Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
27-03-2015

In dirittura d’arrivo il decreto con le nuove regole IVA sull’e-commerce

Anche se alla chiusura del quotidiano non risulta ancora formalmente convocato, oggi il Consiglio dei Ministri dovrebbe licenziare lo schema di…
27-03-2015

In un’asta, IVA sul ricavato della vendita in capo all’ufficiale giudiziario

La Corte di Giustizia, con sentenza 26 marzo 2015, relativa alla causa C-499/13, Macikowski, ha chiarito in maniera puntuale il perimetro di…
27-03-2015

Illegittimo il diniego di rateazione per “indice di liquidità” superiore a uno

Ai fini dell’accesso alla dilazione dei ruoli ai sensi dell’art. 19 del DPR 602/73, Equitalia ha diramato varie direttive interne.Da ultimo, con il…
27-03-2015

Aperte le iscrizioni al 5 per mille 2015

Al via da ieri le iscrizioni al 5 per mille 2015. Lo ha reso noto l’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 13 diffusa ieri, che riepiloga gli…
27-03-2015

Con omessa convocazione di un socio, “nulla” la delibera dell’assemblea di srl

Una recente sentenza del Tribunale di Roma (la n. 23510/2014), nell’esaminare il ricorso del socio di una srl avverso una deliberazione assembleare…
27-03-2015

Credito per interessi insinuabile separatamente dalla quota capitale

Il creditore deve essere ammesso allo stato passivo della procedura concorsuale (liquidazione coatta amministrativa o fallimento) anche per gli…
27-03-2015

Dal CNDCEC i nuovi regolamenti su Consigli di disciplina e tirocinio

ROMA – Novantotto Segretari, più 21 tra Presidenti, Vicepresidenti e delegati, per un totale di 119 Ordini rappresentati. Questi i numeri…
27-03-2015

Cambia la formazione professionale dei commercialisti

Costituzione del Registro dei soggetti autorizzati ad organizzare eventi formativi, netta distinzione (anche in termini di crediti) tra formazione e…
26-03-2015

Dal 2015 detrazione IMU per coltivatori diretti e IAP

Sul Supplemento Ordinario n. 15 della Gazzetta Ufficiale n. 70 di ieri, è stata pubblicata la L. 24 marzo 2015 n. 34, di conversione del DL n. 4/2015,…
26-03-2015

Dichiarazione IMU valida anche per la TASI

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, con la risoluzione n. 3/DF di ieri, 25 marzo 2015, ha ribadito che il modello di dichiarazione IMU vale…
26-03-2015

Da maggio, importazione temporanea dei mezzi di trasporto con nuove regole

L’Agenzia delle Dogane, con nota prot. 31094 dell’11 marzo 2015, ha annunciato che il Regolamento di esecuzione (UE) della Commissione 13 febbraio…
26-03-2015

Se la condotta non è ineluttabile escluso il ricorso alla teoria dell’inesigibilità

Sull’elemento soggettivo della dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti si sofferma la…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it