Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
06-05-2016

Interessi passivi deducibili solo con contratto scritto

Ai fini della deducibilità degli interessi passivi afferenti a finanziamenti concessi da terzi, è necessario che il contribuente esibisca il relativo…
06-05-2016

Nuova Sabatini-ter, domande in bollo tranne per i settori agricoli e pesca

Il Ministero dello Sviluppo economico, con alcune risposte alle FAQ pubblicate sul proprio sito internet, fornisce ulteriori chiarimenti in merito…
06-05-2016

Sponsorizzazioni, anche per l’IVA prova dell’inerenza

Con la sentenza n. 5195/2016, la Cassazione si è pronunciata in merito ai criteri idonei a valutare l’inerenza all’attività d’impresa dei costi…
06-05-2016

Per l’agevolazione prima casa conta la residenza della famiglia

La Commissione tributaria regionale della Toscana, con la sentenza n. 777/9/16 del 28 aprile scorso, ha chiarito i termini di interpretazione del…
06-05-2016

Patent box e distacco del personale “corretti” nei modelli UNICO SC e IRAP

Con il provvedimento n. 66823 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha corretto una serie di errori materiali e posto rimedio ad alcuni mancati…
06-05-2016

La delega al professionista non libera il contribuente dall’omessa dichiarazione

In tema di reati tributari, l’affidamento ad un professionista dell’incarico di predisporre e presentare la dichiarazione annuale dei redditi non…
06-05-2016

Nuova causale contributo per la contribuzione aggiuntiva sindacalisti

Le nuove causali contributo “CPEO” e “ASOO” sono state istituite dall’Agenzia delle Entrate con due differenti risoluzioni, entrambe di ieri, e…
06-05-2016

Olio extravergine di oliva con proprietà antitrombotiche e antinfiammatorie

È il Re Mida della dieta mediterranea: l’olio extravergine di oliva può rendere preziosi i piatti su cui lo utilizziamo, conferendo sapore ma…
06-05-2016

Voce specifica in bilancio per i derivati con fair value negativo

L’OIC continua nel processo di pubblicazione dei nuovi principi in bozza da aggiornare a seguito delle novità in materia di bilancio prodotte dal…
05-05-2016

Il blocco dei pagamenti delle P.A. non vale in sede di ottemperanza

Ai sensi dell’art. 48-bis del DPR 602/73, le Pubbliche Amministrazioni e le società a prevalente partecipazione pubblica, prima di effettuare, a…
05-05-2016

IVA detraibile per le spese di ospitalità in rassegne fieristiche

Le spese sostenute da una società di organizzazione di manifestazioni fieristiche, per l’ospitalità dei giornalisti invitati a presenziare alle fiere,…
05-05-2016

Nuovo modello se l’esonero dal canone RAI è per convenzioni internazionali

È disponibile, sui siti internet dell’Agenzia delle Entrate e della RAI, il modello, con le relative istruzioni, per far valere l’esenzione dal…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it