Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-04-2014

Servizi infragruppo deducibili anche senza importo predeterminato

La C.T. Reg. di Roma, con la sentenza 1767/38/14, è tornata ad occuparsi della deducibilità delle prestazioni infragruppo, ovvero di quelle spese che…
23-04-2014

Agenzia delle Entrate, addio graduale al modulo cartaceo per segnalare i reclami

L’Agenzia delle Entrate ha dato ieri il via al nuovo “Sistema di ascolto”: sarà possibile segnalare agli uffici non solo reclami ma anche eventuali…
23-04-2014

Il diniego espresso di rimborso non soggiace all’obbligo motivazionale

L’obbligo di motivazione degli atti impositivi, che si concretizza nell’indicare i presupposti di fatto e di diritto della pretesa, vale solo per i…
23-04-2014

Salta la ritenuta sui redditi di fonte estera

I tecnici dei vari Ministeri stanno ancora apportando le ultime limature al decreto che ha aumentato al 26% la tassazione sui redditi di natura…
23-04-2014

Aumento di capitale, il CdA riapre i termini per l’esercizio dell’opzione

Il Tribunale di Catania, nel provvedimento del 18 luglio 2013, affronta differenti e rilevanti profili della disciplina dell’aumento di capitale e…
23-04-2014

Il Governo “blinda” il decreto Lavoro, tensione nella maggioranza

Ieri, la Ministra per le Riforme costituzionali e i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, ha posto, a nome del Governo, la questione di…
22-04-2014

Dichiarazione IRAP 2014, acconto 2013 rideterminato nel quadro IS

All’interno del quadro IS, la dichiarazione IRAP 2014 ripropone la sezione VII, che deve essere compilata dai contribuenti che hanno calcolato…
22-04-2014

Invio del MUD entro il 30 aprile

Entro il 30 aprile 2014 deve essere presentato il MUD - Modello Unico di Dichiarazione ambientale 2014, in relazione all’anno 2013, alla Camera di…
22-04-2014

Anche nel nuovo regime “de minimis”, limite di 200.000 euro

Assonime, con la circ. 13/2014, ha illustrato il nuovo regolamento europeo n. 1407/2013 relativo alla disciplina sugli aiuti di Stato di importanza…
22-04-2014

Immobili riclassificati tra le rimanenze senza ricavi minimi

Nel bilancio 2013 delle società immobiliari che risultano di comodo una problematica che può assumere profili più delicati rispetto al passato è…
22-04-2014

Le Sezioni Unite salvano i creditori delle società cancellate prima del 2004

Sono i termini di prescrizione per far valere diritti nei confronti di soci e liquidatori di società estinte il tema centrale della intricata vicenda…
22-04-2014

Contributo annuo revisori degli enti locali in scadenza a fine mese

Scade il prossimo 30 aprile il termine per il versamento del contributo annuo a carico degli iscritti nell’elenco dei revisori dei conti degli enti…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it