Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
03-12-2016

Cambia il modello per le dichiarazioni d’intento

Da ieri è disponibile una nuova versione del modello di dichiarazione d’intento per acquistare o importare beni e servizi senza applicazione dell’IVA,…
03-12-2016

Dal 9 gennaio fatture al Sistema di Interscambio solo con nuovo formato

Dal 9 gennaio 2017 il servizio gratuito di generazione e trasmissione delle fatture elettroniche, messo a disposizione a partire dallo scorso 1°…
03-12-2016

Linea dura del MEF per il saldo IMU e TASI 2016

Il MEF, con una serie di FAQ pubblicate nella giornata di ieri, ha fornito importanti chiarimenti in tema di aliquote da applicare per il calcolo del…
03-12-2016

Casero: “Pronti a modificare il sistema fiscale”

Molti degli elementi che hanno suscitato polemiche e perplessità, al punto da indurre i commercialisti a organizzare una manifestazione di protesta il…
03-12-2016

Pubblicata la riedizione del modello per la rottamazione dei ruoli

Nel Supplemento Ordinario n. 53 della Gazzetta Ufficiale n. 282 di ieri, è stata pubblicatala L. 1° dicembre 2016 n. 225, che ha convertito il decreto…
03-12-2016

Dagli accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari vincoli per tutti

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, nel documento “Accordo di ristrutturazione con intermediari finanziari e…
03-12-2016

Assegni del Fondo di integrazione salariale solo con pagamento diretto

Con il messaggio n. 4885 di ieri, 2 dicembre 2016, l’INPS ha fornito alcune istruzioni operative in merito alle modalità di pagamento dell’assegno…
03-12-2016

Abuso di mezzi di correzione contestabile anche in ambito lavorativo

La giurisprudenza si è trovata più volte ad interrogarsi sulla possibile qualificazione penale di comportamenti vessatori e offensivi sul luogo di…
02-12-2016

Tax credit alberghi al 65% per il 2017 e 2018

Nell’ambito degli interventi per la crescita, il Ddl. di bilancio 2017 proroga, apportando alcune modifiche, il credito d’imposta per la…
02-12-2016

Interessi infragruppo intra-Ue senza ritenuta anche se manca la data certa

Non viene meno il regime di esenzione dalle imposte sugli interessi infragruppo intracomunitari qualora la presentazione della documentazione…
02-12-2016

Ritenute operate entro la presentazione di UNICO scomputabili per cassa

Tra le novità introdotte in sede di conversione del c.d. decreto fiscale (DL 193/2016) va segnalata la modifica al criterio di scomputo delle ritenute…
02-12-2016

Il codice fiscale dei non residenti può essere chiesto dagli operatori finanziari

L’Agenzia delle Entrate, attraverso una delle apposite FAQ pubblicate sulla pagina web dedicata alla comunicazione dei rapporti finanziari, il 29…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it