Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
29-05-2015

Scontano l’IMU gli immobili delle cooperative

Gli immobili merce sono esentati, a partire dal secondo semestre 2013, dal pagamento dell’IMU ai sensi dell’art. 2 commi 1 e 2 del DL n. 102/2013…
29-05-2015

La giacenza media “entra” nell’Archivio dei rapporti finanziari

Anche la giacenza media entra a far parte della comunicazione integrativa annuale che gli operatori finanziari devono trasmettere all’Anagrafe…
29-05-2015

Firmato il decreto sul credito d’imposta R&S

Nel corso dell’assemblea generale di Confindustria svoltasi ieri a Milano, la Ministra Guidi ha comunicato di aver firmato il decreto sul credito…
29-05-2015

Nullità dell’accertamento anticipato legata alla firma e non alla notifica

La giurisprudenza, sia di merito che di Cassazione, è ormai consolidata nel ritenere nullo l’avviso di accertamento o altro atto impositivo (si pensi…
29-05-2015

Allo studio la proroga dei versamenti di UNICO per gli studi di settore

Ieri è stata data notizia della pubblicazione della versione definitiva del software GE.RI.CO. 2015 (si veda “Studi di settore, disponibile GE.RI.CO.…
29-05-2015

In vigore le nuove norme sui reati ambientali

La legge 22 maggio 2015 n. 68 in materia di delitti contro l’ambiente (c.d. ecoreati), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 122 di ieri, è da oggi…
29-05-2015

Legittimi i limiti al patteggiamento per gli evasori fiscali

La Corte Costituzionale, nella sentenza 28 maggio 2015 n. 95, ha dichiarato non fondata la questione di legittimità costituzionale dell’art. 13 comma…
29-05-2015

Microcredito, “boom” di prenotazioni al fondo di garanzia

Sono oltre tremila i soggetti che, nella sola giornata di avvio delle procedure, avrebbero già effettuato la prenotazione on line della garanzia…
29-05-2015

Tutele crescenti, comunicazione dell’offerta di conciliazione dal 1° giugno

Sarà operativa dal prossimo 1° giugno sul portale “Cliclavoro” la procedura che consentirà ai datori di lavoro – ove, a seguito del licenziamento di…
29-05-2015

Nella finale di Champions la sfida dei marchi vale quasi 900 mln di dollari

Nell’affrontare il tema della solidità patrimoniale dei bilanci delle due società coinvolte nella finale di Champions, è doveroso precisare che, come…
29-05-2015

Juventus-Barcellona: in attesa del campo, sul bilancio non c’è partita

Prima di conoscere il prossimo 6 giugno il risultato del campo, il Barcellona è già campione nei numeri del bilancio. Infatti, confrontando gli ultimi…
28-05-2015

Studi di settore, disponibile GE.RI.CO. 2015

È finalmente disponibile GE.RI.CO. 2015, tassello fondamentale, ma finora ancora mancante, per il completamento del quadro sugli studi di settore…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it