Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
26-01-2015

Modulo RW con esonero sopra i 15.000 euro

Con l’art. 2 della L. 186/2014, è stato incrementato il limite quantitativo che consente di beneficiare dell’esonero dalla compilazione del modulo RW…
26-01-2015

Prima casa con IVA al 4% anche se il compromesso è per l’immobile di lusso

Con l’art. 33 del DLgs. 175/2014, il legislatore ha finalmente posto rimedio al disallineamento tra la disciplina IVA e quella del Registro ai fini…
26-01-2015

La Svizzera potrebbe uscire presto dalla “black list” del DM 23 gennaio 2002

Nella road map che è stata profilata dal Ministero dell’Economia con il comunicato stampa del 16 gennaio 2015, che ha annunciato l’accordo per lo…
26-01-2015

Criticità per le schermature solari tra gli interventi al 65%

Gli interventi per i quali è possibile beneficiare della detrazione IRPEF/IRES sono quelli definiti perlopiù dall’art. 1, commi 344-347 della L. n.…
26-01-2015

Nel nuovo regime agevolato, beni strumentali al netto dell’IVA

Nuovo regime fiscale agevolato per autonomi sotto la lente dell’Amministrazione finanziaria: l’Agenzia delle Entrate, infatti, ha fornito indicazioni…
26-01-2015

Esclusione dalla garanzia anche per i “vecchi” rimborsi IVA

L’Agenzia delle Entrate, in risposta ai quesiti del Videoforum organizzato da Italia Oggi il 22 gennaio, ha fornito chiarimenti sull’applicabilità…
26-01-2015

“Rinascita” delle società cancellate estesa alle società di persone

Nel corso del Videoforum organizzato da Italia Oggi il 22 gennaio 2015, l’Agenzia delle Entrate si è pronunciata su alcune questioni disciplinate dal…
26-01-2015

Per l’invio del prospetto informativo disabili c’è tempo fino al 31 gennaio

Il prossimo 31 gennaio scadrà il termine entro il quale i datori di lavoro pubblici e privati con più di 15 dipendenti costituenti “base di computo”…
24-01-2015

Niente deduzione del 20% sull’acquisto di immobili di categorie A/1, A/8 e A/9

Le novità introdotte dal DL n. 133/2014 (conv. L. 164/2014) e dal DLgs. n. 175/2014 sono confluite nella guida dell’Agenzia delle Entrate “Fisco e…
24-01-2015

Il consultorio resta ONLUS anche con prestazioni a carico dell’utente

Il consultorio mantiene la qualifica di ONLUS anche nel caso in cui effettui ulteriori interventi per completare la terapia con corrispettivo a carico…
24-01-2015

Amministrazione Pubblica condannata alle spese processuali anche se contumace

È tenuto a pagare le spese processuali chiunque dia luogo inutilmente al processo e faccia valere delle pretese prive di fondamento. Questa regola…
24-01-2015

Stabile organizzazione come criterio per l’esterovestizione

Dal combinato disposto dell’art. 5 del DLgs. 74/2000 e dell’art. 73 del TUIR si aprono le porte alla nozione di “esterovestizione” e di “stabile…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it