Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
17-04-2014

Ricevitorie del lotto, sette codici tributo per la gestione delle concessioni

L’Agenzia delle Entrate ha emanato ieri la ris. 40, con la quale ha istituito sette codici tributo per il versamento, tramite modello F24 Accise,…
17-04-2014

Dal 3 giugno, contributi previdenziali dei consulenti del lavoro con F24

A partire dal 3 giugno, i consulenti del lavoro potranno versare contributi previdenziali e assistenziali mediante F24, o direttamente on line,…
17-04-2014

Agevolazioni “prima casa” anche dopo la dichiarazione di successione

L’art. 69 della legge 342/2000 consente l’applicazione delle imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa, se l’immobile caduto in successione è…
17-04-2014

Incostituzionale l’inammissibilità del ricorso per “salto” della mediazione

Per effetto della L. 147/2013, che ha modificato l’art. 17-bis del DLgs. 546/92, la mancata presentazione del reclamonon ha più come effetto…
17-04-2014

Prorogata al 30 ottobre la comunicazione dei beni ai soci

La comunicazione relativa ai beni in godimento ai soci e dei finanziamenti può essere effettuata entro il nuovo termine del 30 ottobre, trentesimo…
17-04-2014

Escluso da IRAP chi si avvale di consulenti esterni

Con l’ordinanza 8914, depositata ieri, 16 aprile 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che il ricorso a consulenti esterninon è sinonimo di…
17-04-2014

Registro Imprese, regole più chiare per le aziende speciali di enti locali

Il Ministero dello Sviluppo economico, nella circolare 3669/C-2014, ha dettato alcune indicazioni operative legate all’iscrizione nel Registro delle…
17-04-2014

XBRL, la nuova tassonomia allunga la pratica di deposito

Una volta rilasciata la versione implementata della tassonomia XBRL relativa alla Nota integrativa (si veda “XBRL, al via la sperimentazione sulla…
16-04-2014

Fisco ed edilizia ai primi due posti degli adempimenti più complicati

Fisco ed edilizia occupano i primi due gradini del podio nella “top ten” degli adempimenti e delle procedure più complicati secondo cittadini e…
16-04-2014

Il taglio dell’IRAP del 10% riguarderà 620 mila imprese

L’impatto di una riduzione del 10% dell’IRAP interesserà 620 mila imprese, cioè il 72,2% delle società considerate. La platea degli interessati al…
16-04-2014

Pronti i codici tributo per l’imposta unica sulle scommesse a distanza

Con la risoluzione 39 di ieri, 15 aprile 2014, l’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, con modello F24 Accise,…
16-04-2014

Bolla di accompagnamento per il trasporto della birra a utilizzo “ristretto”

La circ. n. 4/2014 dell’Agenzia delle Dogane, pubblicata ieri, ha chiarito l’ambito di applicazione dell’art. 1, comma 1-bis del DPR 472/96. Tale…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it