Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
26-09-2016

Per i beni in comodato, inerenza da valutare con attenzione

Il trattamento fiscale, ai fini della determinazione del reddito d’impresa, dei beni concessi in comodato è stato più volte oggetto di chiarimenti da…
26-09-2016

I giroconti “interni” non rilevano per il regime di ASD

La legge n. 398/91 prevede rilevanti agevolazioni fiscali e semplificazioni amministravo-contabili a favore di tutte quelle associazioni che, prive…
26-09-2016

Dies a quo per la costituzione in giudizio alle Sezioni Unite

Relativamente alla notifica e al successivo deposito del ricorso tributario, da tempo si assiste in giurisprudenza ad un contrasto di opinioni su due…
26-09-2016

La responsabilità del notaio decorre dall’accertamento dell’imposta

Il termine di prescrizione decennale del diritto al risarcimento del danno per responsabilità professionale del notaio decorre dalla data…
26-09-2016

Denunce in scadenza per i pensionati con redditi di lavoro autonomo

I pensionati assoggettati al regime di incumulabilità regolato dall’art. 10 del DLgs. 503/92, che nel 2015 hanno svolto attività di lavoro autonomo,…
26-09-2016

“Nuova vita” per l’anatocismo bancario

Con il varo del decreto CICR n. 343/2016, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 212/2016, giunge a compimento la tormentata vicenda dell’anatocismo…
24-09-2016

Confini più definiti per il credito d’imposta per ricerca e sviluppo

La risoluzione n. 80 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ieri potrebbe ridefinire, in modo stringente, i confini dell’ambito di applicazione del…
24-09-2016

Per dedurre le spese per disabili basta l’handicap anche non grave

Per la deduzione IRPEF delle spese mediche e di assistenza specifica necessarie nei casi di grave invalidità o menomazione, è sufficiente la…
24-09-2016

Nell’opposizione al passivo, onere della prova a carico dell’attestatore

Il preteso creditore, il quale proponga opposizione allo stato passivo del fallimento, dolendosi dell’esclusione di un credito del quale aveva…
24-09-2016

Mobilio e oggetti di antiquariato in RW

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione del modello UNICO 2016 e quindi del quadro RW per le persone fisiche, le società semplici e gli…
24-09-2016

Ruolo diverso per concorrente e amministratore di fatto

Nell’ambito dei reati commessi in contesti societari si tende, genericamente, ad affermare che alla responsabilità degli amministratori formali, di…
24-09-2016

Il CNDCEC propone le Zone economiche speciali per il rilancio del Sud

Zone economiche speciali, finanza agevolata e una “rivoluzione” nelle logiche della Pubblica Amministrazione. È questa la ricetta dei commercialisti…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it