Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
01-04-2015

Studi di settore, in Gazzetta le modifiche per il periodo d’imposta 2014

Sul Supplemento Straordinario n. 5 della Gazzetta Ufficiale n. 75 di ieri, 31 marzo, è stato pubblicato il DM 30 marzo 2015, che approva le modifiche…
01-04-2015

Nell’estinzione del processo termine per notificare la cartella “differenziato”

Per effetto dell’art. 25 del DPR 602/73, la cartella di pagamento deve essere notificata, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del secondo anno…
01-04-2015

Coordinamento tra bonus assunzioni qualificate e bonus R&S

La Fondazione Nazionale Commercialisti, con documento di ieri, 31 marzo, analizza la disciplina del credito d’imposta per l’assunzione di personale…
01-04-2015

Le operazioni con San Marino confluiscono nello spesometro

La compilazione del modello polivalente, il cui termine di presentazione cade il prossimo 10 aprile 2015 per i contribuenti mensili, presenta…
01-04-2015

“Inattaccabili” gli atti firmati da funzionari di terza fascia

Relativamente al caso dei “dirigenti” colpiti dalla sentenza della Consulta n. 37/2015, continua il dibattito sull’efficacia degli atti e il Governo…
01-04-2015

Spesometro light per commercianti al minuto e agenzie di viaggio

A soli dieci giorni dalla scadenza del termine per l’invio dello spesometro da parte degli operatori in regime mensile, l’Agenzia delle Entrate ha…
01-04-2015

La sede dell’attività prevale sulle relazioni affettive per la residenza fiscale

La presunzione di residenza fiscale in Italia del soggetto trasferito in un Paese a fiscalità privilegiata può esser vinta dimostrando di avere,…
01-04-2015

Dai sindaci, controlli di legalità estesi sul concordato preventivo

La bozza dei “Principi di comportamento del collegio sindacale di società non quotate” emanata dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e…
31-03-2015

Da domani portale MOSS operativo per le dichiarazioni IVA

Dal 1° aprile 2015 saranno disponibili, per gli operatori nazionali e quelli extra Ue registrati al portale MOSS, le funzionalità operative per la…
31-03-2015

Il 13 aprile “scatta” la fatturazione gratuita verso la P.A. per i commercialisti

Dal prossimo 13 aprile, i commercialisti potranno usufruire gratuitamente del servizio per emettere fatture in formato elettronico verso la P.A.Lo ha…
31-03-2015

Altro stop alla “resurrezione retroattiva” delle società di capitali

Per effetto dell’art. 28 comma quarto del DLgs. 175/2014, “ai soli fini della validità e dell’efficacia degli atti di liquidazione, accertamento,…
31-03-2015

Nello spesometro tutte le operazioni con obbligo di emissione della fattura

Secondo quanto previsto dal provv. Agenzia delle Entrate 2 agosto 2013 n. 94908, entro il 10 aprile 2015 devono essere effettuate le comunicazioni…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it