Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
29-08-2015

IVA al 10% sulla carne di quaglia surgelata

La cessione di carne di quaglia surgelata è compresa tra le operazioni che, in base al n. 7 della Tabella A, Parte III,allegata al DPR n. 633 del…
29-08-2015

Spese di regia deducibili in assenza di personale “dedicato”

Con la sentenza n. 123/36/2015, la C.T. Reg. di Milano ha stabilito che sono deducibili le cosiddette “spese di regia” sostenute da una società…
29-08-2015

Per il patent box modalità di esercizio dell’opzione da definire

Il Ministero dell’Economia e delle finanze ha reso disponibile, sul proprio sito internet, il testo del decreto attuativo relativo al regime di patent…
29-08-2015

E-commerce con regole ordinarie anche per i forfetari

Con la risoluzione n. 75 di ieri, 28 agosto 2015, l’Agenzia delle Entrate è intervenuta in merito al rapporto esistente tra regimi agevolati (o…
29-08-2015

Voluntary disclosure, nessuna semplificazione per il modulo RW

A poco più di un mese dal termine del 30 settembre 2015, l’Agenzia delle Entrate interviene nuovamente sull’adesione alla collaborazione volontaria…
29-08-2015

Appalto illecito se si utilizzano solo le attrezzature dell’appaltante

Un appalto è da ritenersi illecito se l’appaltatore effettua i lavori utilizzando in modo pressoché totale materiali e attrezzature dell’appaltante,…
28-08-2015

Giudizio di rinvio “alla prova” della riscossione

L’esito del processo in Cassazione può consistere, oltre che in una sentenza di accoglimento del ricorso introduttivo o di rigetto del ricorso per…
28-08-2015

Qualifica ONLUS per case di riposo solo con prestazioni a soggetti svantaggiati

Nell’attività di controllo sui soggetti appartenenti al “Terzo Settore”, è frequente l’ipotesi di enti che hanno chiesto ed ottenuto l’iscrizione…
28-08-2015

Bonus anche per lavori su parti comuni pagati con codice fiscale dei condòmini

Con la risoluzione n. 74 di ieri, 27 agosto, l’Agenzia delle Entrate chiarisce che sono detraibili ai sensi dell’art. 16-bis, comma 1, lett. a) del…
28-08-2015

Parte il processo di ratifica degli accordi con Svizzera, Liechtenstein e Monaco

Nel corso del Consiglio dei Ministri di ieri, 27 agosto 2015, l’Esecutivo ha approvato alcuni disegni di legge di ratifica di accordi internazionali…
28-08-2015

Via libera al waiver svizzero per la voluntary disclosure

Si avvicina il termine del 30 settembre 2015 per aderire alla c.d. “voluntary disclosure”, ossia la procedura che consente di regolarizzare gli…
28-08-2015

Accordi di ristrutturazione più vincolanti con gli intermediari finanziari

Una delle principali cause di insuccesso degli accordi di ristrutturazione dei debiti è l’eccessiva durata delle negoziazioni con il ceto bancario. …

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it