Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-08-2014

Interessi passivi deducibili anche per gli immobili “merce” locati

Gli interessi passivi relativi a finanziamenti garantiti da ipoteca su immobili destinati alla locazione sono deducibili per tutti i fabbricati,…
23-08-2014

Confermata l’estensione delle deduzioni IRAP agli agricoli a tempo determinato

L’art. 5 commi 13 e 14 del DL 91/2014 (c.d. decreto competitività) attribuisce la facoltà di fruire delle deduzioni IRAP finalizzate alla riduzione…
23-08-2014

La certificazione del collegio sindacale del bilancio “blinda” la dichiarazione

L’Amministrazione finanziaria non può sindacare le risultanze contabili in base ad una mera presunzione di antieconomicità, senza aver contestato…
23-08-2014

Affitto dell’azienda, il dipendente conserva i diritti maturati col concedente

La successione nei contratti di lavoro subordinato pendenti alla data di affitto dell’azienda è soggetta, in termini generali, alla disciplina…
23-08-2014

Azioni a voto plurimo con il rebus dell’introduzione

La legge di conversione n. 116/2014 del DL 91/2014 ha introdotto, rispetto al testo originario del decreto, la possibilità nelle spa non quotate…
22-08-2014

All’orizzonte l’ipotesi di ritocchi sugli “sconti fiscali”

Con l’approssimarsi del primo Consiglio dei Ministri dopo la pausa estiva, che dovrebbe tenersi il prossimo venerdì 29 agosto, gli occhi sono di nuovo…
22-08-2014

Locatario finanziario soggetto passivo IMU fino alla riconsegna dell’immobile

La C.T. Prov. di Treviso ha di recente affrontato il delicato problema dell’individuazione del soggetto passivo IMU nel periodo intercorrente fra la…
22-08-2014

Operativo il bonus investimenti

È operativo, senza modifiche, il credito d’imposta per le imprese che effettuano, dal 25 giugno 2014 al 30 giugno 2015, investimenti in nuovi beni…
22-08-2014

“Punto della situazione” dell’Agenzia sugli istituti deflativi del contenzioso

Una delle cinque guide dell’Agenzia delle Entrate pubblicate il 20 agosto 2014, intitolata “Strumenti per evitare le liti fiscali”, concerne gli…
22-08-2014

Affitto d’azienda, nella successione si trasferiscono i contratti “non personali”

L’art. 2558, comma 3, c.c. stabilisce che la disciplina dettata in materia di cessione d’azienda, con riferimento al subentro del cessionario nei…
22-08-2014

Organismo di vigilanza parte integrante del modello organizzativo

Strettamente connessa al tema dei controlli e degli adeguati assetti (si veda “Il sistema dei controlli come strumento di «correzione permanente»” del…
21-08-2014

“Avvisi bonari” non impugnabili

Una delle cinque guide pubblicate sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate riguarda gli aspetti salienti della liquidazione automatica/controllo…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it