Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
5 giugno 2017

Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc…

Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23

Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc… - Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23€ 10,00

(prezzi IVA esclusa)

L’applicazione dell’Irap, in seguito alla pubblicazione della sentenza della corte costituzionale, n.156/2001, passa attraverso l’accertamento del requisito dell’autonoma organizzazione, da effettuarsi caso per caso. Nel corso del 2016 le sezioni unite della cassazione sono intervenute per indirizzare una giurisprudenza ondivaga, che non riusciva a delineare in modo marcato l’effettiva sussistenza dell’autonoma organizzazione in presenza di collaboratori. Così la sentenza n. 9451/2016 ha fissato il tetto di un collaboratore con mansioni di segretariato o esecutive, la cui esistenza colloca una certa attività economica al di fuori dell’ambito dell’Irap. Superato detto limite il contribuente deve corrispondere il tributo regionale. L’intervento delle sezioni unite non ha, comunque, dissipato tutte le incertezze in merito all’Irap in quanto la giurisprudenza, in alcuni casi, non ha tenuto in considerazione i principi contenuti nella succitata sentenza (si pensi, ad esempio, alla sentenza n. 12616/2016 relativa alle imprese familiari). Se da una parte l’esercizio per così dire comune di un’attività professionale, caratterizzata dal lavoro del titolare, dalla collaborazione di lavoratori dipendenti e dall’utilizzo di beni strumentali, rientra senza problemi nel profilo organizzativo tracciato dalla sentenza n. 9451/2016, cit., altrettanto non può dirsi per l’esercizio di attività economiche realizzato attraverso l’utilizzo di collaboratori esterni o di servizi diversi per mezzo dell’outsourcing. Nel caso di specie è necessario delineare correttamente il presupposto della responsabilità della struttura, contenuto nella sentenza della Cassazione, Sezioni Unite, n. 12108 del 26 maggio 2009, per effetto del quale “ il requisito dell'autonoma organizzazione, il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità se congruamente motivato, ricorre quando il contribuente, tra gli altri, sia, sotto qualsiasi forma, il responsabile dell'organizzazione, e non sia quindi inserito in strutture organizzative riferibili ad altrui responsabilità ed interesse”. Un'altra criticità emerge nel caso in cui il libero professionista svolge contemporaneamente attività che richiedono una struttura organizzata (si pensi al dottore commercialista che utilizza un ufficio opportunamente arredato, collaboratori e computer per la tenuta della contabilità) e altre attività parallele per le quali detta struttura organizzata non viene utilizzata (si pensi alle attività di consulenza, di amministratore o di sindaco di società). Nel caso di specie, infatti, la cassazione, fin dal 2007, mediante la sentenza n. 9214, del 18 aprile 2007, ha precisato che occorre scindere le attività, distinguendo quella parte di compensi prodotti dalla struttura autonomamente organizzata, e pertanto soggetta all’Irap, dai compensi prodotti in assenza di tale struttura, esclusi dall’ambito del tributo regionale. Il presente intervento è finalizzato a fare il punto della situazione ad oggi, tenendo conto delle più recenti sentenze della corte di cassazione.
Categorie:Giurisprudenza  –  Irap
Criticità aperte ai fini dell’Irap. Determinazione dell’autonoma organizzazione e separazione delle attività: amministratori, outsourcing, ecc… - Focus n. 22 del 05.06.2017 a cura di Ruggero Viviani - pag. 23€ 10,00

(prezzi IVA esclusa)

 

ABC News

 
24-07-2017

Anche i questionari vanno in ferie, ma fino al 4 settembre

Per effetto del DL 193 del 2016, da quest’anno opera una sospensione di alcuni termini fiscali nel mese di agosto, che va ad aggiungersi alla classica…
24-07-2017

Il nuovo modello TR testa le compensazioni oltre 5.000 euro annui

L’art. 3 del DL 50/2017 (conv. L. 96/2017) ha previsto l’obbligo di apposizione del visto di conformità (o della sottoscrizione alternativa…
24-07-2017

Acquiescenza alla sentenza solo con elementi inconfutabili

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 13047 del 24 maggio 2017, ha chiarito un aspetto interessante in tema di corretta identificazione (o meno)…
24-07-2017

Per la qualifica di impresa sociale è determinante il tipo di attività

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DLgs. 3 luglio 2017 n. 112 è divenuta operativa, a decorrere dal 20 luglio 2017, la nuova disciplina…
24-07-2017

Presupposti delle SOS anche dal controllo costante

In base al nuovo art. 35 comma 1 del DLgs. 231/2007, ai fini dell’invio di una SOS alla UIF, “il sospetto è desunto dalle caratteristiche,…
24-07-2017

Sanzione accessoria per il lavoratore irregolare extra-Ue non quantificabile

Con la nota n. 6152/2017 l’Ispettorato nazionale del Lavoro ha espresso il proprio parere in merito alla competenza sull’esecuzione della sanzione di…
22-07-2017

Conservazione elettronica di documenti originali unici con pubblico ufficiale

Con la risoluzione n. 96, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate si è espressa in merito alla legittimità di un particolare procedimento di…
22-07-2017

È reato anche l’occultamento o la distruzione di fatture false

Il delitto di occultamento o distruzione di documenti contabili di cui all’art. 10 del DLgs. 74/2000 è posto, innanzitutto, a tutela della trasparenza…
22-07-2017

Confermata la proroga dei versamenti solo per i titolari di reddito d’impresa

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 169 di ieri del DPCM 20 luglio 2017, è ufficiale la proroga dei versamenti per i titolari di reddito…
22-07-2017

Pronto il modello di definizione delle liti pendenti

Ieri, mediante provvedimento direttoriale n. 140316/2017, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modellodidomanda per la definizione delle liti…
22-07-2017

Ancora invariati i parametri per il reddito da allevamento

Con il DM 15 giugno 2017, pubblicato nella G.U. n. 162 del 13 luglio scorso, sono stati confermati anche per il biennio 2016-2017 i parametri definiti…
22-07-2017

Obbligatoria la quattordicesima se prevista dal contratto collettivo

Alcuni contratti collettivi prevedono per i dipendenti l’erogazione della quattordicesima mensilità, una seconda mensilità aggiuntiva oltre alla…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.
IBAN – IT33C0311152960000000033179

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26
Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it