Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-07-2016

Opzione entro il 1° agosto per poter continuare a trasformare le DTA

Sono pronte le regole per i soggetti che vogliono continuare ad avvalersi della trasformazione in credito d’imposta delle DTA iscritte in bilancio.…
23-07-2016

Cessione di azienda e non di singoli beni se l’obiettivo è la produzione

Integra una cessione di ramo d’azienda (soggetta ad imposta di registro proporzionale) e non una cessione di singoli beni aziendali (soggetta ad IVA),…
23-07-2016

Da prorogare i termini per l’assegnazione agevolata di beni ai soci

Il ritardo con cui sono arrivate le istruzioni operative in merito all’assegnazione e cessione agevolata di beni ai soci e alla trasformazione…
23-07-2016

Rimborso erogabile anche con accertamento “saldato” nel biennio

L’Agenzia delle Entrate, nella circolare n. 33 di ieri, fa il punto della situazione sia in merito all’ambito applicativo del fermo amministrativo dei…
23-07-2016

Più semplici i rimborsi IVA per le società di comodo

La circolare n. 33 di ieri si occupa, al § 1, delle richieste di rimborso IVA presentate dalle società non operative e/o in perdita sistematica.Si…
23-07-2016

Il commercialista risponde dell’inadempimento contrattuale

È tenuto a risarcire il danno causato alla società, in misura pari a quanto da questa versato per oneri fiscali, il commercialista che non adempie…
23-07-2016

Diritto al trattamento economico per il lavoro all’estero anche dopo il rientro

La Cassazione è stata chiamata a decidere della sorte del trattamento economico goduto da un dirigente di un istituto di credito nel periodo in cui ha…
22-07-2016

Compensabile il bonus alle imprese di autotrasporto per la formazione

Le imprese di autotrasporto che hanno fatto espressa richiesta di usufruire degli incentivi per la formazione professionale mediante credito d’imposta…
22-07-2016

Regole per trasmettere i corrispettivi all’esame della Commissione Ue

Ieri, con un comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che la bozza del provvedimento in materia di memorizzazione elettronica e di…
22-07-2016

Ultimo giorno per il 730 precompilato

Scade oggi il termine per la presentazione del 730 precompilato. Ieri sera, con un comunicato, l’Agenzia delle Entrate ha ricordato che è possibile…
22-07-2016

Emissione di fatture soggettivamente false anche per l’evasione propria

Nel reato di emissione di fatture “soggettivamente” false (art. 8 del DLgs. 74/2000) può concorrere anche lo stesso soggetto la cui evasione si…
22-07-2016

Al socio dell’incorporata risarcimento in base al “vero” rapporto di cambio

Con la sentenza n. 15025 depositata ieri, 21 luglio 2016, la Corte di Cassazione ha stabilito che il risarcimento spettante al socio danneggiato da…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it