Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
19-04-2014

Nel 2014, con la riduzione del cuneo fiscale risparmio di 640 euro

A partire dal mese prossimo e fino alla fine del 2014, ai lavoratori dipendenti e assimilati che guadagnano tra 8.000 e 26.000 euro lordi all’anno…
19-04-2014

Per terreni di coltivatori diretti e IAP, la “mini-IMU” ha sostituito l’IRPEF

Il principio di sostituzione IMU-IRPEF trova applicazione anche in presenza della sola cosiddetta “mini-IMU”. Ne discende che per i terreni (agricoli…
19-04-2014

Zanetti: “Giusto ridurre la spesa ma non a colpi di tagli lineari”

Federalismo fiscale, patto per la salute, antiriciclaggio e revisione legale. Sono queste alcune delle deleghe assegnate dal Ministero dell’Economia,…
19-04-2014

Imposte sulle rendite finanziarie al 26% dal 1° luglio 2014

Il decreto legge varato ieri dal Governo prevede, tra le misure di finanziamento degli sgravi IRPEF e IRAP, un ulteriore incremento della tassazione…
19-04-2014

Dalla Cassazione, inversione di rotta apparente sulla prova nel redditometro

Negli accertamenti sintetici fondati sulla spesa patrimoniale, il contribuente deve fornire la prova contraria dimostrando la disponibilità di…
19-04-2014

Confermato il “taglio” generalizzato dell’IRAP

Il DL approvato ieri, 18 aprile 2014, dal Consiglio dei Ministri, conferma il “taglio” dell’IRAP a partire dall’anno in corso. In particolare, dal…
19-04-2014

Sfilate e vendite di capi obbligano a presentare la dichiarazione in Italia

Una società con sede legale nel Principato di Monaco, e con oggetto sociale la promozione sui mercati dell’Europa dell’Est della vendita di capi di…
18-04-2014

Al Centro operativo di Venezia la verifica dei rimborsi da deducibilità IRAP

Il Centro operativo di Venezia dell’Agenzia delle Entrate “allarga” le sue competenze. Con il provvedimento n. 55939 di ieri, avrà la funzione di…
18-04-2014

In arrivo il “nuovo” decreto sull’“exit tax”

Dovrebbe arrivare presto alla firma del Ministro dell’Economia e delle finanze il “nuovo” decreto che disciplina l’opzione per la sospensione o la…
18-04-2014

Incostituzionalità del reclamo “spendibile” per i rapporti non esauriti

Come messo in evidenza su Eutekne.info (si veda “Incostituzionale l’inammissibilità del ricorso per «salto» della mediazione” del 17 aprile 2014), la…
18-04-2014

Comunicazione dei beni ai soci problematica per i soggetti “non solari”

In seguito alla proroga disposta dal provv. del 16 aprile 2014 n. 54581, la comunicazione dei beni in godimento ai soci e dei finanziamenti deve…
18-04-2014

Presentazione tardiva dello “spesometro” con sanzione a un ottavo

Ultima chiamata per i contribuenti che non effettuano la liquidazione mensile dell’IVA, per i quali il termine di presentazione dello “spesometro”…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it