Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
03-09-2015

La riforma del contenzioso “libera” Equitalia da commercialisti e avvocati

Lo schema di decreto legislativo sulla riforma del contenzioso tributario, attuativo dell’art. 10 della L. 23/2014, introduce alcune novità in merito…
03-09-2015

Dividendi nazionali ed esteri con lo stesso regime nel consolidato fiscale

La delicata materia del consolidamento fiscale di società del gruppo non residenti si è arricchita ieri, 2 settembre 2015, di una pronuncia di…
03-09-2015

Renzi: “Il 16 dicembre sarà il funerale delle tasse sulla casa”

Il Presidente del Consiglio Matteo Renzi reagisce alla “freddezza” dell’Unione europea sulle intenzioni del Governo di riformare la tassazione…
03-09-2015

Ravvedimento “mite” per l’infedele presentazione del modello 770

In un precedente intervento (si veda “Ravvedimento su ritenute e 770 possibile senza limiti temporali” del 31 agosto 2015) avevamo evidenziato come, a…
03-09-2015

Decreto sul reciproco riconoscimento delle decisioni di confisca al via

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri il decreto legislativo 7 agosto 2015 n. 137 di attuazione della decisione quadro 2006/783/GAI…
03-09-2015

La responsabilità degli enti è personale e autonoma

Sui complessi rapporti tra persona fisica e persona giuridica ai sensi del DLgs. 231/2001 si è pronunciata ieri la Cassazione con la sentenza n.…
03-09-2015

Nel concordato preventivo dilazione limitata per i creditori privilegiati

Nel concordato preventivo, la regola generale è quella del pagamento non dilazionato dei creditori privilegiati: la previsione dell’adempimento in…
03-09-2015

Per la prima applicazione delle nuove norme sul bilancio attese indicazioni OIC

Il DLgs. recante la “disciplina del bilancio di esercizio e consolidato per società di capitali”, approvato in via definitiva dal Consiglio dei…
02-09-2015

Contribuente litisconsorte necessario nelle “liti catastali”

Recentemente, su Eutekne.info (si veda “Classamento di immobili impugnabile dai Comuni dinanzi ai giudici tributari” dell’11 agosto 2015) sono state…
02-09-2015

Le eccedenze ante opzione non passano al gruppo IVA

La società che partecipa, per il primo anno, alla liquidazione dell’IVA di gruppo deve esporre l’eccedenza detraibile relativa all’anno precedente non…
02-09-2015

Bonus concordatario a detassazione parziale dal 2016

La versione definitiva del DLgs. in materia di fiscalità internazionale, approvata dal Consiglio dei Ministri il 6 agosto 2015 e attualmente in attesa…
02-09-2015

Non operative in liquidazione, serve cancellarsi entro il 30 settembre

Entro il 30 settembre 2015 le società in liquidazione che abbiano assunto l’impegno in UNICO 2014 devono procedere alla cancellazione dal Registro…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it