Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
08-02-2016

Sezioni Unite senza sforzi interpretativi sul contraddittorio

Sono ben 46 le pagine della sentenza n. 24823/2015, con cui le Sezioni Unite hanno stabilito che non esiste nell’ordinamento interno un obbligo…
08-02-2016

IVA al 4% sull’acquisto della “prima casa” da concedere in leasing

Con la legge di stabilità per il 2016 (art. 1 comma 83 della L. 208/2015) è stata prevista una nuova aliquota (1,5%) dell’imposta di registro da…
08-02-2016

Negozi dentro la stazione censiti in base alle caratteristiche intrinseche

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 1704 del 29 gennaio 2016, si è pronunciata sul tema del corretto classamento e della corrispondente…
08-02-2016

Super-ammortamenti sul costo comprensivo degli oneri accessori

La maggiore deduzione, che compete ai soli fini delle imposte sui redditi e non anche per l’IRAP, dovrebbe essere calcolata sul costo di acquisto del…
08-02-2016

“Sostituzione” da comunicare al sindaco supplente

Il Tribunale di Milano, nella sentenza n. 10759/2015, si sofferma su importanti profili in materia di responsabilità dei sindaci.Prima di affrontare…
08-02-2016

Nuove regole valide anche per i co.co.pro. “in corso”

La circolare del Ministero del Lavoro n. 3 del 1° febbraio 2016, di cui si è dato conto nei giorni scorsi (si veda “Co.co.co. «etero-organizzate» con…
08-02-2016

Collaborazioni senza presunzione di subordinazione più ampie nello sport

Il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 6/2016, interviene, ancora una volta, su un argomento tra i più delicati tra quelli contenuti nel DLgs 15…
06-02-2016

Credito ricerca e sviluppo per i brevetti ottenuti internamente all’impresa

La circolare di Confindustria del 29 gennaio 2016, relativa al credito di imposta per gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo, contiene…
06-02-2016

Effetti “a cascata” della riduzione IRES dal 2017

La circolare informativa n. 1/2016 del Consorzio Studi e Ricerche Fiscali del Gruppo Intesa Sanpaolo, diffusa ieri, offre un commento di alcune novità…
06-02-2016

Poste attive e passive non sempre di ostacolo al deposito del bilancio di liquidazione

Il Conservatore del Registro delle imprese di Milano, in un recente documento, si sofferma sul tema dell’iscrizione nel Registro del deposito del…
06-02-2016

I nuovi OIC guidano al rialzo i valori di rivalutazione

Più imprese stanno iniziando a prendere in considerazione l’opportunità di rivalutare i beni d’impresa con le norme contenute nell’art. 1 commi…
06-02-2016

Unica procedura per gli assegni del Fondo di integrazione salariale

Il DLgs. 148/2015, attuativo del Jobs Act per quanto concerne il riordino della disciplina degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it