sviluppo, la possibilità di optare per il…
23-10-2014

Mandolesi: “Il nuovo regime agevolato penalizza i professionisti”

“Gli 800 milioni stanziati dal Governo in favore delle piccole partite IVA non verranno certamente spesi per aiutare i professionisti che, al…
22-10-2014

Deduzione del 20% per l’acquisto di nuovi immobili, possibili novità a rischio

La strada per la conversione in legge del DL n. 133/2014 (decreto “Sblocca Italia”) si preannuncia in salita. Più di uno degli emendamenti approvati…
22-10-2014

IVA all’importazione sospesa con merci fisicamente nel deposito fiscale

La circolare dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli n. 16 del 20 ottobre 2014 pubblicata ieri è intervenuta a chiarire la portata applicativa della…
22-10-2014

Incostituzionalità delle presunzioni bancarie con effetto retroattivo

Come già evidenziato su Eutekne.info (si veda “I prelevamenti non rilevano per i lavoratori autonomi” del 7 ottobre 2014), la sentenza 228/2014 della…
22-10-2014

Dal 2016 previsto un nuovo aumento dell’IVA

Il disegno di legge di stabilità per il 2015 prevede un succedersi di incrementi delle aliquote IVA, a partire dal 1° gennaio 2016 e per i due anni…
22-10-2014

Singapore esce dalla black list

Il Ddl. di stabilità 2015, anticipato ieri al Quirinale, in attesa della bollinatura prevista per oggi, contiene un’importante novità relativamente…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it