Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-08-2017

La nozione di stabile organizzazione si adegua ai nuovi standard

La prossima entrata in vigore della Convenzione Multilaterale BEPS, siglata dall’Italia lo scorso 7 giugno 2017, impone alle imprese con attività…
23-08-2017

Professionisti e imprenditori alla prova del ravvedimento operoso

Lunedì 21 agosto è scaduto il termine entro cui i titolari di reddito d’impresa e di lavoro autonomo avrebbero dovuto effettuare i versamenti delle…
23-08-2017

Sanzioni fino a 20.000 euro per gli amministratori del Terzo settore

Sanzioni amministrative pecuniarie ad hoc per gli amministratori del Terzo settore. Esse sono previste nei casi di distribuzione di utili, indebita…
23-08-2017

Per particolari cariche compensi anche senza assemblea e parere del collegio sindacale

In presenza di una clausola statutaria che rimetta all’assemblea, sentito il parere del Collegio sindacale, il compito di determinare l’importo…
23-08-2017

Esdebitazione dei soggetti non fallibili limitata alle persone fisiche

Al termine della procedura di liquidazione del patrimonio, viene riconosciuta al debitore non fallibile, a norma dell’art. 14-terdecies della legge n.…
23-08-2017

Rimborsi spese forfetari vietati per i volontari

Il DLgs. 117/2017, ossia il Codice del Terzo settore, dedica alla figura del volontario e alla definizione dell’attività di volontariato il Titolo…
23-08-2017

Per il SIA Aree Sisma la domanda va presentata dal 2 settembre

Con la circolare n. 126/2017 pubblicata ieri, l’INPS ha illustrato le disposizioni contenute nel DM 26 luglio 2017, riguardanti la concessione di un…
22-08-2017

IVA ordinaria per la costruzione di residence

L’applicazione dell’aliquota IVA ridotta del 10% prevista dal n. 127-quaterdecies, Parte III della Tabella allegata al DPR 633/72, è sempre stata…
22-08-2017

Carichi affidati entro il 31 dicembre 2016 compensabili con crediti pubblici

Anche quest’anno sarà possibile compensare i debiti tributari e contributivi iscritti a ruolo o derivanti da accertamenti esecutivi con crediti…
22-08-2017

Nel modello IRAP al debutto il prospetto delle dichiarazioni integrative

Su Eutekne.info ci siamo già soffermati sulla possibilità di presentare una o più dichiarazioni integrative al fine di azzerare il debito d’imposta…
22-08-2017

Per la prevalenza non rileva il valore economico dei prodotti agricoli

La Cassazione, con l’ordinanza n. 18071/2017, ha riaffrontato il delicato tema fiscale della prevalenza nella manipolazione, trasformazione e cessione…
22-08-2017

Il grave conflitto tra consiglieri legittima le dimissioni del resto del cda

In presenza di una clausola statutaria che preveda la decadenza dell’intero CdA in caso di dimissioni della maggioranza dei consiglieri, i gravi…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it