Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
16-09-2014

Bonus assunzioni altamente qualificate, problemi per il “click day”

La presentazione delle istanze per il credito d’imposta per l’assunzione di personale altamente qualificato incontra fin dall’avvio ostacoli.Con un…
16-09-2014

La riduzione del canone di locazione va esente da registro e bollo

Rispetto alla prima bozza di decreto “Sblocca Italia”, commentata su Eutekne.info (si veda “«Sblocca Italia», esente da registro la riduzione del…
16-09-2014

L’Ente bilaterale piccole imprese e cooperative trova la causale contributo

Con la risoluzione n. 83 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo per la riscossione, tramite modello F24, dei contributi a…
16-09-2014

Per le sanzioni interdittive “231”, conta il comportamento concreto dell’ente

L’art. 9 del DLgs. 231/2001 contempla, al secondo comma, una serie di sanzioni interdittive per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato:…
16-09-2014

Prova “libera” per il reato di omesso versamento di ritenute certificate

La fattispecie di cui all’art. 10-bis del DLgs. 74/2000 (omesso versamento di ritenute certificate)si applica solo con riguardo alle ritenute operate…
16-09-2014

Sanzioni antiriciclaggio verso la riforma

Ormai da qualche settimana, presso il Ministero dell’Economia è stato istituito un tavolo tecnico per riformare il sistema sanzionatorio penale della…
16-09-2014

Pubblicati nuovi interpelli in materia di congedi parentali e tutela dei minori

La fruizione da parte del genitore del congedo per assistere il figlio che versa in stato di grave disabilità può essere concessa anche se…
15-09-2014

Fermo amministrativo di 10 giorni anche per gli operatori professionali in oro

Con la nota n. 557/PAS il Ministero dell’Interno, in risposta ad un interpello della questura di Pescara nell’ambito di applicazione degli artt. 127 e…
15-09-2014

Ravvedimento per RW 2013 entro il 30 settembre

Entro il 30 settembre i contribuenti hanno tempo per ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso di cui all’art. 13 del DLgs. 472/97 per sanare…
15-09-2014

Il DL 132/2014 cambia la sospensione feriale dei termini: dal 6 al 31 agosto

Come evidenziato su Eutekne.info di sabato, nella Gazzetta ufficiale del 12 settembre è stato pubblicato il DL 132/2014, intitolato “Misure urgenti di…
15-09-2014

Ultima chiamata per il calcolo dell’IRAP in base al bilancio nel triennio 2014-2016

Entro il 30 settembre 2014, i soggetti IRPEF titolari di reddito d’impresa (es. snc, sas e imprenditori individuali), purché in contabilità ordinaria…
15-09-2014

Modelli F24 superiori a 1.000 euro solo on line

Dal prossimo 1° ottobre, anche tutti i modelli F24 con saldo finale a debito superiore a 1.000 euro, senza che siano effettuatecompensazioni, dovranno…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it