Assistenza e informazioni

Tel. 035 43.762.62
Fax 035 62.222.26

Rubriche

 
 
13 marzo 2012

DL semplificazioni fiscali: le novità in materia di IVIE

Memory n. 107 del 13.03.2012 a cura di Riccardo Malvestiti

Secondo quanto previsto dal DL n. 201/2011 viene introdotta con l’articolo 19 la tassazione dei beni immobili all’estero. Il decreto salva Italia, infatti, prevede che i contribuenti che detengono all’estero beni immobili saranno assoggettati a un prelievo simile a quello previsto in relazione agli immobili situati sul territorio nazionale. Per effetto dell’articolo 19, a partire dal 2011 è istituita un'imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato. L'imposta è dovuta, come per l’IMU, proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dell'anno nei quali si è protratto il possesso. L'imposta viene stabilita nella misura dello 0,76 per cento del valore degli immobili, considerando tale il costo risultante dall'atto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, secondo il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui è situato l'immobile. Secondo quanto previsto dal nuovo DL sulle semplificazioni fiscali (DL n. 16/2012 pubblicato in GU n. 52 del 02.03.2012), per evitare l’apertura di procedure d’infrazione rispetto a tale nuovo tributo, sono state introdotte alcune disposizioni che prevedono alcune ipotesi in cui può essere applicata l’aliquota ridotta prevista per l’abitazione principale e le relative detrazioni e una franchigia al di sotto della quale il contribuente non deve versare nulla a titolo di imposta.
Categorie:Redditi diversi  –  Unico e 730
 

ABC News

 
26-07-2014

Per la proroga del 770 manca solo l’ufficialità

Come anticipato ieri su Eutekne.info (si veda “Proroga per l’invio dei 770 più vicina” del 25 luglio), anche quest’anno, pur – come di consueto, a…
26-07-2014

Ravvedimento sulle compensazioni indebite con integrativa

Il ravvedimento operoso è possibile anche quando il contribuente abbia posto in essere, nel modello F24, una compensazione indebita, ad esempio…
26-07-2014

Niente RW per le stock option con clausola “exercise and sell”

Con la ris. di ieri, 25 luglio 2014, n. 73, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla compilazione del modulo RW,…
26-07-2014

Trasformazione DTA limitata nel consolidato fiscale

Con la circolare n. 24 di ieri, 25 luglio 2014, Assonime ritorna sul regime di trasformazione in crediti d’imposta delle attività per imposte…
26-07-2014

Offerta di opzione sul sito internet

A partire dallo scorso 25 giugno, nel caso di aumento di capitale di spa, l’offerta di opzione deve essere depositata presso l’ufficio del Registro…
26-07-2014

Indisponibilità dell’IVA legittima nel concordato preventivo

La Corte Costituzionale, con la sentenza 225/2014 depositata nella giornata di ieri, ha dichiarato infondata la questione di legittimità, posta dal…
25-07-2014

Proroga per l’invio dei 770 più vicina

I dettagli sarebbero ancora da definire, ma a breve potrebbe concretizzarsi la proroga per l’invio dei modelli 770.Al momento, di certo vi è un post…
25-07-2014

Sui “preparati per risotti” IVA al 4%

Sulla cessione del prodotti “preparati per risotti” si applica l’aliquota IVA del 4%. Lo ha chiarito, ieri, l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione…
25-07-2014

Negato “tout court” il reverse charge ai Compro Oro

Con la sentenza n. 6171/16/14, la C.T. Prov. di Milano non riconosce l’applicazione del meccanismo del reverse charge al “Compro Oro” che ha ceduto i…
25-07-2014

Le maggiorazioni delle sanzioni sul “lavoro nero” viaggiano col modello F23

L’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione n. 70 di ieri, ha istituito il codice tributo per il versamento, con modello F23, dei maggiori introiti…
25-07-2014

IVA “in chiaro” per il commercio di prodotti editoriali

L’Agenzia delle Entrate, con la circolare n. 23, pubblicata ieri, 24 luglio 2014, ha fornito importanti indicazioni circa le modalità di applicazione…
25-07-2014

Accertamento nullo se la motivazione è “carente”

È affetto da nullità l’avviso di accertamento che non rechi l’indicazione dei presupposti di fatto e delle ragioni giuridiche su cui si fonda la…

© A.L Servizi s.r.l. - Società a responsabilità limitata con Unico Socio.
Tutti i diritti riservati. All rights reserved.
Sede Legale Via San Pio V n. 27 - 10125 - Torino
C.F. P.IVA Iscrizione Registro Imprese di Torino: 10565750014
Capitale Sociale € 50.000,00 i.v.

Sede operativa e uffici Via Bergamo, 25 - 24135 Curno (BG) - Tel. 035 43.762.62 - Fax 035 62.222.26

Si prega di far pervenire eventuale corrispondenza presso la sede operativa
E-mail: lalentesulfisco@alservizi.it