Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
29 giugno 2012

Studi di settore 2012: le cause di esclusione

Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione

Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

Per gli studi di settore, di cui all’art. 62-bis del decreto legge n. 331 del 30 agosto 1993, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono state previste dal legislatore oltre a cause di inapplicabilità anche alcune cause di esclusione. Le cause di esclusione così come quelle di inapplicabilità delineano le situazioni che possono determinare la non applicazione dello studio di settore: mentre le prime, stabilite dalla legge, implicano valutazioni generali valide per qualsiasi tipo di studio, le seconde, individuate dai decreti ministeriali di approvazione degli studi di settore, possono divergere da studio a studio e presentano pertanto un ambito di applicazione più limitato rilevando soltanto per alcune forme di impresa e per alcune tipologie di attività. La regola generale che obbliga un contribuente alla compilazione e alla presentazione degli studi di settore è rappresentata dall’esercizio, in modo prevalente, di un’attività in relazione alla quale sono approvati i relativi studi. Come riportato dalle stesse istruzioni relative agli studi di settore, per attività prevalente si intende l’attività dalla quale è derivato, nel corso del periodo d’imposta di riferimento, il maggior ammontare di ricavi, nel caso di attività esercitata in forma d’impresa, o di compensi, nel caso di attività esercitata professionalmente. Relativamente alle cause di esclusione, a seguito delle novità introdotte dalla Finanziaria 2007, la “revisione” della disciplina relativa agli studi di settore ha comportato la riclassificazione delle stesse e la necessità di compilare comunque, in alcuni casi, il modello studi di settore anche in presenza di una causa di esclusione. Come verrà analizzato nel presente intervento, in tutti i casi in cui il modello studi di settore non va compilato il contribuente deve allegare il modello INE.
Categorie:Studi di Settore
Studi di settore 2012: le cause di esclusione - Daily news N. 193 del 29.06.2012 a cura della Redazione€ 6,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
22-07-2014

Taglio del diritto camerale in due tranche

La riduzione del diritto annuale delle Camere di Commercio ci sarà, ma non si tratterà di un dimezzamento a partire dall’anno prossimo e dovrebbe…
22-07-2014

Semplificazioni fiscali “nel mirino” del Servizio Bilancio

Sullo schema di DLgs. sulle semplificazioni fiscali, inviato dal Governo alle Camere per il parere che dovrà essere reso entro il 1° agosto prima del…
22-07-2014

Anche il CNDCEC firma il protocollo sui debiti della P.A.

C’è anche il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili tra i firmatari del protocollo d’intesa relativo al pagamento dei…
22-07-2014

Società tra professionisti al nodo decorrenza

Come più volte riportato su questo quotidiano, lo schema di decreto legislativo in materia di semplificazioni fiscali all’esame ora delle Commissioni…
22-07-2014

Impugnabilità dell’estratto di ruolo alle Sezioni Unite

Mediante l’ordinanza n. 16055 depositata lo scorso 11 luglio, la sesta sezione della Corte di Cassazione ha rimesso al Primo Presidente la scelta…
22-07-2014

Antiriciclaggio, “aggiornata” la gestione delle segnalazioni di operazioni sospette

Con un comunicato stampa di ieri, la Banca d’Italia ha reso noto che l’Unità d’informazione finanziaria (UIF) ha aggiornato alcuni punti della…
22-07-2014

Il fallimento non è l’evento della bancarotta fraudolenta patrimoniale

Il fallimento, pur integrando una condizione necessaria per la configurabilità dei reati di bancarotta, non ne costituisce l’evento,se non per le…
22-07-2014

Il sistema dei controlli come strumento di “correzione permanente”

La riforma del 2003 ha portato il format degli “adeguati assetti organizzativi” (fra gli altri, si vedano gli artt. 2381, 2403 e 2409-terdecies c.c.)…
21-07-2014

Non si ha estinzione del credito con la cessione pro solvendo

La cancellazione dei crediti ceduti nel factoring pro solvendonon origina “perdite su crediti” deducibili. È uno dei chiarimenti più rilevanti della…
21-07-2014

Decorrenza ampia anche per gli avvisi bonari telematici corretti in autotutela

Si applica il termine dei 90 giorni per il pagamento delle somme dovute a seguito di “avviso bonario” telematico delle dichiarazioni ex art. 36-bis…
21-07-2014

Il biennio rilevante per il “redditometro” deve riguardare annualità accertabili

Nella versione vigente, applicabile a decorrere dagli accertamenti sull’anno 2009, l’accertamento sintetico è fattibile solo se, nell’anno sottoposto…
21-07-2014

Per dimostrare fatture false, non bastano indizi su irregolarità fiscali e contabili

La sentenza della Corte di Cassazione n. 16338/2014 ritorna sulla ripartizione dell’onere della prova in ipotesi di operazioni (soggettivamente ed…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it