Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 giugno 2017

Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc…

Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23

Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc… - Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23€ 10,00

(prezzi IVA esclusa)

L’applicazione dell’Irap, in seguito alla pubblicazione della sentenza della corte costituzionale, n.156/2001, passa attraverso l’accertamento del requisito dell’autonoma organizzazione, da effettuarsi caso per caso. Nel corso del 2016 le sezioni unite della cassazione sono intervenute per indirizzare una giurisprudenza ondivaga, che non riusciva a delineare in modo marcato l’effettiva sussistenza dell’autonoma organizzazione in presenza di collaboratori. Così la sentenza n. 9451/2016 ha fissato il tetto di un collaboratore con mansioni di segretariato o esecutive, la cui esistenza colloca una certa attività economica al di fuori dell’ambito dell’Irap. Superato detto limite il contribuente deve corrispondere il tributo regionale. L’intervento delle sezioni unite non ha, comunque, dissipato tutte le incertezze in merito all’Irap in quanto la giurisprudenza, in alcuni casi, non ha tenuto in considerazione i principi contenuti nella succitata sentenza (si pensi, ad esempio, alla sentenza n. 12616/2016 relativa alle imprese familiari). Se da una parte l’esercizio per così dire comune di un’attività professionale, caratterizzata dal lavoro del titolare, dalla collaborazione di lavoratori dipendenti e dall’utilizzo di beni strumentali, rientra senza problemi nel profilo organizzativo tracciato dalla sentenza n. 9451/2016, cit., altrettanto non può dirsi per l’esercizio di attività economiche realizzato attraverso l’utilizzo di collaboratori esterni o di servizi diversi per mezzo dell’outsourcing. Nel caso di specie è necessario delineare correttamente il presupposto della responsabilità della struttura, contenuto nella sentenza della Cassazione, Sezioni Unite, n. 12108 del 26 maggio 2009, per effetto del quale “ il requisito dell'autonoma organizzazione, il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente, tra gli altri, sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione, e non sia quindi inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse”. Un'altra criticità emerge nel caso in cui il libero professionista svolge contemporaneamente attività che richiedono una struttura organizzata (si pensi al dottore commercialista che utilizza un ufficio opportunamente arredato, collaboratori e computer per la tenuta della contabilità) e altre attività parallele per le quali detta struttura organizzata non viene utilizzata (si pensi alle attività di consulenza, di amministratore o di sindaco di società). Nel caso di specie, infatti, la cassazione, fin dal 2007, mediante la sentenza n. 9214, del 18 aprile 2007, ha precisato che occorre scindere le attività, distinguendo quella parte di compensi prodotti dalla struttura autonomamente organizzata, e pertanto soggetta all’Irap, dai compensi prodotti in assenza di tale struttura, esclusi dall’ambito del tributo regionale. Il presente intervento è finalizzato a fare il punto della situazione ad oggi, tenendo conto delle più recenti sentenze della corte di cassazione.
Categorie:Giurisprudenza  –  Irap
Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc… - Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23€ 10,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
23-09-2017

Selezionati i primi 70 indici di affidabilità fiscale

In attuazione dell’art. 9-bis comma 2 ultimo periodo del DL 50/2017, l’Agenzia delle Entrate, con il provv. n. 191552, firmato e pubblicato ieri, ha…
23-09-2017

Fuori dal circuito produttivo l’immobile in costruzione ceduto al consumatore finale

La cessione (operata da un soggetto IVA) di un fabbricato strumentale in corso di costruzione, se effettuata a favore del “consumatore finale”, ricade…
23-09-2017

Non punibilità per forza maggiore solo per eventi anormali e imprevedibili

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 22153, depositata ieri, ha fornito alcune precisazioni sulla nozione di forza maggiore, invocabile nel…
23-09-2017

Per Assosoftware servizi “generici” a soggetti Ue con codice N6

Assosoftware, in un comunicato stampa diffuso ieri 22 settembre 2017, si è espressa sul codice da indicare nel campo “Natura” dell’operazione della…
23-09-2017

Inerenza delle spese di ristrutturazione dell’immobile di terzi alle Sezioni Unite

La questione dell’inerenza delle spese di manutenzione straordinaria o di ristrutturazione di un immobile di terzi, ampiamente dibattuta in…
23-09-2017

Portale in tilt, sullo spesometro cresce la preoccupazione dei commercialisti

Altra giornata campale, quella di ieri, per i commercialisti alle prese con l’invio dei dati delle fatture emesse e ricevute nel primo semestre 2017.…
23-09-2017

Il patrimonio immobiliare della società non si confisca per evasione fiscale

La Cassazione, nella sentenza n. 43816, depositata ieri, prende in esame importanti profili attinenti al ricorso alla misura cautelare del sequestro –…
23-09-2017

Il CCNL condiziona la proroga per comunicare il licenziamento

Con la sentenza n. 22171/2017, depositata ieri, la Corte di Cassazione si è pronunciata con riferimento a due temi ricorrenti nell’ambito dei…
23-09-2017

Lieve l’impatto della riunione Fed sulle strutture dei tassi

Fed Fund fermo a 1-1,25% ma la Banca centrale Usa, il 20 settembre scorso, ha espresso il parere che i tassi di riferimento vadano nuovamente…
22-09-2017

La separazione neutralizza il mancato trasferimento nella prima casa

Nell’ordinanza n. 22023, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha affermato che non si realizza la decadenza dall’agevolazione prima casa, applicata…
22-09-2017

Spunta l’ipotesi della proroga per l’assegnazione agevolata ai soci

Il 30 settembre 2017 scade il termine per effettuare le operazioni di assegnazione e cessione di beni ai soci, nonché di trasformazione in società…
22-09-2017

Dall’Agenzia nuove FAQ sulla comunicazione dati fatture

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato alcune nuove risposte, nella sezione FAQ dell’applicativo dedicato a “Fatture e corrispettivi”, in tema di…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24035 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it