Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-07-2014

Il registro all’1% torna al vaglio della Corte Costituzionale

La Commissione Tributaria di Trapani non si arrende e ripropone alla Corte Costituzionale la questione di legittimità dell’aliquota dell’imposta di…
28-07-2014

La cessione d’azienda preclude la deduzione degli ammortamenti

Una società non può dedurre le quote di ammortamento relative ai beni strumentali di un’azienda ceduta ad un soggetto terzo. È quanto si desume dalla…
28-07-2014

Comunicazione delle minusvalenze alla prova del “favor rei”

Le leggi tributarie sono sovente oggetto di modifiche ad opera del legislatore, ragion per cui, sul versante sanzionatorio, acquista un gran rilievo…
28-07-2014

Agevolati i rimborsi IVA per i costruttori di aeromobili

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 170 del 24 luglio 2014 il decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che concede il beneficio…
28-07-2014

Più fatti di bancarotta “aggravano” il reato

La sentenza del 22 luglio 2014 n. 32352 della Cassazione, relativa al caso Parmalat (si veda “I «segnali d’allarme» condannano amministratori non…
28-07-2014

Contenuti della lettera d’incarico determinanti in caso di controversie

La lettera d’incarico definisce e circoscrive il perimetro delle prestazioni rientranti nel compenso concordato tra professionista e cliente. È questo…
26-07-2014

Per la proroga del 770 manca solo l’ufficialità

Come anticipato ieri su Eutekne.info (si veda “Proroga per l’invio dei 770 più vicina” del 25 luglio), anche quest’anno, pur – come di consueto, a…
26-07-2014

Ravvedimento sulle compensazioni indebite con integrativa

Il ravvedimento operoso è possibile anche quando il contribuente abbia posto in essere, nel modello F24, una compensazione indebita, ad esempio…
26-07-2014

Niente RW per le stock option con clausola “exercise and sell”

Con la ris. di ieri, 25 luglio 2014, n. 73, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla compilazione del modulo RW,…
26-07-2014

Trasformazione DTA limitata nel consolidato fiscale

Con la circolare n. 24 di ieri, 25 luglio 2014, Assonime ritorna sul regime di trasformazione in crediti d’imposta delle attività per imposte…
26-07-2014

Offerta di opzione sul sito internet

A partire dallo scorso 25 giugno, nel caso di aumento di capitale di spa, l’offerta di opzione deve essere depositata presso l’ufficio del Registro…
26-07-2014

Indisponibilità dell’IVA legittima nel concordato preventivo

La Corte Costituzionale, con la sentenza 225/2014 depositata nella giornata di ieri, ha dichiarato infondata la questione di legittimità, posta dal…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it