Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
01-07-2016

Bonus prima casa anche se l’attività svolta nel Comune è solo occasionale

Secondo quanto chiarito dalla Corte di Cassazione, nella sentenza n. 13416, depositata ieri, l’agevolazione prima casa spetta, in presenza delle altre…
01-07-2016

Raddoppio dei termini insensibile alla soglia di punibilità

Ove siano presenti seri indizi circa la commissione di un reato disciplinato dal DLgs. 74/2000, i termini, in relazione all’anno in cui l’illecito è…
01-07-2016

Fase transitoria per la trasmissione dei corrispettivi da distributori automatici

Sono disponibili da ieri le specifiche tecniche per la trasmissione telematica e la memorizzazione elettronica dei dati dei corrispettivi da parte dei…
01-07-2016

Il diniego tacito sull’agevolazione è impugnabile entro dieci anni

Il silenzio opposto dall’Agenzia delle Entrate ad un’istanza di riconoscimento di un’agevolazione da parte del contribuente deve essere qualificato…
01-07-2016

In sede di ottemperanza non vale la semplice volontà di erogare gli importi

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13382 depositata ieri, enuncia principi che, sebbene siano relativi al giudizio di ottemperanza, esplicano…
01-07-2016

Valore in dogana legato alla vendita che precede l’ingresso dei beni nell’Ue

Nell’ambito del nuovo Codice dell’Unione, l’architettura generale dell’istituto del “valore in dogana” è rimasta sostanzialmente inalterata, anche se…
01-07-2016

Dichiarazione sempre emendabile nel corso del contenzioso

Ieri, 30 giugno 2016, le Sezioni Unite hanno depositato la tanto attesa sentenza n. 13378, ove i giudici hanno puntualmente delineato l’ambito di…
01-07-2016

Possibili novità in arrivo sulla formazione dei commercialisti

Presto potrebbero esserci importanti novità in materia di formazione per gli iscritti all’Albo dei dottori commercialisti ed esperti contabili. La…
01-07-2016

Gestione separata INPS, implementato il Cassetto dei professionisti

La versione originaria del Cassetto previdenziale, riservato ai professionisti iscritti alla Gestione separata INPS ex art. 2 comma 26 della L.…
30-06-2016

Riclassamento catastale legittimo solo se indicati i criteri specifici utilizzati

Con due recenti sentenze, la C.T. Prov. di Roma è tornata ad occuparsi degli avvisi di accertamento catastali notificati nell’ambito del procedimento…
30-06-2016

“Rientro dei cervelli”, entro oggi l’istanza per il regime speciale

Nell’ambito del decreto legislativo per la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese (DLgs. 147/2015), in vigore dal 7 ottobre 2015, il…
30-06-2016

A rischio le regole nazionali del pro rata IVA

Con le conclusioni rilasciate ieri, 29 giugno 2016, l’Avvocato generale della Corte di Giustizia Ue ha rilevato, con riferimento alla causa C-378/15,…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it