Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
07-07-2015

L’area concessa in diritto di superficie non sconta la TOSAP

Un principio di diritto che in materia di TOSAP merita di essere segnalato è quello stabilito recentemente dalla Corte di Cassazione, con le sentenze…
07-07-2015

Interventi su macchinari industriali senza reverse charge

I chiarimenti della circ. Agenzia delle Entrate n. 14/2015 in materia di reverse charge in edilizia lasciano aperti alcuni dubbi sul corretto…
07-07-2015

Istanza di adesione del curatore valida senza autorizzazione del giudice

La mancanza dell’autorizzazione del giudice delegato affinché il curatore fallimentare possa presentare l’istanza di accertamento con adesione non…
07-07-2015

Associazioni sportive, salta la decadenza da agevolazioni se si viola la tracciabilità

Lo schema di decreto legislativo recante la revisione del sistema sanzionatorio tributario (Atto n. 183), all’art. 19, propone di abrogare la parte…
07-07-2015

Omessa dichiarazione con sanzioni alla metà per il ritardo “annuale”

Lo schemadi decreto legislativo attuativo dell’art. 8 della L. 23/2014 recante revisione del sistema sanzionatorio – approvato in via preliminare…
07-07-2015

Possibile sospendere la nomina del manager

Il Tribunale di Roma, con provvedimento del 23 febbraio 2015, si è soffermato su profili attinenti alla sospensione delle deliberazioni assembleari…
07-07-2015

Lavoro, commercialisti in audizione alla Camera

I commercialisti devono avere un “ruolo centrale” nella gestione delle politiche attive per il lavoro. A ribadire un concetto già espresso in altre…
06-07-2015

Accertamento antielusivo con effetti da chiarire

Ottenuti i pareri favorevoli dalla Commissioni parlamentari, il decreto legislativo sull’abuso del diritto dovrebbe a breve essere approvato…
06-07-2015

Non sempre col debito tributario verso il Comune c’è la decadenza dalla carica

Un dubbio che a volte ricorre dopo le elezioni comunali è se la pendenza di una lite tributaria o la sussistenza di un debito tributario da parte del…
06-07-2015

Violazione “sostanziale” per l’invio tardivo della dichiarazione di intento

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 12847 del 22 giugno 2015, ha affermato che il ritardato invio dei dati relativi alla dichiarazione…
06-07-2015

L’organizzazione mondiale delle Dogane detta i criteri per il transfer pricing

L’Organizzazione Mondiale delle Dogane (WCO) ha pubblicato nei giorni scorsi una Guida per la valutazione del valore in Dogana e il transfer pricing…
06-07-2015

Ancora trasformabili le DTA già iscritte in bilancio

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge in materia fallimentare, civile e processuale civile e di organizzazione e funzionamento…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it