Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
20 dicembre 2011

Deduzione forfettaria in favore degli esercenti impianti di distribuzione carburanti

Memory n. 489 del 20.12.2011 a cura di Riccardo Malvestiti

Secondo quanto previsto dall’articolo 34 delle legge n. 183 del 12.11.2011 – ovvero la c.d. legge di stabilità 2012 – a partire dal 01.01.2012 entra a regime la previsione contenuta dal comma 1 secondo cui gli esercenti degli impianti di distribuzione dei carburanti possono beneficiare di una deduzione forfettaria sui redditi. Tale previsione è stata introdotta dal legislatore per tenere conto degli effetti sortiti dall’aumento delle accise. La deduzione è prevista nella misura dell’1,1% del reddito per i ricavi fino a 1.032.000 euro e si riduce progressivamente per gli importi superiori a tale cifra. Secondo quanto previsto dalla legge n. 183/2011 per il calcolo dell’acconto d’imposta sul reddito prodotto gli operatori del settore non dovranno tenere conto di tale deduzione. La disposizione contenuta nel comma 1 dell’articolo 34 della legge di stabilità, quindi, si applica alla determinazione del reddito d’impresa (e quindi dell’imposta dovuta) ma non in sede di determinazione dell’acconto, che quindi verrà calcolato sulla base di un maggior imponibile. Ricordiamo, infine, che la deduzione in commento è stata prorogata ininterrottamente dal 1998 e prevede, per il prossimo anno un leggero ritocco dei limiti di ricavi che danno diritto alla deduzione.
Categorie:Agevolazioni Fiscali  –  Autotrasporti
 

ABC News

 
24-09-2016

Confini più definiti per il credito d’imposta per ricerca e sviluppo

La risoluzione n. 80 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata ieri potrebbe ridefinire, in modo stringente, i confini dell’ambito di applicazione del…
24-09-2016

Per dedurre le spese per disabili basta l’handicap anche non grave

Per la deduzione IRPEF delle spese mediche e di assistenza specifica necessarie nei casi di grave invalidità o menomazione, è sufficiente la…
24-09-2016

Nell’opposizione al passivo, onere della prova a carico dell’attestatore

Il preteso creditore, il quale proponga opposizione allo stato passivo del fallimento, dolendosi dell’esclusione di un credito del quale aveva…
24-09-2016

Mobilio e oggetti di antiquariato in RW

A pochi giorni dalla scadenza per la presentazione del modello UNICO 2016 e quindi del quadro RW per le persone fisiche, le società semplici e gli…
24-09-2016

Ruolo diverso per concorrente e amministratore di fatto

Nell’ambito dei reati commessi in contesti societari si tende, genericamente, ad affermare che alla responsabilità degli amministratori formali, di…
24-09-2016

Il CNDCEC propone le Zone economiche speciali per il rilancio del Sud

Zone economiche speciali, finanza agevolata e una “rivoluzione” nelle logiche della Pubblica Amministrazione. È questa la ricetta dei commercialisti…
24-09-2016

Al via i controlli a campione sull’utilizzo dell’“incentivo giovani”

Con la circolare n. 180 del 22 settembre 2016, l’INPS ha fornito un quadro riepilogativo della disciplina che regola l’incentivoex DL 76/2013 per le…
24-09-2016

Anche i conviventi possono fruire dei permessi per parenti disabili

L’art. 33, comma 3 della L. 104/1992, nella parte in cui non include il convivente “more uxorio” tra i soggetti legittimati a fruire del permesso…
23-09-2016

Non si estende all’IVA la proroga dei termini per l’accertamento della prima casa

L’art. 11 comma 1 della L. 289/2002 prevede una proroga di due anni dei termini per la rettifica e la liquidazione delle maggiori imposte di registro,…
23-09-2016

Nei reati tributari l’imposta evasa si determina in base al dato fattuale reale

Nei reati tributari, per “imposta evasa” deve intendersi l’intera imposta dovuta all’Erario, da determinarsi, tenuto conto delle risultanze probatorie…
23-09-2016

Tardivo invio del modello UNICO “costoso” per gli intermediari abilitati

La tardiva presentazione del modello UNICO, quindi delle dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA espone a conseguenze sanzionatorie non solo il…
23-09-2016

Possibile proroga per la detrazione IVA a forfait per auto a uso promiscuo

Il 19 settembre 2016, la Commissione europea ha inviato al Consiglio europeo la proposta di esecuzione (COM (216) 598 final) affinché l’Italia sia…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa

E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it