Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
03-07-2015

Nel 2015 deduzioni in misura “ridotta” per gli autotrasportatori

Con il consueto comunicato stampa, l’Agenzia delle Entrate ha reso nota ieri la proroga delle agevolazioni a favore degli autotrasportatori per il…
03-07-2015

Svalutazione crediti, soglia massima deducibile al vaglio della Cassazione

La recente sentenza della Corte di Cassazione n. 13458/2015 offre lo spunto per tornare sul tema della determinazione dell’ammontare delle…
03-07-2015

Nota di variazione “dubbia” per il recesso da lease back

Con sentenza di ieri, relativa alla causa C-209/14, NLB Leasing, la Corte di giustizia Ue ha analizzato alcune questioni attinenti un contratto di…
03-07-2015

Esenti IVA le sole prestazioni mediche degli istituti ospedalieri o assimilati

Non si applica il regime di esenzione IVA ad una prestazione di trasporto di organi umani e di prelievi, da parte di un soggetto che effettua tale…
03-07-2015

Gli “imbullonati” contano per la rendita catastale

Ai fini dell’attribuzione della rendita catastale agli immobili a destinazione speciale – tipicamente gli opifici per l’esercizio dell’attività…
03-07-2015

Videoconferenza straordinaria con un “tuttoquesiti” su UNICO 2015

Considerato il grande interesse dei quesiti posti durante la videoconferenza di chiusura del Master Eutekne Didactica 2014-2015 (si veda…
03-07-2015

Per le sanzioni degli intermediari ci deve essere la definizione agevolata

In un recente articolo abbiamo evidenziato come, sulla base della giurisprudenza di Cassazione, le violazioni dell’art. 7-bis del DLgs. 241/97 siano…
03-07-2015

Ruolo proattivo del collegio sindacale nella vigilanza sull’assetto organizzativo

Intervistare i responsabili delle funzioni operative al fine di verificare la corretta adozione delle procedure aziendali da parte del personale…
03-07-2015

Il reato è più grave se le fatture false sono emesse dall’amministratore di più società

La sentenza n. 27849 della Corte di Cassazione, depositata ieri, si sofferma su una peculiare ipotesi di plurime emissioni di fatture false. Ovvero…
03-07-2015

Il CNDCEC vara il suo primo Rapporto di Missione

In vista dell’adozione, prevista per il prossimo anno, di un vero e proprio bilancio sociale, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed…
03-07-2015

Definite le regole “previdenziali” per le assunzioni congiunte in agricoltura

Tra le diverse misure contenute nel DL 76/2013, assume particolare rilievo la disposizione in materia di gruppi di impresa prevista dal comma 11…
02-07-2015

Sulla “mancata” proroga per i 770, l’ANC scrive al Ministro

In poche ore, ieri, l’Associazione nazionale commercialisti è passata da un’“estrema soddisfazione” alla “delusione” sulla questione dei modelli…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it