Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-06-2017

Per gli F24 di fine giugno partite IVA solo con i canali dell’Agenzia

I contribuenti chiamati a versare i saldi delle imposte e dei contributi per il periodo d’imposta 2016 e i primi acconti relativi al periodo d’imposta…
28-06-2017

Esenzione da ritenuta per gli OICR esteri anche senza attestazione

I proventi derivanti dalla partecipazione a fondi immobiliari italiani percepiti da OICR esteri, sempreché istituiti in Stati e territori inclusi…
28-06-2017

Dietrofront della Cassazione sulla restrizione processuale del favor rei

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15978 depositata ieri, prende le distanze da un orientamento della stessa Corte che, potenzialmente,…
28-06-2017

Elenchi aggiuntivi per identificare le società soggette a split payment

È stata annunciata ieri, sul sito del Dipartimento delle Finanze, la pubblicazione degli elenchi delle Pubbliche Amministrazioni e delle società…
28-06-2017

Diniego di rottamazione da raccordare con il processo sull’atto rottamato

La stesura del ricorso contro il diniego di rottamazione dei ruoli può presentare diversi aspetti problematici, specie in merito alla formulazione…
28-06-2017

Nel decreto antiriciclaggio il legislatore dimentica l’autoriciclaggio

Con il DLgs. 90/2017 il legislatore italiano ha inteso dare attuazione alla IV direttiva antiriciclaggio. Il decreto riscrive in maniera assai…
28-06-2017

L’Ordine di Milano crea la “sua” Fondazione

Formazione gratuita per iscritti e tirocinanti, approfondimenti e aggiornamenti tecnico-scientifici, incontri e promozione della figura del…
28-06-2017

Con una revisione solo formale può scattare la grave negligenza

Costituisce “grave negligenza” della società di revisione legale il non aver rilevato – nel corso dell’incarico di revisione del bilancio – il mancato…
28-06-2017

Immediata disponibilità al lavoro con periodo transitorio fino al 30 settembre

Andrà avanti fino al 30 settembre 2017 il periodo transitorio previsto in cui i soggetti interessati potranno dichiarare la propria immediata…
28-06-2017

La nuova decontribuzione dei premi di risultato non produce effetti immediati

A seguito della pubblicazione in G.U. della L. 96/2017 di conversione del DL 50/2017 (c.d. “manovra correttiva”), ritorniamo sulla decontribuzione dei…
28-06-2017

Niente obbligo di assicurazione INAIL per i professionisti associati

I membri di studi professionali associati non sono assoggettati all’obbligo di assicurarsi all’INAIL, anche laddove gli stessi professionisti siano…
28-06-2017

Le parole di Draghi spingono al rialzo l’euro e i tassi europei

L’euro si è mosso in deciso rialzo sul dollaro e ha toccato il massimo da oltre un anno nei confronti dello yen dopo i commenti di ieri del presidente…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it