Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
19-12-2014

Legge di stabilità nel “caos”, oggi si vota la fiducia ma non è chiaro su quale testo

È caos legge di stabilità in Parlamento. È slittato infatti a oggi il voto di fiducia nell’Aula del Senato sul Ddl. n. 1698, a causa del “ritardo”…
19-12-2014

Appannaggio di Poste spa qualsiasi notificazione di “atti”

L’ordinanza della Cassazione n. 26704, depositata ieri, affronta due questioni.La prima concerne la notifica del ricorso in Cassazione mediante…
19-12-2014

Nuova disciplina IVA per e-commerce e telecomunicazioni ai blocchi di partenza

Sono in dirittura d’arrivo le misure relative alla nuova disciplina IVA, applicabile dal 1° gennaio 2015, per i servizi di telecomunicazione,…
19-12-2014

Salve le domande di voluntary ante L. 186/2014

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale la voluntary discosure è diventata legge e sarà in vigore dal 1° gennaio del 2015.Non è stato tuttavia…
19-12-2014

Neutralità dell’IVA negata a chi partecipa ad una frode

Con la sentenza di ieri, 18 novembre 2014, relativa alle cause riunite C-131/13, C-163/13 e C-164/13, la Corte di Giustizia dell’Unione europea si è…
19-12-2014

Antiriciclaggio, il CNDCEC approva le proposte del tavolo tecnico

Soddisfazione non solo per i risultati ottenuti, in linea con le aspettative della categoria, ma anche per il metodo di lavoro seguito, improntato al…
19-12-2014

Crediti risarcitori in bilancio anche senza giudizio definitivo

Deve ritenersi corretta l’iscrizione in bilancio di un credito relativo ad un risarcimento, anche in mancanza di un titolo giudiziale definitivo,…
18-12-2014

Fuori dal nuovo regime forfetario i redditi totali che superano 20.000 euro

Il credito d’imposta IRAP per le imprese senza dipendenti, così come un credito per la Casse previdenziali private e privatizzate e per i fondi…
18-12-2014

ArtBonus in compensazione, tutto pronto per i titolari di reddito d’impresa

Con la risoluzione n. 116 di ieri l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6842” che consentirà l’utilizzo in compensazione, tramite…
18-12-2014

Sull’indennità suppletiva di clientela repetita iuvant

Con la sentenza n. 26534, depositata ieri, 17 dicembre 2014, la Cassazione ha confermato che gli accantonamenti per le indennità di cessazione dei…
18-12-2014

Regolarizzazione di società di fatto a registro fisso

L’atto di regolarizzazione di società di fatto derivante da comunione di azienda può avere molteplici configurazioni, dalle quali scaturiscono…
18-12-2014

Exit tax alla prova delle nuove opzioni

L’Assonime ha fatto il punto della situazione sulla normativa relativa al trasferimento della sede all’estero con la circolare n. 33, diramata ieri 17…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it