Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
31-05-2016

Accertamento della plusvalenza da cessione taxi con prova puntuale

L’Agenzia delle Entrate è tenuta a dare prova degli elementi e dei criteri utilizzati per la determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione…
31-05-2016

Nuovi Paesi con accordi sullo scambio di informazioni per la Tobin tax

Si allunga la lista degli Stati o territori con i quali sono in vigore accordi per lo scambio di informazioni e per l’assistenza al recupero crediti,…
31-05-2016

Studi di settore, nuovo correttivo all’analisi di coerenza

Con la circolare n. 24, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito all’applicazione degli studi di settore…
31-05-2016

Il deposito in Provinciale dell’appello non serve se c’è il messo notificatore

Il DLgs. 175/2014 ha abrogato, per gli appelli notificati dal 13 dicembre 2014, l’art. 53 comma 1 secondo periodo del DLgs. 546/1992, secondo cui…
31-05-2016

Le banche di credito cooperativo possono “pagare” il conferimento

Le banche di credito cooperativo possono versare all’entrata del bilancio dello Stato l’importo pari al 20% del patrimonio netto al 31 dicembre 2015.…
31-05-2016

Pronti i codici tributo per gli investitori in start up “decaduti”

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 44 di ieri, ha istituito due codici tributo per il versamento, mediante modello F24, delle somme dovute…
31-05-2016

I certificati AEO esistenti al 1° maggio restano validi fino al riesame

L’Agenzia delle Dogane ha pubblicato ieri sul proprio sito il documento della Commissione europea TAXUD/B2/031/2016 del 27 aprile 2016, relativo…
31-05-2016

Assimilazioni all’abitazione principale ai fini IMU estese alla TASI

Dal 1° gennaio 2016 non sono più assoggettate alla TASI le abitazioni principali, e le relative pertinenze, con l’eccezione di quelle classificate…
31-05-2016

Nella sicurezza sul lavoro responsabile anche il venditore del macchinario

Nel caso di infortunio dovuto ad una violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro, sono numerosi e differenti i soggetti potenzialmente chiamati…
30-05-2016

Termine di deposito del ricorso incerto in costanza di diniego di mediazione

La disciplina in tema di mediazione è stata oggetto di varie modifiche normative e di prassi, che, sotto il profilo dei termini per la costituzione in…
30-05-2016

Classamento del campo da golf al nodo della ruralità

Un tema che meriterebbe un più adeguato approfondimento, soprattutto per i non trascurabili riflessi tributari, di natura sia erariale (ad esempio,…
30-05-2016

Solo il risarcimento del “danno emergente” non sconta l’IRPEF

Le indennità percepite dalla persona fisica a titolo di risarcimento sono soggette a IRPEF se e nei limiti in cui risultino destinate a reintegrare un…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it