Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
27-08-2014

Anche per i titolari di partita IVA Equitalia “arriva” con la PEC

Equitalia ha annunciato ieri con un comunicato stampa che ha esteso alle persone fisiche titolari di partita IVA (ditte individuali) la notifica delle…
27-08-2014

Expo 2015, l’esenzione dall’imposta di registro non esonera dalla registrazione

Allo scopo di “facilitare i soggetti esteri che, partecipando ad Expo Milano 2015, devono confrontarsi con il sistema fiscale italiano”, l’Agenzia…
27-08-2014

L’Agenzia “guida” al rimborso

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato ieri, sul proprio sito internet, una guida per i contribuenti che, avendo versato imposte in misura maggiore a…
27-08-2014

On line il vademecum del Fisco sulle cartelle di pagamento

Con comunicato stampa diffuso ieri, l’Agenzia delle Entrate ha annunciato la pubblicazione di una guida relativa alle cartelle di pagamento nonché…
27-08-2014

Resta “fedele” l’amministratore di società di persone che si accantona i compensi

Non integra la fattispecie di infedeltà patrimoniale (art. 2634 c.c. ) l’amministratore di una società di persone che, in assenza di indicazioni…
26-08-2014

Agevolazione prima casa, residenza necessaria solo per il coniuge acquirente

L’ampia guida “Fisco e casa: acquisto e vendita”, pubblicata sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate e già oggetto di commento su Eutekne.info…
26-08-2014

Dubbio RW per i finanziamenti infruttiferi

Ai fini della disciplina sul monitoraggio fiscale, l’art. 4 del DL 167/90 afferma che le persone fisiche, gli enti non commerciali e le società…
26-08-2014

Start up innovative con informazioni “non aggiornate” non sanzionabili

Le start up innovative e gli adempimenti nei confronti del Registro Imprese sono stati oggetto di quattro chiarimenti da parte del Ministero dello…
26-08-2014

Iscrizione “immediata” a Registro Imprese con privilegio ai notai

Al fine di facilitare e di accelerare ulteriormente le procedure finalizzate all’avvio delle attività economiche nonché le procedure di iscrizione nel…
26-08-2014

Nuovi segnali di rallentamento dalla Germania

Per assurdo i mercati stanno tifando per dati macro inferiori alle attese: se gli Usa rallenteranno un pochino, ma non troppo, allora la Fed…
25-08-2014

A rischio frode le operazioni nei confronti dell’esportatore abituale

La Corte di Cassazione ha recentemente ribadito (sentenza 20 giugno 2014 n. 14072) che, per avvalersi dello speciale trattamento di non imponibilità…
25-08-2014

L’ospitalità di soggetti diversi dai clienti è spesa di gestione inerente

Con la sentenza n. 473/08/14, depositata il 17 giugno 2014, la Commissione Tributaria Provinciale di Treviso si sofferma sulla qualificazione delle…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it