Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-02-2017

Estese alle società agricole le agevolazioni ICI

La Cassazione, con due recenti pronunce, ha illuminato due particolari aspetti della disciplina dell’ICI concernenti rispettivamente l’applicazione…
25-02-2017

Decreti su spettanze agli ausiliari del magistrato da non registrare

Il decreto di pagamento delle spettanze agli ausiliari del magistratoex art. 168 del DPR n. 115/2002 non può essere annoverato tra gli atti…
25-02-2017

Per il canone RAI conta la decorrenza dei presupposti in dichiarazione

Con il provvedimento del 24 febbraio 2017 n. 39345, l’Agenzia delle Entrate ha sostituito il modello di dichiarazione che i titolari di utenza…
25-02-2017

Riaperto il termine per l’invio delle spese veterinarie al Sistema TS

Fino al prossimo 28 febbraio sarà possibile inviare al Sistema tessera sanitaria (c.d. Sistema TS) i dati relativi alle spese veterinarie, sostenute…
25-02-2017

Con la conciliazione giudiziale si estingue la pretesa fiscale originaria

Con una interessante decisione, la n. 4807 depositata ieri, la Suprema Corte stabilisce i limiti di applicazione delle misure cautelari, adottate ex…
25-02-2017

Anche le società di persone ammesse alla liquidazione dell’IVA di gruppo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 46 di ieri, 24 febbraio 2017, l’atteso decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che adegua…
25-02-2017

Per i “compro oro” in arrivo il Registro degli operatori

Il 23 febbraio scorso, su approvazione preliminare del Consiglio dei Ministri è stato licenziato lo schema di DLgs. che regolamenterà, con una…
25-02-2017

L’Ordine di Bolzano vara la “Banca del tempo”

Tra le principali critiche che i commercialisti muovono alle norme che regolamentano l’esercizio della professione, e ai rappresentanti…
25-02-2017

Divieto di cumulo di contributi volontari e Gestione separata legittimo

Con la sentenza n. 44/2017 depositata ieri, la Corte Costituzionale ha nuovamente ribadito la legittimità dell’art. 6 comma 2 del DLgs. 184/97,…
24-02-2017

Aumentano le classi di rischio sismico per gli edifici

Il 20 febbraio 2017 l’Assemblea del Consiglio superiore dei lavori pubblici (CSLLPP) ha dato il via libera alle nuove “Linee Guida per la…
24-02-2017

Raddoppio dei termini per il quadro RW all’esame della Corte di Giustizia

La Corte di Giustizia dell’Unione europea ha stabilito, con la sentenza del 15 febbraio 2017 relativa alla causa C-317/15, che rientrano tra le…
24-02-2017

Compensi per i 730/2016 ridotti di quasi un quarto

I compensi per l’attività di assistenza fiscale svolta dai professionisti e dai CAF-dipendenti in relazione ai modelli 730/2016 subiscono una…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it