Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
20-10-2014

Accertamento analitico-induttivo anche se la simulazione non è provata

La recente sentenza n. 21158/2014 della Cassazione fornisce alcuni interessanti spunti di riflessione sulla relazione intercorrente tra l’accertamento…
20-10-2014

Dal 2015 senza IRAP i costi per dipendenti a tempo indeterminato

Confermando quanto annunciato dal premier Renzi, la bozza del Ddl. di stabilità 2015 prevede che, dal periodo d’imposta successivo a quello in corso…
20-10-2014

Nel regime forfetario, contributi dovuti solo sul reddito dichiarato

I soggetti che potranno accedere al regime forfetario previsto dall’art. 9 del Ddl. di stabilità 2015 avranno anche la possibilità di beneficiare di…
20-10-2014

Istituti deflativi del contenzioso “semplificati”

Scelte dei contribuenti al restyling quando la legge di stabilità sarà entrata in vigore: nell’ambito degli istituti deflativi del contenzioso…
20-10-2014

Aliquote “potenziate” delle detrazioni per gli immobili anche per il 2015

L’art. 8 del Ddl. di stabilità 2015 che è stato approvato dal Governo il 15 ottobre contiene importanti novità sui bonus per gli interventi volti alla…
20-10-2014

Fallimento, incasso di credito “sopravvenuto” da dichiarare

La Cassazione, con la sentenza n. 42886/2014, ha affrontato il caso di un contribuente dichiarato fallito – la cui procedura concorsuale si è, poi,…
20-10-2014

Revisori degli enti locali, il CNDCEC scrive al Governo

Il Consiglio nazionale dei commercialisti scrive al Governo Renzi per chiedere di discutere assieme, tramite l’istituzione di un tavolo tecnico, le…
20-10-2014

Con la legge di stabilità, TFR in busta paga e risorse per il “Jobs Act”

TFR in busta paga, sgravi contributivi per le assunzione a tempo indeterminato e risorse per gli ammortizzatori sociali. Sono queste le principali…
18-10-2014

Entro il 30 ottobre la comunicazione dei beni e dei finanziamenti ai soci

Più volte sulle pagine di questo quotidiano si è sottolineata la farraginosità della disciplina relativa alla comunicazione dei beni e dei…
18-10-2014

Agevolazioni prima casa, dichiarazione tardiva ammessa anche per l’usucapione

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 90 di ieri, ritorna sul tema delle dichiarazioni tardive per la richiesta delle agevolazioni prima casa…
18-10-2014

Penalizzata la donazione di partecipazioni già rivalutate

In vista della nuova proroga della rideterminazione del costo delle partecipazioni non quotate detenute al di fuori dal regime di impresa (art. 5…
18-10-2014

Erogazioni alle ONLUS, detrazione al 19% per gli enti non commerciali

Gli enti non commerciali possono continuare a detrarre le erogazioni liberali alle ONLUS, ma nella “vecchia” misura del 19%. È quanto chiarito…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it