Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
20-12-2014

Azzerata l’una tantum per l’accesso in convenzione ai dati ipotecari e catastali

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato ieri il provvedimento del 17 dicembre 2014 (prot. n. 160950/2014), con il quale aggiorna gli importi previsti…
20-12-2014

Niente modello black list “annuale” se si chiude il 2014 con le vecchie regole

L’Agenzia delle Entrate ha diramato nella serata di ieri, 19 dicembre 2014, un importante comunicato stampa con il quale ha chiarito che, se i…
20-12-2014

Favor rei per le sanzioni da RW relative al Lussemburgo

In base a quanto emerge dal comunicato stampa n. 284 del 16 dicembre 2014 del Ministero dell’Economia e delle finanze, le holding lussemburghesi del…
20-12-2014

IRAP professionisti, “excursus” della Cassazione sull’impiego di personale

Con le sentenze nn. 26982 e 26991, depositate ieri, 19 dicembre 2014, la Corte di Cassazione torna a pronunciarsi sulla questione dell’IRAP dovuta da…
20-12-2014

Raddoppiato il costo della rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni

Come evidenziato su Eutekne.info, (si veda “Nuova rideterminazione del valore dei terreni e delle partecipazioni” del 17 ottobre), il disegno di legge…
20-12-2014

Al via il nuovo regime forfetario

Con l’approvazione, in Senato, del maxiemendamento alla legge di stabilità 2015, è possibile valutare in modo definitivo il nuovo regime forfetario…
20-12-2014

Rating di legalità più “alto” con il modello organizzativo 231

Dopo tanta attesa, le modifiche al Regolamento relativo al rating di legalità sono state approvate e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso…
20-12-2014

I commercialisti rilanciano su arbitrato e negoziazione assistita

Nonostante la recente riforma della giustizia civile che, a detta dello stesso CNDCEC, aveva permesso agli avvocati di ottenere una sorta di…
20-12-2014

Settimana di volatilità con tassi Usa su livelli più alti e gli europei immutati

La prima parte della settimana è stata dominata dalle preoccupazioni per l’escalation della crisi russa, con il crollo della borsa e del rublo,…
19-12-2014

Legge di stabilità nel “caos”, oggi si vota la fiducia ma non è chiaro su quale testo

È caos legge di stabilità in Parlamento. È slittato infatti a oggi il voto di fiducia nell’Aula del Senato sul Ddl. n. 1698, a causa del “ritardo”…
19-12-2014

Appannaggio di Poste spa qualsiasi notificazione di “atti”

L’ordinanza della Cassazione n. 26704, depositata ieri, affronta due questioni.La prima concerne la notifica del ricorso in Cassazione mediante…
19-12-2014

Nuova disciplina IVA per e-commerce e telecomunicazioni ai blocchi di partenza

Sono in dirittura d’arrivo le misure relative alla nuova disciplina IVA, applicabile dal 1° gennaio 2015, per i servizi di telecomunicazione,…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it