Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
18-04-2015

Sentenza legittima se resa in sede cautelare

Il contribuente, unitamente al ricorso o in un momento successivo, può, ai sensi dell’art. 47 del DLgs. 546/92, chiedere la sospensione degli…
18-04-2015

Carrelli della spesa non soggetti a imposta sulla pubblicità

Con sentenza n. 525/65/15, la C.T. Reg. di Milano, sezione staccata di Brescia, ha stabilito che non è assoggettata a imposta la pubblicità effettuata…
18-04-2015

Adempimenti documentali rilevanti per le associazioni sportive dilettantistiche

In tema di associazioni sportive dilettantistiche, la Commissione tributaria regionale della Toscana, con la sentenza n. 651/5/15 del 14 aprile 2015,…
18-04-2015

Il disegno di legge sugli ecoreati ad impatto “231”

Il tema della prevenzione in materia ambientale ha assunto negli ultimi anni un ruolo centrale nella normativa internazionale e nazionale e a ciò è…
18-04-2015

L’applicazione dei nuovi OIC rende legittimo il rinvio a 180 giorni

La prima adozione dei nuovi principi contabili nazionali può giustificare il rinvio a 180 giorni dei termini per la convocazione dell’assemblea di…
18-04-2015

Dal Congresso nazionale le proposte dell’UNGDCEC

SALERNO – Amministrazione giudiziaria, collegio sindacale, altri incarichi giudiziari, rapporti col Fisco e antiriciclaggio. Questi i cinque ambiti su…
18-04-2015

Responsabilità solidale derogabile dalla contrattazione collettiva dell’appaltatore

Tra le risposte pubblicate ieri, 17 aprile 2015, sul sito del Ministero del Lavoro, l’interpello n. 9 fornisce chiarimenti in ordine alla possibilità,…
18-04-2015

Le preoccupazioni sulla Grecia “affossano” i mercati

La settimana è stata caratterizzata dai dati Usa peggiori delle attese (produzione industriale marzo -0,6% mensile, peggior risultato da due anni e…
17-04-2015

“Debutto” del 730 precompilato con più di 257 mila accessi

Da ieri, sono disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate 20.442.683 dichiarazioni precompilate, mentre sono 206.792 i contribuenti che hanno già…
17-04-2015

Locazione di immobile, fornitura utenze e raccolta rifiuti distinte ai fini IVA

La sentenza della Corte di Giustizia di ieri, relativa alla causa C-42/14 (procedimento Minister Finansów contro Wojskowa Agencja Mieszkaniowa w…
17-04-2015

Operatori in oro, verifiche pre-invio della comunicazione integrativa annuale

Entro il prossimo 29 maggio gli intermediari finanziari (banche, poste, SGR, assicurazioni, Operatori Professionali in oro, ecc.) dovranno comunicare…
17-04-2015

Le “diverse” giurisdizioni sul fermo amministrativo alla Consulta

Con l’ordinanza del 10 gennaio 2014, pubblicata nella Gazzetta ufficiale “Corte Costituzionale” n. 15 del 15 aprile 2015, il Tribunale di Tivoli ha…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it