Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
27-08-2016

Giudicato riflesso precluso dall’inammissibilità del ricorso

In tema di solidarietà tributaria, un coobbligato non può avvalersi della sentenza favorevole ottenuta da altro coobbligato contro il Fisco, qualora…
27-08-2016

Il bonus investimenti nel Mezzogiorno è un contributo tassabile

Le imprese che intendono beneficiare del credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno devono presentare, a partire dal 30 giugno 2016 e fino al…
27-08-2016

CFC al test dei regimi fiscali speciali

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 35 del 4 agosto 2016 commenta il disposto dell’art. 167, comma 4, del TUIR che individua i regimi fiscali…
27-08-2016

Verso la trasmissione telematica dei dati delle fatture alle Entrate

A distanza di un anno dall’entrata in vigore del DLgs. 127/2015 (2 settembre 2015), che ha previsto l’introduzione di nuovi strumenti e regimi di…
27-08-2016

Controllo contrattuale “ristretto” nei gruppi

Il Tribunale di Roma, nella sentenza n. 11925/2016, analizza il c.d. controllo societario esterno (o contrattuale) in funzione di eventuali…
26-08-2016

Niente 770 se le ritenute non devono essere operate

La proroga al prossimo 15 settembre del termine per la presentazione in via telematica dei modelli 770 rende attuale una riflessione sui dati da…
26-08-2016

Il riordino delle Camere di Commercio torna sul diritto annuale

Durante il Consiglio dei Ministri di ieri sono stati approvati in via preliminare quattro decreti di riforma della P.A., tra i quali il riordino della…
26-08-2016

Bonus Mezzogiorno calcolato sugli investimenti “netti”

Con riferimento alla determinazione dell’agevolazione per gli investimenti nel Mezzogiorno, il comma 101 dell’art. 1 della L. 208/2015 stabilisce che…
26-08-2016

Legittimo affidamento anche sulle informazioni provenienti dall’INPDAP

Ai sensi dell’art. 10 comma 2 della L. 212/2000, “non sono irrogate sanzioni né richiesti interessi moratori al contribuente, qualora egli si sia…
26-08-2016

Interessi di mora e rivalutazione sulle somme oggetto di rimborso

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 16797/2016, ha chiarito un aspetto molto rilevante, in tema di danno da rivalutazione.Nel caso di specie,…
26-08-2016

Approvato il nuovo regolamento per le elezioni dei Consigli degli ODCEC

Il CNDCEC, nella nota informativa n. 95 pubblicata ieri, ha reso noto che con il DM del Ministero della Giustizia 17 agosto 2016 è stato approvato il…
25-08-2016

Studi di settore, cause di esclusione a rischio disconoscimento

La compilazione dei modelli di comunicazione dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore richiede particolare attenzione per quel che riguarda…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it