Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
29-11-2014

Semplificazioni fiscali in Gazzetta

Arriva “al traguardo” il primo dei decreti attuativi della delega fiscale. Nella Gazzetta Ufficiale n. 277 di ieri, 28 novembre, a quasi un mese…
29-11-2014

La Cassazione ribadisce l’impugnabilità dell’avviso bonario

Ai sensi degli artt. 36-bis, comma 3 del DPR 600/1973 e 54-bis, comma 3 del DPR 633/1972, quando dalla liquidazione automatica della dichiarazione…
29-11-2014

Dal 1° dicembre, riaperti i termini per il credito d’imposta sisma 2012

Nuova finestra temporale per il credito d’impostaex art. 67-octies del DL 83/2012 e DM 23 dicembre 2013, a favore delle imprese e dei lavoratori…
29-11-2014

Fine anno con ingorgo scadenze

Nel mese di dicembre l’attività degli studi professionali è piuttosto intensa; del resto, lo scadenzario degli adempimenti fiscali di detto mese messo…
29-11-2014

Nuovo cambio di rotta sull’IRAP degli studi associati

Con la sentenza n. 25313 della Corte di Cassazione, deposita ieri, 28 novembre 2014, viene confermata l’incertezza che continua a regnare sulla…
29-11-2014

Esenzione IMU/TASI degli enti non commerciali anche per le Onlus

Anche le ONLUS possono godere dell’esenzione ai fini IMU e TASI previste per gli enti non commerciali, sempreché rispettino tutti i requisiti…
29-11-2014

Nuovi minimi storici sui tassi europei all’ipotesi di un quantitative easing

Draghi ha ribadito che il direttivo di Francoforte è unanime nel proprio impegno ad utilizzare nuove misure non convenzionali in caso di necessità; il…
28-11-2014

Buoni pasto elettronici esclusi dal reddito fino a 7 euro

Con l’approvazione di un emendamento da parte della Commissione Bilancio della Camera al Ddl. di stabilità 2015, da oggi all’esame dell’Aula, viene…
28-11-2014

Cancellazione “fiscale” della società al nodo retroattività

L’art. 28 del decreto semplificazioni fiscali stabilisce che “ai soli fini della validità e dell’efficacia degli atti di liquidazione, accertamento,…
28-11-2014

Dal 2015 interamente deducibili anche i costi per gli agricoli a tempo determinato

Dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 (si tratta del 2015, per i soggetti “solari”), i costi relativi ai lavoratori…
28-11-2014

IVA al 10% anche per le reti in fibra ottica all’interno degli edifici

L’art. 6 comma 3-bis del decreto “Sblocca Italia” (DL 133/2014, convertito in L. 11 novembre 2014 n. 164) ha incluso tra le opere di urbanizzazione…
28-11-2014

Pesca professionale marittima, c’è la tassa di concessione per la licenza provvisoria

Deve essere pagata la tassa sulle concessioni governative nel caso in cui, a seguito della richiesta di rinnovo della licenza di pesca professionale…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it