Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
28-11-2014

Buoni pasto elettronici esclusi dal reddito fino a 7 euro

Con l’approvazione di un emendamento da parte della Commissione Bilancio della Camera al Ddl. di stabilità 2015, da oggi all’esame dell’Aula, viene…
28-11-2014

Cancellazione “fiscale” della società al nodo retroattività

L’art. 28 del decreto semplificazioni fiscali stabilisce che “ai soli fini della validità e dell’efficacia degli atti di liquidazione, accertamento,…
28-11-2014

Dal 2015 interamente deducibili anche i costi per gli agricoli a tempo determinato

Dal periodo d’imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014 (si tratta del 2015, per i soggetti “solari”), i costi relativi ai lavoratori…
28-11-2014

IVA al 10% anche per le reti in fibra ottica all’interno degli edifici

L’art. 6 comma 3-bis del decreto “Sblocca Italia” (DL 133/2014, convertito in L. 11 novembre 2014 n. 164) ha incluso tra le opere di urbanizzazione…
28-11-2014

Pesca professionale marittima, c’è la tassa di concessione per la licenza provvisoria

Deve essere pagata la tassa sulle concessioni governative nel caso in cui, a seguito della richiesta di rinnovo della licenza di pesca professionale…
28-11-2014

Il Governo s’impegna ad abbattere i costi fissi del POS

Il Senato ha dedicato le sedute di ieri alla discussione di serie di mozioni e allo svolgimento di interrogazioni a risposta immediata.Nella seduta…
28-11-2014

Condannato per truffa il professionista che “nasconde” la propria inadempienza

Il professionista che, per nascondere una propria inadempienza, compia artifizi e raggiri nei confronti del cliente, che, quindi, all’oscuro…
28-11-2014

Tracciabilità nell’autotrasporto, Zanetti: “La norma va rivista”

Una norma che “presenta molti profili di criticità” e, in quanto tale, potrebbe essere, a breve, “oggetto di ripensamento, se non di integrale…
27-11-2014

Incertezza fiscale nemica delle imprese

MILANO – Se il sistema fiscale italiano fosse efficiente e semplice come in altri Paesi, le imprese non solo investirebbero di più, ma avrebbero anche…
27-11-2014

Accertamento sulla base del ricarico medio solo con scostamento rilevante

Tra le metodologie accertative da sempre più utilizzate dall’Amministrazione finanziaria vi è quella della ricostruzione indiretta della posizione…
27-11-2014

L’Ente Bilaterale Italia trova la sua causale contributo

Con la risoluzione n. 104 di ieri, 26 novembre 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito la causale contributo per la riscossione, tramite modello…
27-11-2014

Previsionale con appeal per soggetti IRAP e società in perdita sistematica

In prossimità del termine di versamento della seconda o unica rata degli acconti IRES e IRAP (che, per i soggetti solari, coincide con il 1° dicembre…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it