Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
01-11-2014

Le modifiche dell’imposizione sostitutiva sui mutui secondo l’ABI

Il regime di esenzione dalle imposte indirette (di registro, di bollo, ipotecaria e catastale e sulle concessioni governative) che trova applicazione…
01-11-2014

Omesse o infedeli dichiarazioni IMU alla prova del favor rei

Talvolta gli enti impositori tentano di duplicare le sanzioni a danno del contribuente il quale, tramite una condotta fiscalmente scorretta, che può…
01-11-2014

Dal 2015 termini uniformi per i regimi opzionali

L’art. 16 del DLgs. recante disposizioni in materia di semplificazioni fiscali e approvato definitivamente dal Governo introduce rilevanti modifiche,…
01-11-2014

730 precompilati, professionisti alla prova del visto di conformità

Il professionista o il CAF che rilascia il visto di conformità infedele sul modello 730 non risponderà dell’imposta neppure in caso di condotta…
01-11-2014

Assegni familiari, nuova procedura per i dipendenti di aziende cessate o fallite

È operativa la nuova procedura on line che consente ai lavoratori ex dipendenti di aziende cessate o fallite di poter presentare le domande di Assegno…
01-11-2014

Dal nuovo OIC 12 un unico riferimento per schemi di bilancio e Nota integrativa

Stato patrimoniale, Conto economico e Nota integrativa, documenti che costituiscono il bilancio, così come definito dall’art. 2423 c.c., sono ora…
31-10-2014

Entro il 15 aprile 2015 sarà disponibile il 730 precompilato

A partire dal 2015, in via sperimentale, l’Agenzia delle Entrate, utilizzando le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, i dati trasmessi da…
31-10-2014

Alla Corte Costituzionale gli effetti della sentenza sul “VIES”

Con l’ordinanza n. 185 del 19 giugno 2014, pubblicata nella Gazzetta ufficiale serie Corte Costituzionale n. 45 del 29 ottobre 2014, la C.T. Prov.…
31-10-2014

Alluvione tra 10 e 14 ottobre, sospensione anche per le rate da piani di dilazione

Equitalia ha inviato al Dipartimento delle Finanze una richiesta di chiarimenti (prot. n. 2014/41296) con riferimento alla sospensione di versamenti e…
31-10-2014

Presunzione della cessione del contratto di locazione in caso di affitto d’azienda

Se viene affittata un’azienda la cui attività è esercitata in un immobile locato e l’affittuario corrisponde i canoni di locazione direttamente al…
31-10-2014

Ritenute certificate, soglia dell’omesso versamento con dubbi di costituzionalità

È rilevante e non manifestamente infondata la seguente questione: se violi il principio di uguaglianza l’art. 10-bis del DLgs. 74/2000, nella parte in…
31-10-2014

Conferme positive dall’economia Usa

Gli Usa crescono più del previsto nel terzo trimestre (3,5% annualizzato contro previsione del 3%); la crescita appare sana ed equilibrata…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it