Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
22-04-2017

Nel perfezionamento attivo il valore imponibile include le merci unionali

L’Agenzia delle Dogane, con la nota n. 34667/2017 pubblicata ieri, analizza il trattamento ai fini IVA delle merci unionali all’interno del regime di…
22-04-2017

Alle Sezioni Unite l’appello sottoscritto dal solo contribuente

Ieri, la Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10080, ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la questione…
22-04-2017

Per il valore in dogana forfetizzabile l’intero pagamento al venditore

L’Agenzia delle Dogane, con la circolare n. 5/D di ieri, introduce importanti semplificazioni (e modificazioni) alla determinazione degli importi…
22-04-2017

Coefficienti aggiornati per il valore dei fabbricati “D” delle imprese ai fini IMU e TASI

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato ieri sul proprio sito il decreto del 14 aprile 2017, che riguarda l’aggiornamento dei coefficienti per la…
22-04-2017

Sulla giurisdizione per accesso al 5 per mille negato la Cassazione non decide

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 10095 depositata ieri, 21 aprile 2017, rimette al vaglio delle Sezioni Unite una questione di giurisdizione…
22-04-2017

“Maxi” estensione dello split payment IVA dal 1° luglio 2017

Si fa ancora attendere la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del testo del decreto legge, approvato dal Consiglio dei Ministri dell’11 aprile scorso,…
22-04-2017

Il curatore agisce contro le banche finanziatrici

La Corte di Cassazione, nella sentenza n. 9983/2017, fornisce una precisazione cui devono prestare particolare attenzione i professionisti nominati…
22-04-2017

Il divieto di arbitrato societario per le quotate è un limite

Assonime, nella Note e Studi n. 5/2017, a cura di un gruppo di lavoro coordinato con l’AIA (Associazione italiana per l’arbitrato), analizza…
22-04-2017

Sanzioni più rapide per chi non rispetta gli obblighi formativi

Con l’informativa n. 23/2017, il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili ha inviato a tutti gli Ordini territoriali, e…
22-04-2017

Le ferie “programmate” non bloccano la CIG in deroga 2017

Con riferimento agli interventi di cassa integrazione in deroga per l’anno 2017, la fruizione di ferie programmate non fa venir meno il necessario…
22-04-2017

Per i non vedenti bonus pensionistico con maggiorazione dell’età anagrafica

In considerazione delle novità introdotte dall’art. 1, comma 209 della L. 232/2016 (c.d. legge di bilancio 2017), la circolare INPS n. 73/2017 ha…
22-04-2017

Alla vigilia del voto francese tassi in lieve rialzo

Sono numerose le novità intervenute durante la settimana e la pausa pasquale. Il clima politico ha visto un peggioramento con le tensioni Usa-Nord…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it