Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
15 giugno 2011

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente

Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli

Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il nuovo modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2011: cause di esclusione e inapplicabilità e nuova esclusione dall'accertamento per le società cooperative a mutualità prevalente - Daily news N. 176 del 15.06.2011 a cura di Antonella Gemelli€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
25-10-2014

Soppressi i codici tributo per il credito d’imposta per investimenti in Campania

Con la risoluzione n. 94 di ieri, l’Agenzia delle Entrate ha soppresso i codici tributo “3891” e “3892” utilizzati per il credito d’imposta di cui…
25-10-2014

Aumento della ritenuta all’8% al nodo decorrenza

Come già evidenziato su Eutekne.info (si veda “Ritenuta all’8% sui bonifici agevolati” del 23 ottobre 2014), il Ddl. di stabilità prevede il raddoppio…
25-10-2014

Le indagini finanziarie supportano il redditometro

Le indagini finanziarie costituiscono uno dei poteri più invasivi, ma anche più potenti, a disposizione del Fisco, che, attraverso di esse, è ormai in…
25-10-2014

Per 100 mila società, rimborsi più veloci con accredito diretto sul conto corrente

L’Agenzia delle Entrate sta chiedendo in questi giorni a 100 mila società, tramite PEC, di comunicare il proprio codice IBAN per ricevere direttamente…
25-10-2014

Deve l’IRAP chi si avvale non occasionalmente di una società di servizi

Con due pronunce depositate ieri, 24 ottobre 2014, la Suprema Corte si è nuovamente soffermata sul tema dell’assoggettamento ad IRAP di professionisti…
25-10-2014

Possibile “capolinea” per i vantaggi fiscali del Trust holding

Il Ddl. di stabilità potrebbe rivoluzionare l’intero comparto dei Trust. L’art. 44 comma 26 del testo, infatti, interviene sul DLgs. n. 344/2003,…
25-10-2014

Il contributo annuale al CNDCEC per il 2015 “si differenzia”

Per l’anno prossimo, il contributo annuale dovuto al CNDCEC ai sensi dell’art. 29 lett. h) del DLgs. 139/2005 ammonterà a:- 65 euro per i…
25-10-2014

Anche i commercialisti a “Contromafie 2014”

Ci saranno anche i commercialisti a “Contromafie 2014”, gli Stati generali dell’antimafia, in corso di svolgimento a Roma. Quattro giorni in cui i…
25-10-2014

I documenti fiscali per il lavoro autonomo escludono la maxisanzione

La maxisanzione prevista dall’art. 4 della L. 183/2010 (c.d. “Collegato lavoro”) per coloro che assumono lavoratori irregolari, va applicata anche nel…
24-10-2014

Deduzione del 20% anche sugli interessi passivi del mutuo

Nella seduta di ieri, la Camera ha votato la questione di fiducia sul decreto “Sblocca Italia”. Ora, l’esame del provvedimento riprenderà in Aula a…
24-10-2014

Familiari dei soci fuori dalla comunicazione dei finanziamenti

Scade il prossimo 30 ottobre il termine per effettuare la comunicazione dei dati delle persone fisiche soci o familiari dell’imprenditore che hanno…
24-10-2014

Indipendenza del giudice tributario all’esame della Corte Costituzionale

La Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia, con l’ordinanza n. 280 dello scorso 23 settembre, ha rinviato alla Consulta la questione di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it