Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-02-2015

Costi “black list” sempre deducibili anche prima del 2007

La sentenza della Cassazione n. 4030, depositata ieri 27 febbraio 2015, è probabilmente destinata a mettere fine alle problematiche relative ai…
28-02-2015

Deducibili per competenza anche le spese di modesto ammontare

Con la sentenza n. 4041 di ieri, 27 febbraio 2015, la Corte di Cassazione si è pronunciata in merito all’applicazione del principio di competenza ai…
28-02-2015

Acqua ossigenata al 3% con IVA ridotta

Alle cessioni di acqua ossigenata al 3% (stabilizzata a 10 volumi) si applica l’aliquota IVA del 10% ai sensi del n. 114) della Tabella A, Parte III,…
28-02-2015

Credito R&S sui singoli “gruppi” di spesa

La Fondazione Nazionale dei Commercialisti, con la circolare datata 28 febbraio 2015 pubblicata ieri, analizza la disciplina del nuovo credito…
28-02-2015

Amministratori di spa responsabili solo con prove certe del debito sociale

L’art. 36 del DPR 602/73 disciplina una particolare responsabilità di liquidatori, soci e amministratori di soggetti IRES, che scatta quando nella…
28-02-2015

Voluntary disclosure senza regime transitorio

Con la firma del protocollo di modifica della Convenzione tra Italia e Svizzera che consentirà lo scambio di informazioni di carattere fiscale tra i…
28-02-2015

L’imminente avvio del QE spinge i Btp ai minimi storici di rendimento

La settimana appena trascorsa è stata contraddistinta dall’ottima performance dei titoli periferici europei.L’imminente inizio del quantitative…
27-02-2015

“Ufficiali” la proroga del vecchio regime dei minimi e il blocco dei contributi

Con 156 voti favorevoli, 78 contrari e un’astensione, il Senato ha approvato in via definitiva il Ddl. n. 1779 di conversione del DL n. 192/2014…
27-02-2015

Ultimi giorni per la comunicazione dati IVA

Scade lunedì 2 marzo 2015 il termine per la presentazione della comunicazione dati IVA, ovvero, in alternativa, il termine per la presentazione della…
27-02-2015

Alle Sezioni Unite l’assoggettamento ad IRAP delle società semplici

Con l’ordinanza interlocutoria n. 3870, depositata il 25 febbraio 2015, la sesta sezione della Cassazione ha sottoposto al Primo Presidente…
27-02-2015

Esenzioni IVA “intracomunitarie” in base allo Stato di destinazione dei beni

Al fine di stabilire se un acquisto intracomunitario di beni sia esente da IVA, occorre verificare se la cessione di tali beni sia esente nel…
27-02-2015

Italia e Liechtenstein hanno firmato l’accordo fiscale

Dopo la firma del Protocollo aggiuntivo del 23 febbraio 2015 con la Svizzera, il Governo italiano ha concesso il bis nel pomeriggio di ieri, 26…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it